Per la festa di Ognissanti a Bastia si fa la Salviata

Le celebrazioni per la festa di Ognissanti in Corsica sono molto importanti.
I dolci sono momenti di morbidezza, molte regioni hanno le loro specialità.
La cucina Corsa ha attinto la sua originalità nei suoi propri prodotti, perché dico questo? perché in corsica nessun dolce è fatto con cioccolato a differenza di altri paesi, possiamo dire che la cucina corsa è una cucina povera che utilizza i propri prodotti del territorio.
Alcuni dolci, come per il resto della cucina, sono fatti il giorno della festa patronale della città.
Così a Bastia per il 1 novembre, si fa un dolce che si chiama la Salviata, questo dolce ha la forma di una S ed è a base di salvia da cui deriva il suo nome Salviata.

Storia della festa di Ognissanti e l’importanza della tradizione per i Corsi :

La festa di Ognissanti non proviene da testi biblici, ma le sue origini vengono dal nuovo anno Celtico.
E’ una festa che non è una celebrazione per i morti come tutti la pensano, è stata introdotta prima dai cattolici per celebrare tutti i martiri e poi è diventata una festa per tutti i Santi.
La leggenda dice che quando Giuseppe, Maria e Gesù bambino sfuggivano la collera di Hérode, la salvia fu l’unica pianta che accetta di proteggere e di nascondere il bambino, la rosa e il garofano avendo rifiutato di dargli un rifugio. Quando il bambino fu salvato dai suoi carnefici la salvia fu ricompensata dalle sue virtù rilassanti. Invece la rosa da spine e il garofano con dei fiori puzzolenti.
La notte della festa di Ognissanti i morti sono presunti tornare dove hanno vissuto, la tradizione vuole allora che lasciamo il suo coperto a tavola e prima di andare a dormire lasciare del pane con dell’acqua.
Le feste religiosi per i Corsi sono molto importanti, perché sono molto legate ai valori e alle pratiche religiose.
Per il primo novembre certi Corsi del nord ma sopratutto a Bastia, sono con la loro famiglia e i loro amici per celebrare la festa di tutti i Santi mangiando dolci come per esempio la Salviata.

Ingredienti :

Farina Bianca 500G
Strutto 125G
Zucchero di canna 125G
Zucchero 125G
Uova 2
Cucchiai di latte 2
Cucchiai di Pastis 1
Lievito 1 bustina
Qualche foglia di salvia secca
Zucchero a velo quanto basta

Ricetta per 3 Salviate: Come prepararle

  • Seccare in un forno tiepido qualche foglia di salvia e ridurle in polvere schiacciandole.
  • Sciogliere lo strutto.
  • In una ciotola versare lo zucchero e lo zucchero di canna con lo strutto fuso, aggiungere le uova, il latte, il pastis, la farina bianca, la salvia ridotta in polvere e la bustina di lievito.
  • Mescolate fino ad amalgamare bene il tutto, la pasta deve essere omogenea.
  • Dividetela in tre parti uguali e formate tre filoni.
  • Modellate i filoni in modo da conferire loro una forma di S.
  • Con i palmi delle mani appiattite l’impasto 1/2 cm a 2 cm.
  • Prendete una teglia rivestitela con della carta da forno, disponete sopra le salviate distanziandole di qualche cm l’una dalla altra.
  • Fate cuocere in forno prescaldato a 180 ° per 25 minuti.
  • Toglietele dal forno e decorate con una spolverata di zucchero a velo e lasciateli raffreddare.

Buon appetito !

About Don Joseph Luccisano

Luccisano Don Joseph è uno studente in terzo anno d'italiano all'Università di Corsica e nella vita ama giocare e guardare le partite di calcio.

View all posts by Don Joseph Luccisano →