Il 5 maggio giocherà la Ligue 1, nonostante la commemorazioni della tragedia di Furiani

Il campionato di calcio professionistico ha appena pubblicato il programma della 35esima giornata di Ligue 1: sono in programma quattro partite domenica 5 maggio, anniversario del dramma di Furiani, in parte ricordato la scorsa stagione.

Nonostante la mobilitazione del collettivo che rappresenta le vittime del disastro dello stadio Furiani, la Professional Football League (LFP) ha annunciato mercoledì la programmazione di quattro partite della Ligue 1 il 5 maggio (il 35 ° giorno di L1). L’associazione che rappresentava le famiglie colpite dalla tragedia aveva ottenuto che ogni sabato, il 5 maggio, non veniva giocata nessuna partita di calcio professionistico  per commemorare la tragedia (5 maggio 1992, il crollo di parte della tribuna temporanea per la semifinale della Coppa di Francia tra Bastia e Marsiglia che aveva causato 18 morti e 2.357 feriti).

La scorsa stagione, nessuna partita professionistica è stata disputata in Francia sabato 5 maggio, per la prima volta dal 2012, anniversario dei 20 anni della tragedia. Ma l’accordo stipulato in questa occasione con la Lega, sotto la pressione del segretario di Stato per gli sport dell’epoca, Thierry Braillard, prevedeva il santuario solo quel sabato 5 maggio. Ma le quattro partite del 5 maggio di quest’anno (MontpellierAmiens, TolosaRennes, MonacoSaint-Etienne e LioneLilla) si svolgono la domenica…

Il collettivo del 5 maggio 1992 “rimpiange” questa scelta

Nonostante il protocollo stabilito lo scorso anno, il collettivo del 5 maggio 1992 continua a sostenere che nessuna partita si terrà il 5 maggio, indipendentemente dal giorno. Ma si aspettava anche che la Lega pianificasse partite quel giorno: “Ci dispiace che giochiamo il 5 maggio. Possiamo cadere in un giorno in cui un club è incoronato campione, dove andiamo a festeggiare. Mentre il 5 maggio è segnato dalla tragedia di Furiani. ”

Il vice allenatore di Jean-Louis Gasset al Saint-Etienne, Ghislain Printant, ex allenatore di Bastia dal 2014 al 2016, ha espresso la sua opposizione alla partita programmata MonacoSaint-Etienne il 5 maggio, pubblicando alcune righe sul suo account Twitter: ” Abbiamo spostato le partite per tutta la stagione e non possiamo pianificare un’intera giornata di venerdì e sabato. Ancora una volta la nostra autorità, la LFP, evita un azione importante. ”

La Lega non ha commentato nulla, ma la posizione non è cambiata: l’accordo concluso l’anno scorso è solo il sabato 5 maggio.Ricordare ogni anno la tragedia tutte le partite in quella data richiederebbe di cambiare tre partite su sette stagioni. Una modifica che la Lega calcio vuole evitare a tutti i costi.

Fonte:  L’Equipe