Intervista a Jean-Guy Talamoni in occasione delle Ghjurnate Internaziunale di Corti

Le Ghjurnate si svolgono questo fine settimana. Hanno cambiato il loro DNA dalle doppie elezioni nazionaliste del 2015 e del 2017?

Le Ghjurnate rimangono nello spirito di ciò che abbiamo sempre saputo. Ora, naturalmente, l’ascesa al potere dei nazionalisti dà loro più eco a livello internazionale. Ed è vero che c’è una maggiore attrazione da parte di altri popoli che ci circondano e che si trovano in una situazione paragonabile, che hanno comunque punti in comune con la situazione corsa. Catalani, baschi, Kanak, irlandesi, scozzesi, polinesiani sono ospiti abituali e costituiscono il nucleo di questa partnership.

Oltre a ciò, non dovremmo condividere un messaggio più ampio di fronte a un’Europa che non è sempre all’altezza delle sfide?

Questo è un problema che merita attenzione. Chiaramente, noi maggioranza – e in particolare la Corsica Libera – così come i nostri partner – penso in particolare ai catalani e agli scozzesi dal momento che la questione della loro indipendenza e del loro mantenimento nell’Unione europea è stata posta – sono molto impegnati nella costruzione dell’Europa. Ricostruire l’Europa è una necessità assoluta. Primo, perché è in una situazione di fallimento, anche se non è necessario gettare il bambino con l’acqua del bagno, l’Europa ha portato la pace nel continente per decenni. Ma l’obiettivo oggi è sostituire un’Europa della finanza, un’Europa sociale. Operare, inoltre, un riorientamento sul piano del bilancio nord-sud, ciò che Valéry e Camus già hanno sottolineato a loro tempo. E a questo riguardo, la Corsica, nel cuore del Mediterraneo, ha un ruolo modesto da svolgere. Infine, su una scala più generale, l’Europa che è stata creata è quella del mercato e i padri fondatori credevano che, creando un mercato comune, sarebbe seguito un patriottismo europeo. Ma non ha funzionato affatto, tranne Erasmus. Dovrebbe essere iniziato con la cultura. Attualmente, l’alternativa è costruire un’Europa con le vere nazioni, l’Irlanda unificata, la Catalogna, anche i Paesi Baschi uniti, la Corsica, che formerebbero un’Europa che non ha tutti gli argomenti di questa Europa.

Conosciamo i tuoi legami con la Catalogna. La peggiore osservazione del fallimento che lì che si è verificato?

A Barcellona, il 1 ° ottobre, abbiamo visto donne, anziani, andare in un seggio elettorale per rilasciare una scheda elettorale e essere picchiati dalla polizia. Fino ad allora, possiamo dire che è molto preoccupante e che questa è la responsabilità di Madrid. Tranne che nelle ore che seguirono, Madrid fu sostenuta da tutte le capitali europee, con un piccolo appartamento per quanto riguarda il Belgio. La Francia ha sostenuto la posizione di Rajoy con un terrificante silenzio da parte delle istituzioni europee e di coloro che la gestiscono. Un silenzio che disonora l’Unione europea. Come si può tacere in un momento simile?

Gilles Simeoni non dovrebbe deluderti a Corte. Tuttavia, il contratto di alleanza ha sofferto di alcune incomprensioni, specialmente nei rapporti con lo Stato. La tua unione è libera fino al punto di perdonare tutto o solo un’esposizione di facciata?

Non c’è differenza di posizione, ma una differenza nell’espressione di questa posizione. Oggi, Gilles Simeoni e io diciamo che c’è una situazione di crisi con Parigi, che questa crisi è dovuta al fatto che Parigi è impegnata in una vera negazione della democrazia, che non prendiamo in considerazione la volontà espressa dai corsi alla luce del suffragio universale, che questo atteggiamento è insopportabile e arrogante. Una arroganza palpabile all’inizio dell’anno, in occasione della visita presidenziale. Su questo punto, siamo completamente d’accordo.

Quindi, il presidente dell’Esecutivo è, in un certo senso, obbligato a ricevere i ministri?

C’è un po’ di vero in questo nel fatto che Gilles Simeoni ha anche problemi tecnici da affrontare, che sono spesso scollegati dalla realtà politica. Non è neanche la stessa corrente politica, Corsica Libera e Femu a Corsica. Parliamo con tutti i corsi, ma non abbiamo lo stesso percorso storico. Non è un disaccordo sull’analisi della situazione o anche un disaccordo su cosa fare, è solo un atteggiamento che entrambi adottiamo come leader due diverse correnti. Tuttavia, adottando un atteggiamento diverso, diciamo la stessa cosa. Se non ottengo i membri del governo, è perché mi sento coinvolto in una produzione e non è il mio lavoro. Io non sono un attore – anche se ho il massimo rispetto per la professione – sono un avvocato e un politico eletto. Non voglio che veniamo noi girare intorno a un tavolo e suggerire l’opinione della Corsica che qualcosa accade mentre non accade nulla e che non accadrà nulla.

L’opposizione obietta che tu sei anche il rappresentante di tutti i gruppi nell’Assemblea e come tale dovresti essere presente…

Sono il rappresentante di un’Assemblea che, a maggioranza e con una maggioranza assoluta, concorda con la nostra analisi del fatto che Parigi ha un comportamento inaccettabile. L’interesse collettivo dei corsi rappresentati dalla nostra Assemblea è quello di adottare un atteggiamento fermo e non fuorviare il pubblico. Dobbiamo dare segnali al parere. Nella mia situazione, dire che non ho intenzione di ricevere un ministro che viene solo per la foto è una forma di onestà. Non sono chiuso a nessuna discussione.

