Il convegno Falcucci e i progetti futuri: intervista a Stella Medori

Si è tenuto il mese scorso il cosiddetto «convegno Falcucci», il convegno internazionale di lessicografia dialettale e etimologica in onore di Francesco Domenico Falcucci, organizzato dalla Professoressa Stella Retali-Medori del laboratorio UMR CNRS 6240 LISA. Tra Corte e Rogliano (nel Capo Corso), i ricercatori hanno proposto relazioni interessantissime sulla dialettologia romanza.

foto by Lesia Dottori 1

Corsica Oggi ha approfittato dell’occasione per fare alcune domande a Stella Medori che ci ha risposto in lingua còrsa.

– Chi era Falcucci e perché era importante dedicargli un convegno così ricco?

Francesco Domenico Falcucci hè natu in Ruglianu ind’u 1835 induve ch’ellu hè statu da zitellu. Cum’è tanti Corsi di i so tempi, hà campatu a maior’parte di a so vita in Tuscana, ind’a cità di Livornu, ma vultendu spessu in Corsica. Diventatu cecu, ind’u 1892 hè andatu à campà ind’a so nipote Anna Falcucci De Lorenzo, in Sardegna, in Laerru, induve ch’ellu morse ind’u 1902. F. D. Falcucci era un intellettuale furmatu in l’università tuscane (Pisa è Siena): si laureò in legge ind’u 1858, è studiò ancu e lingue. Ghjera d’altronde traduttore d’opere leterarie ma era ancu ghjurnalista.

Era impegnatu ind’a vita intellettuale –è ancu pulitica per un tempu– tuscana, in particulare in Livornu. A so furmazione l’hà purtatu à studià, cù un’andatura scientifica, u corsu è a leteratura di l’isula (leteratura in corsu o in talianu). U so interessu per a lingua, hà fattu ch’ellu hè diventatu u primu linguista corsu. Descrisse cusì parlate di l’isule per a prima volta ind’u 1875 cù i Saggi Moderni : Corsica, ind’una racolta fatta da Giovanni Papanti. Sò presentate cusì traduzzione ind’e parlate di Ruglianu, Bastia, Corti, Lisula ed Aiacciu di una nuvella di u Decamerone[1]. Cum’è a ci hà fatta vede u nossu cullega pisanu Fabrizio Franceschini à l’occasione di u cunvegnu, eranu previste ancu traduzzione ind’e parlate di Vicu, Zicavu, Sartè, Carhjese (grecu) è Bunifaziu (ligure). A racolta di Falcucci è i so cumenti hanu purtatu un glottologu talianu di grande nomina, Pier Enea Guarnerio, à interessassi à Falcucci è à entre in cuntattu cun ellu. Ne hè nata una grande amicizia è cullaburazione intellettuale. P. E. Guarniero hà tandu incuraggitu à Falcucci per ch’ellu cuntinuassi à studià e parlate corse. Cusì, nant’à i cunsiglii di u maestru, Falcucci hà iniziatu a realisazione d’un dizziunariu di e parlate corse. Falcucci pensava di pubblicà u so dizziunariu sott’à a forma di fasciculi, è purtò à a so fine a lettera A, e lettere B è C, essendu belle avanzate è l’altre solu principiate quand’ellu diventò cecu è ch’ellu ebbe à cessà u so travagliu. Avea ancu per prugettu a scrittura d’una grammatica di e parlate corse è a pubblicazione di racolte di puesie ; vulea ancu pubblicà una storia di l’isula. Ma a so infirmità l’impedì di compie i so prugetti, è quand’ellu morse, ind’u 1902, u so travagliu ùn era micca compiu. P. E. Guarniero riprese dunque tutte e note è e bozze di Falcucci, l’assestò cun grande rispettu è cura di u travagliu fattu da u Ruglianacciu è pubblicò, ind’u 1915 u dizziunariu chjamatu : Vocabolario dei dialetti, geografia e costumi della Corsica ind’u 1915.

Foto by Lesia Dottori 2

U cunvegnu urganizatu d’ottobre festighjeghja dunque i centu anni di u Vocabolario, chì hè statu à a base di parechji dizziunarii chì sò venuti dopu è chì hè una riferenza per u corsu ind’i studii scientifichi. U cunvegnu hè statu l’occasione di studià, cun parechji anguli, a figura di Falcucci, a so opera, a so vita è u cuntestu storicu ind’u quale ellu campava. Hè statu l’occasione ancu, per a so isula natale, di rende omaggiu à iss’intellettuale di prima trinca, è, per parechji, di scopre quale ellu era. Parechje cunferenze sò state ancu l’occasione, à traversu studii dedicati à u corsu, di rendeli un omaggiu indirettu.

