All’Assemblea nazionale approvate alcune esenzioni fiscali per la Corsica

L’Assemblea nazionale ha adottato, giovedì sera, in prima lettura, un emendamento che rende la Corsica, una zona di sviluppo prioritario (ZDP) con esenzioni fiscali per le piccole e piccolissime imprese. Questo emendamento, presentato dal governo nel contesto dei dibattiti sulla prossima legge di bilancio, fa seguito a una richiesta dell’esecutivo territoriale riguardante l’istituzione di una zona di imposta sulle zone montane prioritarie e una promessa del ministro delle finanze. economia, Bruno Le Maire. Il dispositivo dovrebbe essere raffinato in seconda lettura al Senato. “Questo è un progresso politico”, afferma Jean-Felix Acquaviva, deputato del distretto di Corte-Balagna e presidente del Comitato del Massiccio della Corsica.

Cos’è questa zona di sviluppo prioritario?

Il governo è stato ispirato dalle nostre proposte per una zona prioritaria della tassa di montagna e dalla nostra bozza di statuto sociale e fiscale per la Corsica di elaborare un emendamento che stabilisca in Corsica una zona di sviluppo prioritaria basata su criteri. La posta d’entrata legale scelta, per evitare la censura del Consiglio costituzionale, è che questo emendamento non è rivolto solo alla Corsica, ma a tutte le aree metropolitane. Detto questo, applicando criteri cumulativi, solo la Corsica è ammissibile. Inoltre, questo emendamento è presentato come un emendamento corsa. Questo è un importante passo avanti dopo la visita di Bruno Le Maire in Corsica. Questo voto mostra che ci può essere un percorso di co-costruzione tra la Corsica e Parigi.

Quali sono i criteri cumulativi?

Sono di tre tipi. La regione interessata deve essere uno del 30% delle aree metropolitane con il più alto tasso di povertà, il 30% con il tasso più alto di 15-24 anni senza formazione e senza lavoro, e il 30% con densità di popolazione al metro quadrato più basso. Se una regione accumula tutti questi vincoli, i comuni, che lo compongono, sono eleggibili per la zona di sviluppo prioritaria.

Quali sono i vantaggi di questo ZDP?

Questa zona consente una defiscalizzazione più ambiziosa di quelle concesse dalla Zona di di Rivitalizzazione Rurale (ZRR). Questi includono esenzioni per cinque anni dalle imposte sulle società e le esenzioni per dieci anni dalle tasse locali come il contributo sul terreno delle società (CFE) e l’imposta sugli immobili costruiti (TFPB). Ad esempio, per il CFE, la metà del valore della base netta sarebbe a carico dello Stato per sette anni e in modo decrescente per i restanti tre anni. I Comuni e l’EPCI possono, deliberatamente, se lo desiderano, prendere in carico l’altra metà. Questo sistema consente, alla fine, di aumentare fino al 100% l’esenzione dalla valutazione del terreno delle imprese e il contributo sul valore aggiunto (CVAUE, CFE e TFPB).

Quali aziende sono interessate?

Tutte le piccolissime e piccole imprese con attività industriali e commerciali che verranno create a partire dal  ° gennaio 2019. Ad esempio, le società turistiche e turistiche dotate di servizi professionali possono beneficiare di questo programma.

Ci sono altre differenze da una zona di rivitalizzazione rurale?

Sì! La defiscalizzazione non è consentita, vale a dire che non è soggetta alla regola De minimis. Mentre nella zona di rivitalizzazione rurale, l’esenzione per un periodo di dieci anni, secondo determinati criteri, dell’imposta sulle società è fissata a 200.000 euro su 3 anni. Un altro punto interessante è che, a seconda del tipo di attività, delle dimensioni e dello scopo, può scegliere di essere in una zona di rilancio rurale per la tassa sulle società e in una zona di sviluppo prioritaria per i contributi locali. o viceversa.

Non è questo un deficit per i comuni e l’EPCI?

Sì, ma riguarda le aziende in divenire che non esistono ancora sul territorio! C’è un effetto di attrazione. In una zona di montagna rurale dove non ci sono affari, niente TPE, non costa un comune o un EPCI per esentare l’altra metà delle tasse di un’azienda che crea e crea lavoro. Soprattutto perché non incide sulle entrate dei comuni di grandi aziende come EDF… Inoltre, l’emendamento prevede che la quota dell’esenzione dello Stato sarà risarcita ai comuni e dalle intercormunalità.

Questo schema si applica a tutti i comuni rurali?

Esattamente! Il governo ha definito un’unica zonizzazione. La regione corsa combina tutti i vincoli, il dispositivo si applica a tutti i comuni. Mi dispiace, da parte mia, che Bastia e Ajaccio siano trattati allo stesso modo di Lozzi o Taglio-Isolaccio. Vogliamo sottoammendare per escludere le Comunità dagli agglomerati in modo che non possano concedere l’esenzione sul restante 50%. L’obiettivo è quello di creare un differenziale tra agglomerati urbani e territori montani rurali al fine di ridurre il divario territoriale tra montagna e costa. Al momento della sua presentazione al Senato all’inizio di dicembre, lavoreremo per perfezionare il sistema di zonizzazione. I deputati Charles De Courson (Marne) e Serge Letchimy (Martinica) sostengono questo punto.

Questo dispositivo è abbastanza paragonabile alle tue aspettative sulla montagna?

No! Questo sistema non è sufficiente, né politicamente, né economicamente né fiscalmente. Lontano da questo! Questa non è l’area delle tasse di montagna come l’abbiamo proposta. Tuttavia, si tratta di un risultato politico ispirato alla zona delle tasse di montagna e che tiene conto del carattere rurale e montuoso della Corsica. È un compromesso interessante che crea un reale vantaggio fiscale per promuovere l’attrattiva economica delle zone rurali e montane. Conferma la discussione che abbiamo avuto in Parlamento sui crediti d’imposta. Da un lato, i crediti d’imposta speculativi si estinguono e, d’altra parte, vengono ridistribuiti su crediti fiscali e produttivi. Anche se ci piacerebbe che le esenzioni dagli oneri sociali e di datore di lavoro fossero incluse nello schema, questo è un passo avanti politico ed economico rispetto a quello che la Corsica ha vissuto finora.

Fonte: Corse Net Infos