Niente chiusura di posizioni quindi?

Non non la penso così.

So che a un certo punto, dovremo discutere con Parigi, ma non come parte di una messa in scena. Se domani mattina, sono certo che avremo davvero a che fare con argomenti che interessano i corsi, ci vado.

Voi siete senza dubbio il patrono dell’Assemblea. Ritiene questo indispensabile per pesare?

Non sono stato autorizzato dall’organizzazione di cui faccio parte per inaugurare i crisantemi. Mi è stato affidato il mandato di portare questa funzione in vita e di influenzare la situazione, naturalmente. Indipendentemente da come presiedere l’Assemblea, non penso di avere un atteggiamento da dirigista. Ho proposto il tempo di parlare, oggi funziona e i miei predecessori mi hanno detto che è stato bello esserci riuscito. Nel modo in cui esercito la mia funzione, c’è anche ciò che ho lanciato sul campo strategico, è assolutamente essenziale per me, con un lavoro di prospettiva, “Corsica 2035“, con tre velocità, a breve, medio e lungo termine. La carta ritirata, è il sconto del 50% per metà dei pensionati, non è ancora niente…

Riguarda anche l’unica cosa concreta finora…

Molte cose sono state avviate. Sul trattamento della precarietà e della povertà, per fare solo questo esempio, è difficile avere un risultato in pochi mesi…

E sui rifiuti?

Ci sono diverse istituzioni rilevanti, incluso la Collettività, che ha esercitato la sua piena competenza nello sviluppo di una strategia. Questa strategia è stata definita rapidamente, sapendo che non poteva essere operativa immediatamente. Eppure, la gente vuole che le cose vadano molto velocemente. Tranne che non abbiamo una bacchetta magica. Sulla spedizione, vorremmo anche che andasse più veloce, che la compagnia regionale fosse per domani. Nel frattempo, abbiamo un traguardo, eravamo nella totale insicurezza e attualmente la continuità è assicurata. Anche qui, non è niente, perché i corsi non potevano più del sistema SNCM-CGT di Marsiglia. La prima urgenza è stata questa, per ripristinare la certezza del diritto.

Il privato ti ha aiutato molto…

Ma chi ha aperto le discussioni con il privato a partire da gennaio 2016? La maggioranza Per quanto riguarda lenavi, non abbiamo acquistato – perché economicamente non era praticabile – la Paglia Orba e il Monte d’Oro. Ma rimaniamo sulla nostra idea di acquisire navi, pensiamo che la Collettività sia destinata a essere il proprietario delle navi.

Sessioni notturne, sospensioni interminabili, sonno perso invano, la commissione permanente doveva anticipare l’ordine del giorno dell’Assemblea. Questo non è il caso. Di chi è la colpa?

Lo faremo. La Corsica ha chiesto a Parigi, e per una volta siamo stati seguiti, la possibilità di delegare alla commissione permanente. Ho sentito il Presidente dell’Esecutivo, tecnicamente il lavoro è fatto dal Consiglio Esecutivo che conduce una serie di verifiche per fare le cose in modo sostenibile.

L’opposizione critica la maggioranza per aver protetto le presidenze delle numerose organizzazioni che ruotano attorno al Collettività della Corsica. Voi rispondete?

Non sono solo le presidenze dell’ex CTC, ma quelle della ex Collettività e degli ex consigli dipartimentali. In precedenza, ci sono state molte presidenze di Corsica Libera? C’è stato un caso in cui ero presidente della Commissione europea. Un caso Una maggioranza è eletta per guidare gli affari pubblici. Quindi, è normale. Tranne quando si tratta di una commissione di controllo – a capo della quale presiede Jean-Martin Mondoloni  – che è altrettanto normale. Il presidente della commissione per i migranti, l’ho proposta a Jean-Charles Orsucci.

La soppressione dei dipartimenti, nessun rimpianto, nonostante il discorso di alcuni sindaci che dicono che li ha tagliati dalla prossimità?

Sì, questa rimozione è una buona cosa. Per quanto riguarda i sindaci che dicono che, da un lato, sono quelli che non hanno votato per noi. E d’altra parte, quando abbiamo proposto la camera dei territori, anche se non è stato fatto come volevamo, questi stessi sindaci che oggi hanno inteso che la stanza è un guscio vuoto hanno tutti cercato di essere. Io, dico che questa stanza, sarà utile, che troveremo l’equilibrio. Non è perché un corpo è consultivo che non ha peso. Guardate l’Assemblea dei giovani, tutto ciò che viene votato è ripreso dall’Assemblea della Corsica. Questi giovani non sono solo una risorsa futura per l’azione pubblica, stanno già cercando di ridurre il divario tra i giovani e la politica e più in generale tra la gente e la politica. Questa frattura è molto pericolosa. Questi giovani che siedono all’Assemblea di a Giuventù dicono sul loro posto di lavoro, al lycée o alla facoltà universitaria  che la politica non è sporca. Ma la politica è nobile e deve essere impegnata a creare i cittadini.

Fonte: Corse Matin