U cunvegnu hè statu ancu, bella sicura, intornu à a tematica di a lessicugrafia (studiu è realisazione di dizziunarii), l’occasione di mette à cunfrontu sperienze per tante parlate di ceppu latinu.

 

– L’idea di organizzare una parte del convegno nel paesino di Rogliano è interessante : perché questa scelta?

foto by Mariafrancesca GiulianiFalcucci essendu natu in Ruglianu, ci hè parsu naturale è di primura d’impegnà a cumuna induve ch’ellu ghjera arradicatu. A passione ch’ellu avea per a so terra è per u so paese, in particulare, si pò misurà ind’u so travagliu postu chì u puntu di partenza di a descrizzione di e parlate corse, sia ind’è i Saggi chè ind’u Vocabolario, hè a parlata ruglianaccia è capicursina in generale. Avendu fattu u mo dutturatu nant’à e parlate capicursine, possu dì chì a so lascita per a cunniscenza di quesse è di u corsu (ma ancu di l’usi di u XIXu seculu) in generale hè tamanta.

In Ruglianu hè stata ancu l’occasione di purtà l’università al di là di a so citadella è d’andà à scuntrà a ghjente fora di u nossu ambiu di travagliu cum’ellu l’hà detta u presidente di l’università chì hà sustenutu issu prugettu è ci hà accumpagnatu quallà. A cullaburazione cù a cumuna di Ruglianu, à a quale s’hè assuciata a cumunità di cumune di u Capicorsu, hè stata una bellissima sperienza. A cumuna ci hà datu un’accolta di qualità è hà fattu opera di memoria punendu una lastra cumemurativa à u pede di a ghjesa paruchjale, lastra chè no avemu inauguratu cù u presidente di l’Università in presenza di l’eletti di Ruglianu, di a cumunità di cumune di u Capicorsu, di paisani è ancu di duie delegazione venute da Laerru (in Sardegna), è da Livornu. Di fatti, u cunvegnu hà resu pussibile un scontru culturale, cun pruspettive d’altri scambii, trà e trè cumune induv’ellu campò Francesco Domenico Falcucci è chì rapresentanu una cuntinuità geografica è linguistica cù a Corsica à u centru. A presenza di l’associu Petre Scritte è di Giuseppe Pulina (circatore indipendente in Sardegna) hè stata ancu l’occasione di rimette à Falcucci ind’u cuntestu storicu di a Corsica in leia cun quellu di a Tuscana è di a Sardegna.

– Quante persone hanno partecipato al convegno e che cosa rappresenta in termini di organizzazione?

Sò à pocu pressu 70 persone chì hanu participatu à u cunvegnu, venute da Università di parechji paesi d’Auropa : Spagna, Francia, Squizzera, Germania, Cruazia, Rumenia, cù una rapresentazione impurtante d’università o di centri di ricerca d’Italia (Turinu, Pisa, Siena, Firenze, Roma, Napuli, Basilicata, Lecce, Salerno, Catania, Palermu, Cagliari, Sassari). Mi tocca à dì chì urganizà issi scontri ùn sarebbe mai stata pussibile senza u sustegnu finanziariu è umanu di l’UMR LISA chì hà permessu di realizà u prugettu. Si ringrazieghja dunque a direzzione di l’UMR per a so fiduccia ind’u prugettu. Ringraziemu ancu a Presidenza di l’Università, a Fundazione di l’Università cù a Corsica Ferries per l’accolta di e delegazione. I participanti sò stati assai suddisfatti di a qualità di l’accolta quant’è di a qualità scientifica, guarantita da u Cumitatu Scientificu è di u Cumitatu d’Onore, cumposti tramindui di scientifichi di prima trinca. Ci vole à signalà ancu chì dui circatori rumeni è dui circatori taliani hanu pussutu apprufittà d’un aiutu finanziariu di l’Agence Universitaire de la Francophonie per participà à u cunvegnu.

 

– Che cosa avverrà dopo il convegno ? Gli Atti verranno pubblicati?

