INSEE: Il tasso di disoccupazione in Corsica all’8% nell’ultimo trimestre del 2020

20.640 disoccupati in Corsica: 9.800 in Corsica del Sud e 10.840 in Alta Corscia

Secondo il rapporto economico pubblicato da INSEE, il numero di persone in cerca di lavoro è diminuito ed è tornato al livello del 2019, vale a dire prima del Covid. Solo che questa evoluzione nazionale è “in parte un illusione”. Una tendenza che probabilmente avrà ripercussioni sull’isola.

Di conseguenza, il mercato del lavoro sta tornando ai livelli precedenti alla crisi. Secondo l’ente di statistica, tale diminuzione si spiega, in parte, “con l’aumento del tasso di occupazione, che ha continuato a recuperare nella media nel trimestre”. A priori, però, sarebbe prematuro rallegrarsi.

Perché secondo gli statistici il calo degli indicatori questa volta ha un altro volto più artificioso. Perché per essere annoverato come disoccupato dall’ILO è necessario sottoscrivere determinate condizioni, ovvero avere 15 anni o più, essere disoccupato durante la settimana di riferimento, essere disponibile al lavoro nelle prossime due settimane. Ma è anche necessario aver svolto “un processo attivo di ricerca del lavoro o aver trovato un lavoro che inizia entro tre mesi”.

Miglioramento e aumento della disoccupazione

Ed è proprio questa definizione che ha una dimensione molto ambigua nel contesto attuale. “Come nel secondo trimestre, anche il calo della disoccupazione è una farsa”, osserva lo statistico nazionale.

Spiegazioni: “A causa del secondo lockdown, tra il 30 ottobre e il 15 dicembre, un numero significativo di persone è passato all’inattività, in particolare per l’impossibilità di svolgere ricerche attive di lavoro nelle condizioni usuali”.

Altri meccanismi entrano in gioco e richiedono cautela. “Inoltre, l’aumento dell’occupazione dovrebbe essere messo in prospettiva dal calo delle ore lavorate per posto di lavoro”. In questa configurazione, la disoccupazione diminuisce di conseguenza, per effetto meccanico.

La tendenza potrebbe benissimo essere trovata sull’isola. Per il momento, i dati per l’ultimo periodo dell’anno 2020 non sono ancora stati fissati. La logica del calendario è rispettata.

“Lo studio nazionale precede sempre le variazioni regionali. L’ultimo riassunto relativo all’isola è stato pubblicato il 21 gennaio. Si riferisce al terzo trimestre del 2020”, commenta INSEE. In questo periodo dell’anno, o meglio “pausa di salute”, era tempo di rimbalzare. “La regione totalizza 114.620 posti di lavoro, ovvero un aumento trimestrale di 4.830 posti di lavoro. Questa ripresa occupazionale è molto più marcata sull’isola (+ 4,4%) che in Francia esclusa Mayotte (+ 1,6%)”, osserva l’INSEE. Non sorprende che lo slancio coincida poi con la stagione turistica e “la ripresa delle attività particolarmente colpite dalle misure sanitarie in primavera”.

Caratteristici del momento sono anche la diminuzione del numero di persone in cerca di lavoro e le intenzioni di assunzione riviste al rialzo. “Nella regione, il numero di persone in cerca di lavoro è diminuito dell’11,4% in questo trimestre, ovvero – 0,5% a livello nazionale, dopo un aumento del 29,9% nel trimestre precedente contro il + 6,7% a livello nazionale”. Allo stesso tempo, “le dichiarazioni prima dell’assunzione – DPAE – sono aumentate del 2,7% rispetto alla media osservata per lo stesso periodo del 2018 e 2019”. Riparte la macchina economica e, in modo molto paradossale, almeno in apparenza, le dinamiche si riflettono in un aumento della disoccupazione di 1,6 punti rispetto ai trimestri passati. “Tutto sommato, il forte calo della disoccupazione ai sensi dell’ILO all’inizio del 2020 non ha riflesso un miglioramento del mercato del lavoro, ma un effetto di reclusione dei disoccupati”, osserva lo statistico.

La correlazione tra calo della disoccupazione e ripresa ha i suoi limiti.

In Sicilia la disoccupazione è al 20%, mentre in Sardegna è al 13,7%. 

I dati del rapporto economico sulla Corsica sul sito INSEE

Fonte: Corse matin  e Corse matin