Lucciana: una notte al museo archeologico di Mariana
2 mins read

Lucciana: una notte al museo archeologico di Mariana

Sabato 13 maggio si è svolta la 19ª edizione della Notte europea dei musei. In tutta Europa, 3.000 strutture hanno aperto gratuitamente le loro porte ai visitatori, curiosi di scoprire le loro collezioni e le attività proposte per l’occasione. Inaugurato nel 2021, il Museo Mariana ha partecipato per la prima volta.

Un grande successo per una grande prima. Inaugurato nel 2021, il Museo archeologico di Mariana, a Lucciana, ha partecipato per la prima volta alla Notte europea dei musei, sabato 13 maggio.

In programma, per l’occasione, una conferenza sul mitraismo nel mondo romano, condotta da Ophélie de Peretti, direttrice della struttura. E i curiosi sono accorsi numerosi all’incontro: alcuni sono stati addirittura costretti a rimanere in piedi, per mancanza di sedie libere.

Volevamo dimostrare a chi non ha ancora avuto l’opportunità di venire al Museo Mariana che un museo non è un luogo polveroso, non è un luogo distaccato dal mondo e dalla società, al contrario“, sorride Ophélie de Peretti. Un museo è un luogo in cui si partecipa alle attività della società, in cui ci si interroga sul mondo, sul suo funzionamento e, ovviamente, in cui si utilizzano anche le nuove tecnologie per spiegare e portare la conoscenza al pubblico

Subito dopo la conferenza, si è svolta una visita dedicata al mitreo scoperto nel sito di Mariana. La visita è stata guidata da Camille Anardin, mediatore del museo, che ha cercato di attirare l’attenzione del pubblico più ampio possibile:“Riusciremo ad attirare le persone più anziane, che vogliono vedere più oggetti, vetrine classiche, diciamo, e allo stesso tempo i più giovani, per i quali vedremo delle animazioni“, spiega.

Giovani e anziani, addetti ai lavori del Museo delle Marianne e visitatori della prima ora, le attività hanno riscosso un successo unanime. Una cosa è certa: l’archeologia continua ad affascinare i corsi e i turisti.