Guyana francese: come il governo francese gestisce la “sua” Amazzonia?

La foresta pluviale amazzonica si estende anche sulla Guyana francese. Se Emmanuel Macron era dispiaciuto per gli incendi che hanno devastato l’Amazzonia, i suoi critici lo incolpano in particolare dell’estrazione mineraria nel territorio d’oltremare.

La Guyana francese è un dipartimento/regione d’oltremare, è la seconda regione francese per dimensioni; ha una superficie di 86.504 km² (quasi tre volte e mezzo la Sicilia) ma ha solo 260.000 abitanti concentrati nel capoluogo Caienna (60.500 ab.) e nella fascia litoranea. La Guyana francese confina a sud e a est con il Brasile, a ovest con il Suriname e a nord con l’oceano Atlantico.  La Guyana francese è divisa in 22 comuni, l’entroterra è parte dell’Amazzonia ed è raggiungibile solo con piste sterrate, oppure piroghe, piccole barche o in aereo.  la popolazione è in maggioranza nera e creola, per il 12% amerindia e per il 12% francesi della Francia metropolitana.  Il 34% della popolazione è immigrata dal Brasile, Suriname e Haiti.

Quando parliamo dell’Amazzonia, gli occhi si rivolgono naturalmente al Brasile. Dalla lotta delle tribù Kayapo per la salvaguardia della foresta alla recrudescenza della deforestazione dall’arrivo di Jair Bolsonaro al potere, la situazione dell’Amazzonia brasiliana è abbastanza nota al grande pubblico.

La gigantesca foresta amazzonica si estende su 9 paesi: Brasile, Perù, Colombia, Venezuela, Suriname, Guyana, Bolivia, Ecuador e… Francia. Otto milioni di ettari di foresta coprono la Guyana francese, di cui sei milioni gestiti dall’Office national des forêts (ONF) . Solo lo 0,6% deella foresta amazzonica francese è privato.

L’ONF gestisce la registrazione ma allo stesso tempo garantisce l’integrità della foresta. Sotto l’autorità del pubblico ministero, informa, monitora, denuncia le infrazioni, accompagna il settore minerario legale e monitora l’attività estrattiva illegale.

Una foresta relativamente preservata

Nel 2007, nel sud del territorio è stato addirittura creato un parco nazionale di quasi 3,4 milioni di ettari. Conferma la volontà di supportare le popolazioni locali a vivere nella foresta pur rimanendo in una logica di sviluppo sostenibile. L’ONF sta cercando di certificare la foresta della Guyana francese al fine di dimostrare la sua gestione ecologica.

“il Massiccio della Guaiaana, che comprende la Guyana francese, la Guyana e il Suriname, ha tassi di deforestazione estremamente bassi e ha mantenuto una copertura forestale quasi intatta rispetto ad altre parti dell’Amazzonia, come le zone andine o brasiliane”, dice Laurent Kelle, direttore del WWF nei territori d’oltremare.

La Guyana francese, il Suriname e la Guyana cooperano in particolare per proteggere l’ecosistema amazzonico e lottare contro l’estrazione illegale di risorse. Ciò non impedisce a Greenpeace France di preoccuparsi per i progetti agroindustriali a lungo termine.

“Sappiamo che in passato ci sono stati contatti, consulenti, consulenti incaricati di importanti progetti dell’ordine di 150.000 ettari, anche se questo non si è mai materializzato”, afferma Jérôme Frignet, direttore dei programmi della ONG.

Il che gli fa dire che “La Guyana francese non è libera da alcun rischio di sviluppare una logica di piantagioni commerciali per l’esportazione: soia, palma da olio …”.

Il malcontento dei popoli amerindi

Tuttavia, i consueti popoli amerindi del Gran Consiglio dei popoli amerindi hanno reagito alla reazione del presidente francese in seguito agli incendi in Amazzonia.

“E siamo stupiti dal posizionamento del presidente Emmanuel Macron, che consiste nel denunciare la distruzione dell’Amazzonia brasiliana o boliviana ma allo stesso tempo assegnare 360.000 ettari di foresta a società minerarie multinazionali, in Guyana francese, nell’Amazzonia francese“.

