Nell’isola un dibattito giuridico sulla lotta antimafia

Baptist Agostini-Croce è apprendista avvocato presso l’EFB, diplomato con un Master II Diritto penale internazionale & degli affari all’Université Paris I Panthéon-Sorbonne

 

Recentemente, molte persone si sono unite a collettivi che raccolgono sotto la definizione di “antimafia”, che sostengono un risveglio della coscienza collettiva e un irrigidimento dell’arsenale legislativo francese al fine di arginare la criminalità organizzata sull’isola.

Queste associazioni, la cui lotta è legittima, hanno formulato una serie di proposte molto ispirate al diritto penale italiano. Tali obiettivi si presentano come innovativi per il sistema giuridico francese, considerato troppo povero per risolvere casi legati alla criminalità organizzata.

Tuttavia, queste proposte non sono del tutto adeguate, la legislazione francese già copre questo settore. Ciascuna delle idee presentate dai vari collettivi è infatti già presa in considerazione nel diritto positivo.

È quindi opportuno soffermarsi sulle analogie tra il regime francese e quello italiano, in un momento in cui la politica carceraria italiana per la gestione della mafia viene criticata dalla Corte europea e che le udienze preliminari del Maxiprocesso de ‘ La ndrangheta è iniziata a Roma .

Questo  articolo non ha lo scopo di dare lezioni o formulare proposte nella lotta alla deriva mafiosa, il suo scopo è semplicemente quello di spiegare che le regole italiane desiderate si trovano nella legge francese.

L’associazione di tipo mafioso, chiave di volta del procedimento italiano

Continua ad essere preso come esempio un provvedimento faro, il famoso reato italiano di “associazione mafiosa”. Da sola, sarebbe la soluzione a tutti i mali causati dalla criminalità organizzata, cancellando energicamente l’impronta mafiosa con cui la Corsica è stata impastata per decenni.

Salvo che quando ci soffermiamo su ciascuno dei commi dell’articolo 416 bis del codice penale italiano che disciplinano il suddetto reato, notiamo che le presunte modifiche che queste disposizioni potrebbero apportare all’interno della legge francese si riducono a misura di pelle. dolore.

Perché ? Perché l’attuale legge repressiva include già tutti gli strumenti necessari per il perseguimento dei crimini e dei reati commessi nell’ambito della criminalità organizzata. Diversamente espressi, i contributi dell’associazione di tipo mafioso si trovano in altre forme nei codici francesi.

Un’associazione “mafiosa” composta da più persone

L’articolo italiano sanziona: “Chi fa parte di un’associazione mafiosa composta da almeno tre persone. ”

In Francia coesistono due elementi importanti, ovvero l’associazione per delinquere e la banda organizzata.

La partecipazione a un’associazione di criminali è definita nel primo comma dell’articolo 450-1 del codice penale, il quale prevede che “Un’associazione di criminali costituisce qualsiasi gruppo formato o accordo stabilito in vista della preparazione, caratterizzato da uno o più fatti materiale, uno o più reati o uno o più reati punibili con la reclusione almeno di cinque anni ”.

L’articolo 132-71 dello stesso codice specifica che “costituisce una banda organizzata ai sensi della legge qualsiasi gruppo formato o qualsiasi accordo stabilito per la preparazione, caratterizzato da uno o più fatti materiali, uno o più reati “.

Per semplificare le cose, la partecipazione ad un’associazione per delinquere sarà punita in caso di accordo tra privati ​​al fine di predisporre uno o più delitti o delitti, non appena ciascun partecipante si sia integrato consapevolmente e con disponibilità a fornire assistenza al progetto. Questo reato consente quindi di perseguire atti preparatori che, in circostanze normali nel diritto penale interno, non sono mai sanzionati.

In effetti, la legge francese punisce il tentativo, compreso l’inizio dell’esecuzione del reato. Tuttavia, qui non c’è inizio dell’esecuzione, poiché gli individui che sono membri del gruppo si occupano solo della preparazione del reato proposto.

Ciò dimostra quindi che quando si parla di criminalità organizzata esistono strumenti per consentire la repressione di ciò che, per altri reati, non sarà mai perseguito.

Le bande organizzate non sono un crimine, ma una circostanza aggravante che può entrare in gioco solo in caso di commissione o tentata commissione di determinati reati. Presuppone un’organizzazione strutturata tra i suoi membri e premeditazione. Permette quindi di punire più severamente un crimine o un reato quando è commesso dal gruppo.

È molto utile specificare che è possibile condannare una persona per “association de malfaiteurs” al fine di commettere un reato, nonché per la commissione di un reato commesso in una banda organizzata, nel caso di fatti separati . Tutto ciò dimostra anche l’ampiezza delle possibilità offerte dalla legge e dalla giurisprudenza francese nella lotta a questo tipo di comportamento, rendendo possibile reprimere tutte le azioni di un gruppo criminale.
Così, la legge italiana si unisce alla legge francese. L’associazione “mafiosa” di almeno tre persone descritta nel testo italiano sarebbe sanzionata in Francia attraverso le due suddette possibilità.

L’uso della forza intimidatoria

In Italia l’associazione è considerata di tipo mafioso se chi ne fa parte utilizza “la forza intimidatoria” del legame associativo e “l’omertà” per commettere reati o delitti, ovvero per “acquisire direttamente o indirettamente. la gestione o il controllo di attività economiche, concessioni, autorizzazioni, mercati e servizi pubblici o per ottenere profitti o vantaggi ingiustificati per sé o per altri, o per impedire o ostacolare il libero esercizio del voto , o per ottenere voti per sé o per altri durante le consultazioni elettorali ”.

