Gilles Simeoni: “Non votare per François Alfonsi è un grave errore politico”

In occasione della riunione conclusiva della campagna elettorale di François Alfonsi, candidato di Femu a Corsica alle elezioni europee 2019, questo mercoledì, 22 maggio, sono state raccolte più di 120 persone nella sala polifunzionale di Lupinu. L’ultima volta prima delle elezioni che si terranno il 25 e il 26 maggio, quella che rappresenta la lista ecologica guidata da Yannick JadotEuropa Ecologia I Verdi: Regioni e popoli Solidali – è tornata sull’importanza per la Corsica di avere la sua parola per dire nelle alte sfere europee.

Circondato, in questa occasione, dai suoi numerosi suoi alleati, tra cui Gilles Simeoni, presidente del Consiglio esecutivo della Corsica, François Alfonsi ha descritto queste elezioni come “un’opportunità per internazionalizzare la causa corsa” e “portare un peso maggiore a pesare sulla relazione”. dell’attuale forza politica con lo stato “.
Per Gilles Simeoni, che, a nome di queste elezioni, ha tenuto martedì il suo primo incontro elettorale fuori dalla Corsica, “c’è un bisogno assoluto per la Corsica di avere un eurodeputato”.

“In un determinato contesto aleatorio, votare per François Alfonsi non è solo un voto nazionalista, ma un voto che andrà a beneficio della Corsica nel suo insieme”. Ma anche: “non votare per François Alfonsi è un grave errore politico”

Pierre Savelli, sindaco di Bastia, e anche sostenitore del candidato “Diputato Pà a Corsica” volevano tornare alla genesi della lotta nazionalista, ricordando che era alla base una lotta ecologica che sottolineava “la storia d’amore tra la movimenti ecologici e la Corsica durante episodi come “fango rosso”, “o l’Argentella”.
Per quest’ultimo “questa elezione è l’unica soluzione per un’Europa dei popoli e delle regioni, e soprattutto di non trovarsi emarginati”.
Anche Antonia Luciani, di Femu a Corsica, sembra condividere questo punto di vista poiché, per quest’ultimo, “è inconcepibile che il movimento nazionalista, che ha sempre favorito l’apertura, sia escluso dalle decisioni che verranno prese a Bruxelles. “.

 

Fonte. Corse Net Infos