La parola «pinzutu» entra nel dizionario francese Larousse 2023

La lingua è viva, e dunque anche il dizionario deve ogni anno aggiornassi. Quello della casa editrice Larousse, fondata nel 1852, è tra i più famosi in Francia.

Per la sua edizione 2023 che verrà pubblicata il prossimo 15 giugno, il Larousse procede anche lui con qualche aggiunta. Appaiono 150 parole, locuzioni, espressioni provenienti dell’attualità (tantissime si riferiscono al Covid), o che sono adattamenti di parole straniere (per esempio “wokisme”). Ma ci sono anche parole provenienti dalle lingue regionali.

Il regalo della Corsica al dizionario francese quest’anno è “pinzutu”. Parola a connotazione negativa per designare i francesi continentali, “pinzutu” è nato nel diciottesimo secolo in riferimento ai caschi appuntiti dei soldati di Luigi XV. Nella definizione data dal dizionario, “pinzutu” si riferisce anche al modo di parlare dei francesi del continente.

Usata da una grande parte della popolazione còrsa, a volte con malizia ma soprattutto per il piacere di stuzzicare la gente, la parola “pinzutu” sembra di aver fato un passo – che non si aspettava – verso i posteri

Fonte: Larousse

Immagine : Wikinade su Wikimedia Commons

About Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

View all posts by Guillaume Bereni →