L’area sport natura del Prunello: 7 ettari di verde nel cuore di Porto Vecchio

Arricchito con arredo urbano e attrezzature sportive, questo spazio di attività situato al Prunello, unico in Corsica, offre ora un ambiente privilegiato per gli atleti dell’estremo sud dell’isola ed è stato aperto nel maggio 2016.

Questo concetto, in un’area urbana, è per il momento unico in Corsica e ha già molti seguaci sin dalla sua messa in servizio l’anno scorso. L’area “sport natura” sul sito di Prunello va ben oltre il semplice percorso fitness e offre circuiti multi-livello per la corsa, la camminata (un percorso da 800 e uno da 1.100 metri), la mountain bike (un percorso da 600 e uno da 1.050 metri) e il trail running (un percorso 1.450 metri).

Negli ultimi mesi è stato arricchito da spazi conviviali per il relax con panchine e tavoli per uscire con amici e per le famiglie, così come attrezzature sportive realizzate al 100% in plastica riciclata.

L’aerea sport natura si trova vicino al complesso sportivo e al campo da tennis in Chemin de Quenza a 1,5 km dal centro di Porto Vecchio.

Sei tappe progressive completano i percorsi di gara, dedicati allo stretching e al rilassamento, alla costruzione muscolare, alle abilità motorie, all’equilibrio e al coordinamento, ecc. In breve, abbastanza per offrire un corso completo di fitness per mantenere la sua salute. Tutto in un ambiente naturale preservato.

La natura, vero filo conduttore per quest’area che si estende per quasi 7 ettari. Il sito è stato realizzato e continua a essere mantenuto come parte di un progetto di inserimento del contratto di città, in collaborazione con l’associazione Studi e siti Corsica.

Un concetto evolutivo

“L’idea è davvero quella di rendere il sito di Prunello un polmone sportivo nel cuore della città”, ha detto Jean-Michel Sauli, assessore allo sport, che non si ferma qui perché è una questione di integrazione in questo spazio per divertimento e impianti sportivi per bambini, “per renderlo accessibile a tutto il pubblico intergenerazionale”.

A medio termine si tratta anche di installare fontane e illuminazione. Alcune associazioni del territorio hanno già stanziato i posti per la loro formazione e le loro attività. Uno dei tanti obiettivi ricercati. I paesi non saranno esclusi, “è il prossimo passo, vogliamo estendere il concetto”, afferma Jean-Michel Sauli.

Questa iniziativa potrebbe anche fungere da catalizzatore per altri progetti in tutto il territorio. “Lo sviluppo di percorsi per mountain bike etichettati come è già stato fatto in altre micro-regioni porterebbe un vero valore aggiunto del turismo”, ha detto Jean-Francois Ciabrini, che ha guidato questo spazio di progetto “sport natura” in connessione con l’assessore allo sport.

L’azienda Sarl Espaces Renard di Lorient in Bretagna, specialista in attrezzature per lo sport all’aria aperta, ha allestito tutti il parco.

Informazioni tratta dal sito Porto Vecchio Tourisme  e dal sito del comune di Porto Vecchio.

 

Fonte: Corse Matin