Il candidato alle Presidenziali Gaspard Koening appoggia il progetto di autonomia dei Nazionalisti

VUOI CHE CORSICA OGGI CONTINUI A ESISTERE? SOSTIENICI CON 1,84€/MESE

Il filosofo e candidato alla presidenza, Gaspard Koenig, ha scelto di iniziare la sua campagna a Bastia lunedì 17 gennaio. Nel suo programma, il normanno, che si dichiara sia di centro-destra che di centro-sinistra, fa onore all’autonomia locale delle regioni. Pertanto, al suo arrivo, ha incontrato il presidente dell’esecutivo, Gilles Simeoni, così come il deputato nazionalista Michel Castellani.

Il candidato all’Eliseo intende istituire un reddito universale, un’idea che ha potuto spiegare durante la sua visita all’associazione bastiese  Fratellanza, che aiuta i più svantaggiati nelle loro procedure amministrative.

È anche la prima volta nella storia della Quinta Repubblica che un candidato inizia la sua campagna in Corsica. Spiega Koening: “Per me è un messaggio molto forte sull’autonomia locale perché sostengo pienamente il progetto nazionalista di piena autonomia e pieno esercizio. Ma questa non deve essere una specificità corsa, deve essere la stessa per tutte le regioni che la vogliono. La distribuzione delle competenze deve essere fatta à la carte. Oggi, l’Alsazia Mosella vive molto bene con un regime totalmente specifico, non disturba nessuno, gli alsaziani non si sentono meno francesi degli altri. Questo permette di porre fine in modo intelligente allo spezzatino territoriale e alla sovrapposizione di strutture. La seconda ragione per cui ho iniziato la mia campagna in Corsica è che da cinque anni promuovo, con l’economista Marc de Basquiat, un sistema di reddito universale che automatizzerebbe le prestazioni sociali minime come le conosciamo. Questo stesso esperto ha lavorato con la Collettività di Corsica per due anni e ha recentemente presentato la sua relazione per sperimentare questo sistema sull’isola. È sull’isola che la concezione di questa sperimentazione è la più seria poiché l’assemblea della Corsica ha votato all’unanimità questo progetto”.

Dopo l’incontro con le associazioni isolane il candidato normanno dice di aver visto confermati gli assi della sua campagna: “Sull’autonomia, capisco bene quello che chiedono i corsi. Ho potuto notare una convergenza molto forte con il mio programma. Sul reddito universale, è stato interessante incontrare l’associazione Fratellanza perché si confrontano quotidianamente con persone che hanno problemi amministrativi per ricevere gli aiuti a cui hanno diritto”.

Koening non è tra i candidati favoriti per l’elezione, ma resta da notare che l’idea di una maggiore autonomia delle regioni si stia lentamente ricavando uno spazio anche tra gli esponenti dei partiti maggiori. Staremo a vedere.

 


Copertina da wikimedia – Fonte: CNI

VUOI CHE CORSICA OGGI CONTINUI A ESISTERE? SOSTIENICI CON 1,84€/MESE