Anche qui gli attivisti vogliono che la forza dell’intimidazione sia riconosciuta nel diritto interno. Tuttavia, questo paragrafo è solo il riflesso francese di diversi reati esistenti.

Quando si intimidisce qualcuno per ottenere qualcosa, può essere, a seconda delle circostanze, estorsione, che è punita nell’articolo 312-1 del codice penale come il fatto di “ottenere per violenza, minaccia di violenza o coercizione, sia una firma, un impegno o una rinuncia, o la rivelazione di un segreto, o la consegna di fondi, titoli o qualsiasi proprietà “, o anche una minaccia con un ordine di adempiere una condizione (articolo 222-18 dello stesso codice).

Il testo italiano, poi, indica di sanzionare più severamente quando l’associazione è “armata”, come avviene anche in Francia poiché il fatto di commettere determinati reati con un’arma aumenta il quantum della pena subita.

Egli prosegue prevedendo sanzioni più pesanti nel caso in cui “le attività economiche di cui i soci vogliono assumere o mantenere il controllo siano finanziate in tutto o in parte dal prezzo, dal ricavato o dal profitto di delitti o delitti” che è già tenuto conto del reato di riciclaggio di denaro previsto dagli articoli 324-1 e seguenti del codice penale.

La questione della confisca dei beni mafiosi

Infine, il penultimo comma dell’articolo 416 bis prevede che, in caso di condanna, è obbligatoria la confisca delle cose che sono state usate o destinate a commettere il reato, nonché per le cose che sono prezzo, prodotto, profitto o che ne costituiscono l’utilizzo.

L’articolo 131-21 del codice penale francese fa riferimento alla pena aggiuntiva di confisca, che può essere pronunciata in particolare quando il bene costituisce l’oggetto o il ricavato del reato, o anche quando è stato utilizzato per la commissione del reato. ‘offesa.
L’unica differenza è quindi la parte obbligatoria, che in Francia equivale a istituire una sanzione automatica di confisca. Ciò potrebbe eventualmente entrare in conflitto con il primo comma dell’articolo 132-17 del codice penale, secondo il quale nessuna sanzione può essere applicata se il giudice non l’ha espressamente pronunciata.

Il collettivo vuole anche spinte preventive . La procedura italiana prevede tale procedura, poiché “i giudici deducono da indici oggettivi, come una sproporzione significativa tra lo stile di vita e il reddito apparente o dichiarato, che i beni costituiscono il prodotto di attività illecite o del loro uso. . Il tribunale ordinerà la confisca dei beni sequestrati la cui origine legittima non è stata dimostrata. Se, invece, viene fornita la prova della loro legittima origine, dovrà revocare il sequestro. ”

Il sequestro preventivo italiano ricorda la possibilità di misure cautelari offerte dai procedimenti penali francesi, salvo che il sequestro transalpino esiste in modo autonomo, indipendentemente da qualsiasi processo penale, mentre in Francia il sequestro conservativo ha per mirare a garantire la pena aggiuntiva di una futura confisca. Questo è il caso dei sequestri penali speciali, che, in pratica nei casi finanziari, sono molto spesso applicati.

Non giustificazione dell’origine delle merci

È stato anche detto che una “democrazia deve poter esigere che una persona che ha rapporti con un’organizzazione criminale dimostri di aver acquisito la sua proprietà con un reddito lecito e di non averla confiscata”.

È proprio questo l’oggetto del reato francese di non giustificazione dei mezzi che punisce, all’art. 321-6 del codice penale: “Il fatto di non poter giustificare risorse corrispondenti al proprio stile di vita o di non poter provare l’origine di un bene posseduto, pur essendo in rapporti abituali con una o più persone che sono coinvolte nella commissione di reati o delitti punibili con la reclusione almeno di cinque anni e provvedendo loro se traggono profitto diretto o indiretto, oppure sono vittime di uno di questi reati ”.

Per quanto riguarda la confisca di detti beni, l’articolo 321-10-1 dello stesso codice indica che anche le persone fisiche colpevoli dei reati previsti dagli articoli 321-6 e 321-6-1 incorrono nella pena aggiuntiva della confisca totale o parziale dei loro beni, qualunque sia la loro natura, mobili o immobili, divisi o indivisi, di cui non potevano giustificare l’origine.

Il pericolo latente di una repressione più forte

Pertanto, probabilmente non è possibile richiedere che la lotta alla mafia sia inclusa nella legge francese, che dispone già di un arsenale relativamente ben fornito.

Inoltre, è importante non dimenticare l’intera procedura dispregiativa in termini di custodia, perquisizioni, tecniche investigative speciali, status di “pentito” o anche di tribunali specializzati consentiti dalla legge francese in crimine organizzato.

Si tratta di poteri estremamente macchinosi e lesivi delle libertà individuali, e l’andamento scelto dalla legge del 23 marzo 2019, che consente di autorizzare alcune procedure applicabili alla criminalità organizzata per “qualunque reato”, ci ricorda che auspichiamo che le disposizioni si irrigidiscano. specifico per la lotta alla criminalità organizzata espone questi regimi eccezionali a un pericoloso e progressivo slittamento verso il diritto comune.

Dietro il vessillo della lotta agli abusi mafiosi, è quindi importante non dimenticare la salvaguardia dello Stato di diritto.

 

Articolo segnalato da Baptist Agostini-Croce su OJP (Osservatorio della giustizia penale)
Foto: wikimedia