La compagnia aerea sarda Meridiana diventa Air Italy: saremo vettore nazionale

Da anni la compagnia aerea sarda era sull’orlo del fallimento. Da oggi Meridiana cambia nome in “Air Italy” e, con il supporto del nuovo azionista Qatar Airways, punta a diventare «il vettore nazionale per l’Italia», scalzando Alitalia. «Dimostreremo che la stella siamo noi» ha detto l’amminsitratore delegato del nuovo azionista Qatar Airways, Akbar Al Baker, presentando i piani di sviluppo di AirItaly. «In 5 anni la flotta crescerà a 50 aerei e trasporterà 10 milioni di passeggeri», ha indicato Francesco Violante, presidente di Meridiana.

Air Italy punta a creare «più di 1.500 posti» di lavoro grazie ai piani di sviluppo legati al nuovo piano industriale, ha detto Al Baker, in conferenza stampa. «Si tratta di un piano ambizioso e di grandi prospettive per Air Italy» ha detto il presidente di Meridiana, Francesco Violante. «In 5 anni – ha aggiunto – Air Italy avrà 50 aerei e trasporterà 10 milioni di passeggeri. Ai dipendenti andrà il 20% degli utili».

L’hub sarà Milano Malpensa mentre il quartier generale resterà a Olbia, rassicura la dirigenza. Ma una società presentata a Milano che si chiama Air Italy e il cui motto è “see the world differently” ha ormai molto poco di sardo… e forse anche di italiano.

Giorgio Cantoni

Nato nell'82 da genitori originari della città lombarda di Crema, di cui conosce e ama il dialetto, è appassionato di linguistica e di informatica. Vive vicino a Milano, dove lavora nel mondo della comunicazione digitale. Si è innamorato della Corsica e della sua cultura nel 2008, e sette anni dopo è stato tra i fondatori di Corsica Oggi.

Giorgio Cantoni

A proposito di Giorgio Cantoni

Nato nell'82 da genitori originari della città lombarda di Crema, di cui conosce e ama il dialetto, è appassionato di linguistica e di informatica. Vive vicino a Milano, dove lavora nel mondo della comunicazione digitale. Si è innamorato della Corsica e della sua cultura nel 2008, e sette anni dopo è stato tra i fondatori di Corsica Oggi.

Vedi tutti gli articoli di Giorgio Cantoni →