I patronimici corsi rivelano forti legami tra la Balagna e l’Italia centrale

Ci sono Anfriani, Carlotti, Casta, Olivi, Laurenti, Ricci, Petrucci, Salvarelli, Petrucci, Malaspina. Anche Giacometti, Fabiani, Castellani, Salducci sono ben rappresentati.

Ma non solo In totale, centocinquantuno cognomi diversi hanno costruito, nel corso dei secoli, l’identità della Pieve d’Aregno, in altre parole la Balagna costiera, da Aregno a Monticello.

Ciascuno o quasi mette in scena una singolare traiettoria. Tutti, d’altro canto, intrecciano uno stretto legame con alcune parti molto specifiche dell’Italia. Che porteranno, nel loro lavoro intitolato Nomi della pieve di Aregno, origini e diffusione. Il sedicesimo e il ventunesimo secolo, Bernard Negretti e Dominique Taddei pongono il principio di “una vera comunità di nomi”.

Ed è con Umbria, Marche, Abruzzo ed Emilia-Romagna che il rapporto patronimico è il più vicino. Chiaramente, prevale la vicinanza geografica. Lo stesso nome viene usato alle stesse latitudini, cioè in Balagna e nell’Italia centrale. D’altra parte, i cognomi balanini hanno poco o nessun legame con quelli di Piemonte, Veneto, Campania, Calabria, Puglia o Molise. Si sente poco nell’affinità patronimica anche con la Sicilia e la Sardegna. Più sorprendentemente, il legame con Roma e il Lazio.

Nel perimetro, le somiglianze sarebbero quindi derivate dalla presenza di monaci francescani secondo gli autori. Come Assisi in Umbria, la Pieve d’Aregno “aveva non meno di tre conventi francescani: Riformati ad Aregno, Osservantini a Marcasso, Cappuccini a Santa Reparata“. Questa realtà richiede una modalità specifica di creazione patronimica. “I cognomi della Balagna costiera sarebbero stati in gran parte formati dai primi nomi cristiani scelti nella seconda metà del sedicesimo in occasione dei battesimi e indubbiamente sotto l’influenza del clero locale e in particolare dei francescani che spesso appartenevano al stesse famiglie “, dice uno.

Bartolino, diminutivo di Bartolo, darà Bartolini; Galeazzo, nome molto in voga tra i duchi di Milano, Visconti e Sforza diventerà Galeazzi. Ceccaldo porterà a Ceccaldi, Marchetto a Marchetti, Guintino a Giuntini ed Emanuele, il nome biblico di Emmanuelli. Tra gli altri

Altre volte, il nome è costruito con riferimento a un oggetto, un albero, un luogo, un mestiere o una caratteristica fisica. L’identità di ciascuno è catturata in vari modi. Il fornello o la fornace diventano patronimici e Fornelli nello stesso movimento. Fondaco, il magazzino, conduce a Fondacci. Rezzo, “luogo fresco e ombreggiato”, si trasforma in Rezzi. Lo sparado, colui che fa la spada, fa emergere Sparadi. Leone, il leone; porta a Leoni.

Nel diciottesimo secolo, il miscuglio delle popolazioni giocherà un ruolo chiave nel caso. In questa fase della storia, è particolarmente tra l’isola di Capraia e i villaggi della piana di Aregno. Nel 1770, il processo coinvolgeva i giovani. Sonosolo o in una relazione. Hanno, per la maggior parte, partecipato all’occupazione corso di Capraia da parte della Marina di Pasquale Paoli.

Alla fine dell’episodio, ricadono in Balagna nei villaggi di Cateri, Monticello e Aregno, evitando di conoscere gli affanni del cambio del potere. L’annessione di Capraia all’impero francese facilita alcuni decenni più tardi il viaggio.

Nel 1800, le famiglie alleate del precedente sbarcarono a loro volta con armi e bagagli. La terza ondata di migranti si stabilirà su un territorio tra Belgodere e Calenzana. Questo stava accadendo intorno al 1815 e al trattato di Vienna. Tra gli altri, Calassi, Casinelli, Agostini, Costa, Santini, Olivieri e Principali portano il loro contributo patronimico in Balagna.

Il paese di Aregno in Balagna

Fonte: Corse Matin