L’Assunta Gloriosa : A Madona d’Argentu sposta à Bastia

Una di l’opere artistiche di u baroccu di à cità di Bastia po di sicuru esse a madona d’Argentu (L’Assunta Gloriosa), sposta ogn’annu u 15 agosto à a cattedrale indè u storicu carrughju di Terra Nova. Un’opera chellu hà sculpitu u senese Gaetano Macchi à a metà di u ottucentu in Bastia stessu. D’altre opere si trovanu dinò in d’altre chjese : tabernaculu d’argentu à San ghjuvà, o a meza luna d’argentu di l’uratoriu di a Cuncessiò.
Ogni 15 agostu secondu oramai una riccurenza stabilita da seculi, i bastiacci festighjeghjanu l’Assunta Gloriosa. Un ritu imuabile, ancu sè à i tempi d’oghje è cose scambianu ùn pò. Messa parata à mattina celebrata da Munsignore Pinelli archiprete di a cattedrale, è parechji altri sacerdoti, in presenza di é persunnalità civile : merre, prefettu, deputatu è numerosi eletti. Prucessiò u dopu meziornu à traversu i viculi di a citadella, carrughju sumerà, è piazza d’À, è in fine rinfrescu à u giardinè (Piazza Guasco). Archi fiuriti, bandierine à i culori di à Madona (Turchinu è biancu) dicuravanu è vie di u carrughju. E poi in serata , « citadella in festa » hà chjosu è festività in musica, canti , ballu è fochi d’artifizi.

U 15 agostu ùn c’hè ùn paese in Corsica induvè è chjese so chjose ancu sell’ùn c’hè preti. È cicone in campanile si facenu sente per pruvà, podasse, che sè è campane chjocanu i paesi ùn so spenti. A Santa Maria, per ùn dettu, tempi fà l’estate era finitu. Si sfacìanu i frascatti in marina è ogn’unu rientrava in paese. I pastori lasciavanu i pasculi muntagnoli, si acadastava a legna, u tempu inguernosu pigliava pocu à pocu a suprana. A tempera di Santa Maria marcava a cunclusione di i calori bullenti. Oghje, i tempi, u tempu, anu mutatu. Santa Maria ghje diventata u pichju di l’estate. E marine stanu sempre ingurgate, è spassighjere muntagnole so sempre successi turistichi. Ma i paesi trasfurmati in durmitorii per ghjente in fatiga lavurosa, principianu u so sonnu inguernale. Perche oghje cume tandu, i rimori festivi di l’Assunta annunzianu l’ora di a ripresa.

San Roccu un Santu di 600 chili
In stu mezu agostu u calendaru religiose face seguità duie feste maiò : Santa Maria è San Roccu. Bastia i festeghja tutti è dui. Sè l’Assunta ghje in cattedrale, San Roccu hà a so casa indè u bellu uratoriu baroccu di u carrughju Napuleò. E quì dinò a tradizione ùn scaglia. Messa in mattina. St’annu Puntificale incù a presenza di u vescuvu di Corsica Munsignore de Germay. In fine di dopu meziornu prucessiò. Ma solu tutti i tre anni. E 2018 ghje annata pruceziunale. I cunfratelli anu purtatu una statuà di 600 chili. E l’aspettu celeste di stu San Roccu un’hà cunsequenze nanta u so pesu. I cunfratelli, giovani è robusti, l’alzanu in cinque loghi per salutà è benedì a cità. Mughjentu in core « Evviva San Roccu ». Un c’hè santu in Corsica chi ùn rientrà in chjesa senz’à esse alzatu tre volte à i quattru punti cardinali, pocu importa u pesu. I Santi di Corsica salutanu cusi l’universu.
Un si festighjeghja San Roccu senza distribuzione di panucci. Ma in sti tempi, i panatteri unanu più a mana cusì larga . Avenne unu po esse miraculosu . A divuzione dinò po avè ùn prezzu…..

Petru luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

,