Una cifra che “mescola molte cose”,  ha detto su Le Parisien il senatore di LaREM della Guyana francese Georges Patient. Il quotidiano ha ricordato che questa cifra aggiunge le richieste e i permessi di ricerca a quelli di sfruttamento. Secondo i loro calcoli, rappresentano circa 25.000 ettari.

Il progetto “Montagne d’Or” sospeso

“Sulla foresta della Guyana francese, c’è un po di incoerenza di Emmanuel Macron”, osserva anche Greenpeace France. “Sappiamo che ha sostenuto per molto tempo il famoso progetto Montagne d’Or, soprattutto quando era [ministro] all’Economia e Finanze e dopo la sua elezione”.

“Sembra che abbia diluito il progetto indicando che aveva cambiato idea e che com’era ‘sembrava insoddisfacente”, ammette Jerome Frignet. “Ma poi è” così com’è “, è come il Mercosur, è” così com’è “: non sappiamo davvero cosa significhi, se è solo un po’ opportunistico o se è il preludio ad un abbandono permanente del progetto “, dice.

Questo progetto delle miniere d’oro, considerato “non compatibile” dal capo dello stato lo scorso maggio, è molto denigrato per le sue conseguenze ecologiche: inquinamento, deforestazione di 1.500 ettari, distruzione della biodiversità con 127 specie protette sul sito e molto altro.

“È probabile che il sostegno a tali progetti non rafforzi la sua credibilità quando si parla di Amazzonia”, afferma Jerome Frignet.

Anche se il capo dello stato ha deplorato gli incendi del G7 in Amazzonia legati alla deforestazione, il 31 luglio scorso è stato firmato un ordine di licenza di esplorazione di quasi 50 km² (circa 5.000 ettari). Sono in corso quindici richieste, elencate sul sito web di Panoramine.

Inoltre, la ONG non aderisce alla tesi di secondo cui l’estrazione dell’oro legale causaerebbe la diminuzione dell’estrazione illegale

“Un progetto come il progetto Montagne d’Or aggiungerebbe problemi dove già esistono (violenza, violazioni dei diritti umani, diritti delle comunità locali, biodiversità, prostituzione, problemi di salute pubblica, bracconaggio Non vediamo come avrebbe conseguenze sull’estrazione illegale dell’oro, non diminuirà il suo interesse economico “, critica Greenpeace France.

Dal 2008 l’operazione Harpie mobilita circa 1.000 soldati per combattere questa estrazione illegale di oro, che nel 2018 era già raddoppiata in un anno. A luglio, tre soldati francesi sono morti accidentalmente durante un’operazione.

Un equilibrio delicato

Nella lotta contro la deforestazione, l’estrazione illegale dell’oro, il bracconaggio e la distruzione dell’ambiente in generale, “le azioni ovviamente non sono sufficienti perché l’efficienza non è un punto d’incontro, il problema persiste e tende a crescere “, si rammarica di Jerome Frignet, che riconosce tuttavia che” il compito è complesso “.

Se lo Stato francese mostra chiaramente la volontà di voler preservare la foresta amazzonica, l’equilibrio è delicato tra le popolazioni locali che vivono tradizionalmente nella foresta, le grandi compagnie di estrazione mineraria e la lotta contro l’estrazione illegale dell’oro.

Tuttavia, Greenpeace identifica diverse scelte che il governo francese potrebbe operare in futuro. Da un lato, non firmare un accordo con il Brasile se un progetto di estrazione di idrocarburi dovesse essere installato nell’estuario del Rio delle Amazzoni che alla fine inquinerebbe anche la Guyana francese. D’altra parte, esercitare pressioni su società come Total affinché accetti definitivamente il “no” dell’Istituto brasiliano per l’ambiente a un’operazione di perforazione alla foce del Rio delle Amazzoni e non si ripresenta un processo, che ora potrebbe essere favorito dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro.

Il sito del Parco dell’Amazzonia della Guyana francese: http://www.parc-amazonien-guyane.fr

I confini del Parco amazzonico della Guyana francese

Fonte: Bfmtv