Il cantante e chitarrista Stéphane Casalta questo mese suonerà a Genova e a Bordighera

il 14 e il 19 giugno Stéphane Casalta suonerà presso l’Alliance Française di Genova in via Garibaldi, 28 assieme al gruppo I Menestrelli Elicona guidati da Elsa Guerci e accompagnati da Pietro Uliano dell’Associazione culturale Elicona di Albaro, che è un’associazione culturale che si occupa di canto, musica e arti sceniche sia in italiano che in francese per tutte le età ma è rivolta soprattutto ai bambini.

Le serate a Genova si svolgeranno con il patrocinio dell’Institut Français Italia ed è una continuazione del progetto Animantiga iniziato nel 2013 assieme alla cantante genovese prematuramente scomparsa Roberta Alloisio.

Nato in Corsica a Santa Reparata di Balagna vicino a Isola Rossa, Stéphane Casalta entra a 11 anni nel gruppo polifonico A Filetta e fonda successivamente il gruppo Giramondu che alla fine degli anni ’90 diventa un punto di riferimento nella world music mediterranea. Sceglie in seguito di proseguire il suo cammino come solista. La sua scrittura e il suo stile musicale attingono ampiamente alla tradizione del canto polifonico corso. Ma Stéphane Casalta preferisce addentrarsi in sentieri trasversali e ha deciso di sondare nuovi territori alla ricerca di un “altrove”. È un artista libero e inventivo che ha saputo tessere nel corso del tempo uno stile innovativo, universale e sorprendente sviando i codici e le sonorità del suo “background musicale insulare” che comunque padroneggia alla perfezione. Attualmente le sue scelte lo conducono a un’ispirazione più personale e universale. Non solo la sua sorprendente capacità a improvvisare sulla scena, ma anche la sua magistrale abilità nel “dilatare” i suoi canti, che accompagna il più delle volte con la chitarra, e non ultimo la sua destrezza ad adattare ogni canzone al momento, dischiudono degli spazi sonori che a tratti riprendono i codici dell’improvvisazione jazz. Questo “respiro” e questa libertà sono una strada che ha intrapreso deliberatamente per evitare che la sua musica venga “confinata nella tradizione” secondo le sue norme codificate e affinché la musica stessa possa restare sempre spontanea e viva. Grazie ai suoi slanci vocali e agli effetti polifonici che sovrappone, ricrea a tratti la magia del canto corso cappella a (a più voci) con una sola voce. Ed è proprio la sua voce a riaccendere a tratti questa memoria storica musicale, insita nell’artista stesso, permettendo al canto di rinnovarla e di perpetuarla. Talora una semplice melodia chitarra-voce ci ricorda che egli è anche un cantautore capace di cesellare delle melodie e dei testi che derivano direttamente dal bacino del Mediterraneo, dalla Corsica e talvolta anche da NapoliAd ogni concerto gli spettatori scoprono un artista che onora la tradizione poiché li accompagna verso il largo, fuori dagli schemi abituali dove finalmente lui si spoglia e si libera dalle costrizioni di stile. La direzione che ha intrapreso è quella di una ricerca infinita ed esigente, dove lui stesso ha scelto deliberatamente un disequilibrio tra le epoche e i codici e dove il pubblico è sollecitato a riflettere. Il suo intento e i suoi obiettivi vanno spesso al di là della musica, “in altro luogo”. Una continua ricerca della verità e dello spazio. 

Il musicista còrso suonerà il 21 giugno  nella Riviera di Ponente nei giardini della bellissima Chiesa Anglicana di Bordighera risalente a fine ‘800 in via Regina Vittoria.

Il costo del biglietto del concerto è 15 euro, ridotto 12 euro e under 14 è di 8 euro.

Per info e prenotazioni: [email protected] e Tel. 371-3563301 (Solo Whatsapp, scrivendo il nome e numero posti).

 

Ringraziamo l’Associazione culturale Elicona per le immagini e le informazioni.

Andrea Meloni

Di origini sarde e calabresi ma genovese di nascita, laureato in scienze geografiche presso l'Università di Genova nel 2013 e socio della sezione Liguria dell'AIIG (associazione Italiana insegnanti di geografia), risiede nell'Appennino Ligure in val Borbera, una valle piemontese ma da sempre legata alla confinante Liguria e da agosto 2015 è redattore di Corsica Oggi. Collabora da marzo 2016 con la società cartografica geo4map di Novara, nata da una costola di DeAgostini e da giugno 2017 con il quotidiano genovese Il Secolo XIX. Adora viaggiare ed è innamorato della Corsica.

,