La ministra dell’ecologia Élisabeth Borne e Jean-Guy Talamoni in visita al cargo arenato

Il ministro della transizione ecologica Élisabeth Borne si è recata questo pomeriggio a Bonifacio sul sito di Cala Longa dove si è incagliata la notte da sabato a domenica il cargo Rhodanus per fare un punto sulla situazione. Era alla presenza del prefetto corso Josiane Chevalier , del prefetto marittimo Laurent Isnard e di Jean-Guy Talamoni.

Élisabeth Borne ha incontrato per la prima volta le autorità locali e i funzionari eletti prima di rilasciare una dichiarazione alla stampa. Voleva essere rassicurante sui rischi di inquinamento nella riserva naturale delle Bocche di Bonifacio. “Non c’è inquinamento trovato in questa fase. Questo tipo di incidente in una riserva così delicata non è accettabile. È prioritario rimuovere il carburante presente nella nave per evitare qualsiasi rischio di inquinamento.”  Il cargo infatti ha ancora a bordo 38 tonnellate di carburante.

Ha detto che sono state condotte analisi tecniche per sapere come inclinare la nave. Per quanto riguarda la sicurezza dello stretto delle Bocche di Bonifacio e del Canale di Corsica, ha affermato di essere determinata a “ottenere regole più rigorose con schemi di separazione del traffico, obblighi di pilotaggio e divieti per i materiali pericolosi in una zona. sensibile come le Bocche di Bonifacio “.

“Questo incidente avrebbe potuto essere ancora più grave ed è stato preso molto sul serio dallo Stato. Faremo ogni sforzo per garantire che l’evacuazione del carico avvenga senza danni al sito. Le Bocche di Bonifacio sono un sito straordinario e dobbiamo fare tutto affinché non subisca ulteriori danni “, afferma la Ministra dell’ecologia.

“Queste sono richieste che la Francia porterà all’organizzazione marittima internazionale rimbalzando su questo incidente che fortunatamente non ha avuto conseguenze in termini di inquinamento”, ha aggiunto.

“L’area di arenamento del mercantile è tanto più delicata in quanto è la zona di riproduzione per molti pesci e specie più generalmente endemiche sulle nostre coste, è una zona di nascita dei pesci ed è necessario raddoppiare vigilanza “continua Jean-Michel Culioli, responsabile delle aree protette dell’Ufficio dell’Ambiente della Corsica.

“Per il momento non si osserva alcun inquinamento, questa volta il carico è costituito da bobine di acciaio, ma possiamo solo scaricarli completamente. Osserviamo attentamente e rimaniamo vigili sul rischio di inquinamento e con i nostri esperti stiamo cercando il modo migliore per scaricare la nave in sicurezza. Potrebbero essere necessari alcuni giorni, alcune settimane o anche alcuni mesi “, continua Thierry Duchesne, vice prefetto marittimo.

Il ministro Élisabeth Borne con Jean-Guy Talamoni

Fonte: Corse Matin e Corse Net Infos