Sì, bella sicura, l’atti saranu pubblicati, in teuria ind’u 2017 (primu semestru). Ma ci vole à dì ancu chì u cunvegnu hè statu l’occasione di mette in ballu altri prugetti, sia intornu à F. D. Falcucci, sia intornu à u corsu o à a lessicugrafia. Per ciò chì tocca à Falcucci, ci hè un prugettu di mostra chè no speremu di pudè mette in sesta in cullaburazione cù a Tuscana è a Gallura. Vi ne diceremu di più à mumenti !

Ha qualche altro progetto a breve tempo attorno ai Suoi temi di ricerca preferiti?

I prugetti ùn mancanu! Prima di tuttu ci hè a messa in ballu di u prugettu d’un dizziunariu dialettale ed etimologicu di u corsu chè no purtemu cun Ghjacumina Tognotti è chè no avemu presentatu, di manera simbolica, centu anni dopu à quellu di Falcucci per mussà a primura di a so lascita intellettuale è ancu di quelli chì sò venuti dopu à ellu per a Corsica. Issu dizziunariu, appena principiatu, presenterà a variazione geolinguistica è a storia di u lessicu corsu è ancu corsogallurese.

Sò ancu in traccia di compie, cù e mo cullaburatrice Marie-José Dalbera-Stefanaggi è Ghjacumina Tognotti, u quartu vulume di u Novu Atlante Linguisticu ed Etnograficu di a Corsica[2] nant’à u lessicu corsu di l’agricultura.

Approntu l’atti di u workshop Lingue delle isole, isole linguistiche[3] è a pubblicazione di un libru dedicatu à e parlate di u Capicorsu chì farà a sintesi d’u mo dutturatu è di studii fatti dopu ma sempre cù u Capicorsu à u centru. Un travagliu di squatra intornu à u sviluppu di a Banca di Dati Linguistichi Corsi hè ancu in ballu, quant’è travaglii nant’à i nomi di lochi ind’un quatru assuciativu… dunque u travagliu ci hè !

Infatti… Non ci resta che augurarLe un buon lavoro e ringraziarLa per la disponibilità! 

A ringraziavvi !

————————————–

Intervista a cura di Fabien Landron e degli studenti dell’atelier di scrittura in lingua italiana del Centro Culturale Universitario dell’Università di Còrsica.

Immagini:

© Lesia Dottori (foto grandi e copertina)
© Mariafrancesca Giuliani (foto piccola targa murale)

Note:

[1] G. Papanti, I parlari italiani in Certaldo alla festa del V centenario di Messer Giovanni Boccacci, Livorno, Francesco Vigo. G. Papanti hà fattu una racolta di traduzzione dialettale di a nuvella IX di a prima ghjurnata di u Decamerone di Boccaccio per illustrà e parlate italorumanze è alloglotte d’Italia. Issa racolta hè a seguita di un’altra racolta, fatta à u XVu seculu da Salviati (G. Papanti ne hà d’altronde ripubblicatu i testi in principiu di u so libru).

[2] Dalbera-Stefanaggi M.-J. – Retali-Medori S. (dir.), Nouvel Atlas Linguistique et Ethnographique de la Corse ; trè vulumi sò digià stati pubblicati. Cf. ancu a Banque de Données Langue Corse, dispunibile ind’una versione semplificata nant’à Internet : <http//bdlc.univ-corse.fr>

[3] Workshop urganizatu ind’u 2014 intornu à a prublematica di e varietà linguistiche parlate ind’è l’isule è di e parlate alloglotte in territoriu italo-rumanzu, l’oggettu essendu di riflette nant’à a cuntinuità o a rumpitura chì ci ponu esse sia cù a terraferma per l’isule, sia cun l’altre parlate per l’isule linguistiche.

Fabien Landron

Insegnante d'italiano presso l'Università di Corsica Pasquale Paoli, responsabile pedagocico della licenza di lingue straniere applicate (LÉA) e ricercatore, ha stabilito una collaborazione tra i suoi studenti e Corsica Oggi, permettendo loro di realizzare per noi articoli e materiale audiovisivo in lingua italiana.

Fabien Landron

A proposito di Fabien Landron

Insegnante d'italiano presso l'Università di Corsica Pasquale Paoli, responsabile pedagocico della licenza di lingue straniere applicate (LÉA) e ricercatore, ha stabilito una collaborazione tra i suoi studenti e Corsica Oggi, permettendo loro di realizzare per noi articoli e materiale audiovisivo in lingua italiana.

Vedi tutti gli articoli di Fabien Landron →