È nata la nuova squadra di pallavolo dell’Università di Corsica

Per la prima volta da anni, una squadra universitaria di pallavolo è stata fondata all’Università di Corsica.

La squadra riunisce 8 giocatori (6 sul campo e due per le sostituzioni) di età e settori vari, tuttavia uniti dallo stesso amore del gioco ed da un desiderio di promuovere lo sport Corso sul continente, di difendere i nostri colori. La squadra allenata da Nathalie Franceschi, professoressa dell’università, è composta da: Yoan Chevillon (primo anno di STAPS), Pierre Santini (primo anno di LEA ang/it), Martin Boix (primo anno di STAPS), Fabien Racine (primo anno di STAPS), Pierre-Gilles Angeli (primo anno di STAPS), Philippe Weber (secondo anno in informazione e comunicazione),Victor Boutsoque (secondo anno di STAPS) e Valentin Bricquet (terzo anno di STAPS), con capitano Martin Boix.

pallavolo201602-1

Il debutto è stato dato mercoledì 3 febbraio, direzione Nizza, dove i nostri giocatori hanno avuto le loro prime partite contro Marsiglia e la prima squadra di Montpellier. Purtroppo sono state due sconfitte (25-15 / 25-12 e 25-12 / 25-15). Si deve sapere che il livello delle altre squadre è molto elevato, infatti alcuni dei loro giocatori appartengono alla squadra giovanile di Francia. Mentre per i nostri era il loro primo viaggio insieme e dunque le loro prime vere partite al di fuori dell’Università di Corte. Sfortunatamente anche il secondo giorno non ha portato vittorie, anche se sono riusciti a vincere un set contro la seconda squadra di Montpellier. Ma il punteggio finale sarà di 25-17 / 23-25 / 15-13.

Nonostante le sconfitte, i ragazzi hanno saputo mantenere il sorriso e, cosa molto più importante, hanno saputo prendere un vero piacere a praticare il loro sport favorito per tutta la durata di questa due giorni, senza mai darsi per vinti! Il loro nuovo obiettivo ora è dunque di allenarsi sempre più per potere tornare l’anno prossimo e questa volta passare le fasi di qualificazione, che consistevano appunto in questo torneo di Nizza. E chi sa, perché non vincerlo? È il meglio che possiamo augurare loro!