Il sindacato nazionalista STC Educazione domani sciopera contro la riforma della scuola

Il Sindacatu di i Travagliadori Corsi, sindacato nazionalista ha proclamato per domani uno sciopero contro la riforma della scuola (Réforme du baccalauréat o Reforme du lycée) che mette in pericolo lo studio delle lingue regionali e quindi anche della lingua corsa.

Come hanno spiegato Saveriu Luciani e Josepha Giacometti, rispettivamente consigliere esecutivo responsabile dell’istruzione secondaria e consigliere esecutivo responsabile della lingua corsa la riforma va contro il progresso e gli obiettivi previsti dalla Convenzione Lingua Corsa 2016-2021 firmato tra lo Stato, il Rettore e la Collettività della Corsica, e tutti i dispositivi nel Contratto piano in atto. Parigi non ne tiene conto, non più dell’obiettivo fissato nell’articolo 7 per raggiungere il 50% degli studenti iscritti al LCC nel 2020. Se è ancora da dimostrare che la Corsica deve avere un margine significativo di autonomia politica e amministrativa, questo tipo di contraddizione fornisce una dimostrazione inarrestabile.

Questa riforma mette in pericolo l’insegnamento della lingua corsa e delle cosiddette lingue regionali in generale. La diminuzione dell’attrattiva delle prove costituisce l’esempio evidente e il rischio maggiore. La lingua corsa infatti insieme a lingue regionali ha anche lezioni quantitativamente minori in termini di demografia delle scuole superiori, diventa la vittima collaterale delle economie di scala volute dal governo. Con il possibile rischio di sopprimere un gran numero di cattedre e le sue conseguenze politiche, sociali e umane. Nel 2016, è stato completato il piano di istruzione primaria, l’aggregazione dell lingua corsa ora fuori servizio e la sperimentazione di lezioni immersive nella scuola materna. Tutto questo dispositivo bilingue è indebolito dall’effetto domino della riforma della maturità. Questo è il crollo della nostra intera politica di sviluppo della lingua nell’educazione pubblica per decenni! Per non parlare degli effetti negativi che produrranno la cosiddetta legge di fiducia nella scuola che non offre progressi per la nostra lingua.

Inoltre viene eliminata la categoria linguistica LV2 approfondita, la specialità LV3 e la possibilità di scegliere una seconda opzione facoltativa. L’opzione facoltativa è completamente demonetizzata, arriva nell’ordine dell’1% del punteggio finale e non c’è più opzione di bonus opzionale per LR mentre è mantenuta per le lingue morte con un coefficiente molto interessante di 3. Non c’è più il percorso di eccellenza – LV2 completo per raggiungere il livello B2. E non è più possibile candidarsi come candidato libero, il che esclude tutti i potenziali candidati delle scuole superiori in cui non esiste un’istruzione linguistica regionale.

Altrove, gli insegnanti delle cosiddette lingue regionali hanno un’equivalenza, sono, ad esempio, insegnanti di bretone e matematica. Questo non è il caso per gli insegnanti corsi che hanno un’unica materia. C’è ancora una grande tentazione per i presidi di non includere la lingua regionale negli orari. L’insegnamento del corso nelle scuole superiori di Marsiglia ha già sofferto direttamente e se la riforma fosse stata adottata nella sua forma attuale, cioè con le lingue regionali escluse dai settori di specializzazione, l’effetto causato sarebbe stato terribile per le sue conseguenze sociali e politiche. Il ministero avrebbe messo il rettorato in una posizione insostenibile nei confronti della Collettività ha denunciato, di fatto, gli impegni della Convenzione 2016-2021.

Viene anche chiesta la creazione di una specifica specialità “lingua regionale”, specifica, autonoma con la denominazione “lingue, letterature e culture regionali”. Una lingua regionale offre specialità cumulo di insegnamento opzionale delle lingue regionali e l’allineamento del suo coefficiente ei termini del suo rating sul sistema messo in atto per le lingue e le culture dell’antichità. Inoltre, la creazione di un’indicazione “disciplina non linguistica che è stata insegnata in lingua locale, straniera o regionale”, o un’indicazione “opzione lingua regionale bilingue”. Il riconoscimento dell’istruzione bilingue nella scuola superiore non esiste: gli studenti delle scuole superiori bretoni e baschi, che hanno superato il test di matematica in bretone e basco lo scorso luglio, sono stati sanzionati senza scrupoli.

Anche Gilles Simeoni ha chiesto chiarimenti sulla riforma e modifiche per la Corsica o per le lingue regionali al MInistro dell’Educazione Jean-Michel Blanquer.

Fonte: Corse Net Infos