Julie Benetti, rettrice dell’Accademia di Corsica: la riapertura delle scuola sarà progressiva

Julie Benetti, rettore dell’Accademia di Corsica, aveva pianificato una consultazione approfondita, con tutti i partner, non appena il ministro Blanquer aveva annunciato un possibile ritorno in classe l’11 maggio. Quindi gli incontri di videoconferenza sono stati concatenati, ognuno con il suo ruolo. “Sono quasi tre settimane che lavoro con i direttori accademici di Corsica del Sud e Alta Corsica per consultare tutti gli attori e i partner dell‘Educazione Nazionale. Ho indicato dopo l’annuncio di il Capo dello Stato di una riapertura graduale di scuole e istituti che potevamo solo avanzare insieme: funzionari eletti, rettorato, insegnanti e genitori di alunni. Ho cercato di rendere questa consultazione più ampia e il più efficace possibile “, afferma.

Sicurezza

Per guidare bene il processo, le discussioni assumono anche una dimensione individuale. “Abbiamo con i direttori accademici di Corsica del Sud e Alta Corsica contattato personalmente tutti i sindaci il cui comune ha una scuola e i nostri scambi con ciascuno dei sindaci sono stati molto numerosi. iniziativa con la comunità della Corsica lo scorso 20 aprile al termine della quale mi è stato promesso un rapido ritorno sulla posizione dell’istituzione regionale, sia sulla riapertura delle scuole secondarie che sul trasporto scolastico. Ho anche riunito il personale addetto alle ispezioni primarie, rappresentanti dei presidi delle scuole e presidi delle università, ho incontrato diverse organizzazioni sindacali e li riunirò di nuovo oggi. consultato i genitori degli studenti in due incontri, l’ultimo dei quali si è tenuto martedì “, ha detto.

Durante le interviste, un ampio consenso può essere identificato in base al direttore accademico. “Siamo tutti consapevoli che in assenza di un vaccino da almeno un anno e di un trattamento efficace fino ad oggi noto, dovremo imparare a convivere con il virus. Siamo anche tutti convinti che qualunque quella è la data, la riapertura delle scuole non può avvenire in condizioni equivalenti a quelle precedenti al periodo di quarantena. E tutti noi abbiamo come priorità assoluta la sicurezza del nostro personale e dei nostri studenti “.

200 professori

La prospettiva non è fine a se stessa. “La concertazione con tutti i nostri partner non si interromperà l’11 maggio. Continuerà in particolare con tutti i sindaci che ci hanno detto di non essere in tempo per riaprire lunedì ma vogliono continuare a lavorare a stretto contatto con il Ministero dell’Educazione Nazionale per riaprire le loro scuole molto presto. Le sosterremo quanto necessario perché se la decisione spetta ai sindaci, il nostro supporto è essenziale per l’attuazione delle linee guida sulla salute “.

Soprattutto perché la ripresa delle lezioni sembra necessaria per una parte del personale docente. Dobbiamo stare attenti a generalizzare le interpretazioni. “Né voglio che qualcuno suggerisca che tutti i nostri insegnanti siano cauti sull’argomento o addirittura contrari all’idea di trovare la loro scuola o il loro istituto. Sarebbe ingiusto per i nostri 200 insegnanti che, dall’inizio Al posto di un servizio di accoglienza per i bambini del personale infermieristico, si sono offerti volontari durante il periodo di confino e il loro impegno è esemplare.

Sarebbe ingiusto per tutti i nostri professori  che durante le vacanze di primavera hanno fornito tutoraggio. Sarebbe ingiusto per tutti i nostri insegnanti che oggi ci dicono che sono pronti a tornare a scuola e impazienti di trovare i loro studenti. Perché la scuola è il cuore pulsante della nostra società, la prima indicazione della civiltà. Rinunciare alla scuola è rinunciare a ciò che rende la società “.

Non impedisce, protegge o ritorna alla sua classe è un’alternativa che non si presenta all’interno dell’Accademia. Non ci dovrebbero essere rischi.

“Alcuni membri del nostro personale hanno fragilità medica di fronte al Covid o vivono con una persona vulnerabile al virus. Non saranno chiamati a tornare alla loro scuola. Faremo anche attenzione a tenere conto delle situazioni del personale in ottime condizioni la fragilità, se non di sofferenza psicologica a causa della perdita di una persona cara, è stata colpita dalla malattia o ha vissuto in condizioni molto difficili questo periodo di confinamento, che verranno studiate caso per caso dal medico preventivo. la gentilezza e la fiducia reciproca devono prevalere più che mai ”

Libera scelta

Né la regola dell’unanimità si applica alle famiglie. “La posizione dei genitori degli studenti, allo stesso modo, è lungi dall’essere unanime come si dice. Abbiamo esaminato, scuola per scuola, attraverso il preside, le intenzioni dei genitori riguardo ai loro figli. Dal 10 al 15% delle famiglie ha già richiesto il ritorno dei propri figli a scuola.

Altri ci hanno anche detto di aspettare fino alla prima o alla seconda settimana di riapertura della scuola del loro bambino prima di rimandarli. Alcuni genitori devono essere rassicurati e questo è comprensibile. La scelta è lasciata a loro. Tuttavia, questo principio di libera scelta si applica tanto ai genitori che preferiscono tenere i figli a casa quanto a coloro che desiderano tornare a scuola. Le ragioni di alcuni sono onorevoli quanto quelle di altri. E dobbiamo stare attenti che l’ostilità in linea di principio di alcuni genitori alla riapertura non priva gli altri genitori del diritto all’istruzione per i loro figli “, conclude Julie Benetti.

Fonte: Corse Matin