La Collettività della Corsica chiede controlli rafforzati su passeggeri e merci in entrata

Il Consiglio esecutivo della Corsica chiede un rafforzamento dei controlli sui passeggeri e sulle merci che entrano nel territorio dell’isola. Per il Consiglio esecutivo, questo inizio del periodo primaverile e festivo, richiede “un’applicazione drastica delle regole di restrizione” e “limitazione e controllo dei flussi” e deve ottenere il sostegno di tutti gli operatori a cui tutti ” requisiti, che non sono negoziabili. ”

Ecco il comunicato stampa del 4 aprile:

 

“Dall’inizio della crisi sanitaria legata a Covid-19, il Consiglio esecutivo della Corsica e la Collettività della Corsica nel suo insieme hanno reso la salute degli abitanti dell’isola una priorità assoluta e hanno lavorato per ottenere tutti i mezzi necessari per preservarla.
Pertanto, anche qui dall’inizio della crisi, il Consiglio esecutivo della Corsica ha difeso, anche ai massimi livelli governativi, la necessità di limitare e controllare il flusso di passeggeri e merci che entrano nell’isola, nonché dall’Italia come dalla Francia o da qualsiasi altro stato.
Questi approcci, combinati con l’evoluzione della situazione sanitaria e la dottrina dello Stato in materia, hanno portato il prefetto della Corsica, il prefetto della Corsica del Sud e il prefetto dell’Alta Corsica a prendere, dal 18 marzo 2020, ordinanze che limitano in modo molto rigoroso il trasporto di passeggeri e merci, sia via aerea che via mare.
L’attuale regime è pertanto chiaro: il principio è il divieto. Le eccezioni sono rigorosamente definite e devono corrispondere alla soddisfazione dei bisogni essenziali o a un obiettivo di interesse generale.

 

Non appena questo decreto è entrato in vigore, il Consiglio esecutivo della Corsica ha chiesto che fosse assicurata la sua rigorosa applicazione, sia in campo aereo che marittimo.
Questa competenza infatti appartiene allo Stato, unico detentore dei poteri di polizia in materia.
In generale, va notato che le società di delega di servizio pubblico e i vettori insulari hanno pienamente rispettato le norme applicabili.

 

Tuttavia, nei giorni successivi al decreto del 18 marzo, entrato in vigore il 20 marzo, sono stati segnalati o sospettati abusi, in particolare nel settore marittimo (passeggeri e merci).
Questi elementi sono stati immediatamente portati all’attenzione del Prefetto della Corsica, per verifica e, se necessario, promemoria del regolamento.
A seguito di queste segnalazioni, e dal 26 marzo 2020, il Consiglio esecutivo della Corsica ha anche chiesto per iscritto al prefetto di rafforzare i certificati ai passeggeri richiedevano l’emissione di un biglietto e i controlli di polizia all’imbarco degli aerei e delle navi.
Questi passaggi hanno portato l’autorità prefettizia a rafforzare il sistema applicabile: nuovo decreto del 28 marzo 2020; dettagli relativi ai documenti richiesti per autorizzare il trasporto.

 

Nonostante questo nuovo accordo e le assicurazioni fornite dalla Prefettura in merito al numero e all’efficacia dei controlli, continuano a essere rilevati numerosi segnali che suggeriscono flussi anormali di passeggeri, in particolare da Tolone.
È pertanto necessario rafforzare i meccanismi di controllo e sanzione, in particolare durante questo periodo di vacanze scolastiche e quando il tempo è bello, che rischiano di aumentare meccanicamente i flussi.

 

È pertanto necessario prestare particolare attenzione ai flussi di passeggeri (in particolare per evitare nelle prossime settimane qualsiasi flusso di turisti o proprietari di seconde case, in contraddizione con i requisiti di quarantena) e sul trasporto merci (questo tanto quanto la riorganizzazione del servizio pubblico affidato alle società delegate ha permesso di garantire quasi tutti i bisogni essenziali della Corsica attraverso un trasporto “inerte”, vale a dire senza l’imbarco di un trasportatore, questo per tener conto requisiti sanitari per combattere Covid-19).

 

La situazione attuale, a maggior ragione all’inizio del periodo primaverile e festivo, richiede pertanto una drastica applicazione delle regole di restrizione e, se necessario, il loro rafforzamento mediante modifiche alle norme prefetturali applicabili.
Chiede inoltre, da parte degli operatori dei trasporti, il pieno e sincero sostegno agli obiettivi di sanità pubblica perseguiti attraverso la limitazione e il controllo dei flussi.
Il prossimo comitato di monitoraggio, che si riunirà lunedì 6 aprile alla presenza di compagnie di navigazione (Corsica Linea, La Méridionale, Corsica Ferries, Camera di Commercio della Corsica, SPTC e servizi statali) sarà un’opportunità per Consiglio esecutivo corso per ricordare questi requisiti, che non sono negoziabili.
Non vi è infatti dubbio, nel settore dei trasporti come in altri, di scendere a compromessi sulle norme che contribuiscono alla salute dei corsi “.

Fonte: Corse Net Infos