Maltempo: Darmanin annuncia un’inchiesta sull’efficienza dell’allerta meteo e promette risarcimenti rapidi

Il ministro dell’Interno è in trasferta in Corsica quest’oggi, dopo l’episodio di tempesta e vento del giorno precedente, durante il quale hanno perso la vita cinque persone. Gérald Darmanin è tornato sulla gestione della crisi, avvenuta ieri mattina, e ha annunciato l’imminente dichiarazione dello stato di calamità naturale.

In visita al campeggio Dolce Vita di Calvi, venerdì 19 agosto, il ministro dell’Interno è tornato sui violenti temporali che hanno colpito la Corsica il giorno prima e che, secondo le ultime notizie, hanno lasciato l’isola in lutto per cinque persone, tra cui una ragazza di 13 anni.

Ieri sera si sono contate venti persone tra i feriti, di cui quattro in condizioni di assoluta emergenza. Abbiamo ricevuto notizie rassicuranti”, ha esordito Gérald Darmanin. In particolare per coloro che si trovavano in condizioni gravi.

Quali conclusioni si possono trarre dalla crisi? Questo evento meteorologico “eccezionale” si è verificato nello spazio di pochi minuti, ha ricordato il ministro, rendendo la sua gestione singolarmente complicata. “La difficoltà che abbiamo avuto ieri mattina è stata che l’allerta meteo era stata data ai servizi della prefettura la sera prima. Le prefetture hanno fatto il loro lavoro avvisando tutti i responsabili economici e comunali di questi venti.

L’allerta meteo non ha permesso di qualificare adeguatamente questi venti assolutamente eccezionali che si sono formati in pochi minuti.

La violenza dei venti segnalati ha sorpreso sia i servizi meteorologici che le autorità, che hanno avuto poco tempo per reagire, ricorda.

“Ci aspettavamo – era l’allerta di Météo France – venti di circa 100 km/h, cioè venti violenti, ma non straordinariamente violenti. Ma hanno raggiunto i 220 km/h. L’allerta meteo non ci ha permesso di qualificare adeguatamente questi venti assolutamente eccezionali che si sono formati in pochi minuti. L’allerta arancione è stata emessa solo pochi minuti prima dell’arrivo di questi venti e quindi non ha permesso  l’evacuazione dei campeggi in quel momento.

Difficoltà di previsione sono state osservate anche in altre parti d’Europa, ha sottolineato il ministro, “senza dubbio a causa della siccità che abbiamo vissuto”.
Tuttavia, ci sono stati dei difetti nella gestione dell’allerta di ieri mattina? Gérald Darmanin ha dichiarato che presto commissionerà un’indagine sui servizi di sicurezza civile in merito all’attivazione dell’allerta arancione.

“Quello che notiamo al Ministero dell’Interno è che l’allerta meteo è arrivata pochi minuti prima [del peggior maltempo]. Quindi alle 8 del mattino [l’evacuazione dei campeggi] non era fisicamente possibile”.

È allo studio la creazione di edifici specializzati per affrontare futuri episodi di maltempo sull’isola, ha sottolineato Gérald Darmanin.

Il Ministro dell’Interno ha anche annunciato che lo stato di calamità naturale dovrebbe essere dichiarato in Corsica a partire da mercoledì prossimo. Un modo, in particolare, per consentire “alle aziende di essere risarcite rapidamente”.

“Il prefetto ha anche organizzato con i professionisti del settore assicurativo uno sportello unico che consentirà a tutte le aziende di poter compilare molto velocemente la propria pratica, aiutati dalla prefettura, per poter toccare con mano la propria assicurazione in tempi molto rapidi.”

Gérald Darmanin ha detto che intende lavorare “come fa per ogni catastrofe, direttamente con il presidente della federazione assicurativa per garantire che gli operatori economici, oltre ai danni umani, psicologici ed economici di questa stagione, non debbano aspettare per il risarcimento economico”.

“Me ne assicurerò personalmente”, ripete. Il Ministro dell’Interno precisa che tornerà in Corsica a settembre, quando avrà “l’opportunità, senza dubbio, di tenere una riunione con il Presidente della Collettività e gli attori del mondo economico per poter vedere che tutte le cose impegnate dal Presidente della Repubblica sono state messe in atto”.


Fonte: FR3 Corse ViaStella