Gilles Simeoni: “La nostra strategia per uscire dalla quarantena è audace, ma è l’unica possibile”

Diffusione dei test per la positività e mascherine, apertura controllata dell’isola ai flussi turistici da luglio, ritorno a scuola a la carte per le scuole. Il piano per una progressiva e controllata liberazione dal parto per la Corsica, che il Presidente del Consiglio Esecutivo, Gilles Simeoni, ha presentato ieri all’Assemblea della Corsica in videoconferenza, intende essere coerente, audace e persino rivoluzionario.

– Riesci a riassumere lo spirito della tua strategia della fine della quarantena?
– La domanda è semplice: come gestire al meglio dal punto di vista sanitario ed economico i prossimi quattro mesi e la stagione estiva nel mezzo? Il piano, che presenterò questo giovedì a nome del Consiglio esecutivo all’Assemblea della Corsica, propone scelte abbastanza pesanti che dovranno essere discusse dai funzionari eletti, ma che risultano dalle grandi consultazioni che abbiamo avuto a monte con tutti gli attori interessati . Per noi, questo è il miglior percorso possibile e spero che l’Assemblea lo convaliderà. Quindi tutto resta da fare. Dovremo convincere tutti gli attori economici e sociali dell’isola, discutere in concomitanza con lo Stato e, se riusciamo a far sentire la nostra voce, tecnicamente riusciranno a costruire il sistema in sei settimane, finanziandolo e facendolo accettare da tutti. mondo. È una grande sfida! La strategia è coerente e abbastanza audace. Allo stesso tempo, non vedo come possiamo fare diversamente.

– Qual è il tuo obiettivo prioritario?
– È semplice. Tra oggi e il 23 giugno, l’obiettivo prioritario sarà quello di ridurre al minimo il numero di nuovi casi di COVID nella popolazione dell’isola. Per fare ciò, chiudiamo i portelli e continuiamo a rintracciare il virus il più possibile nel rispetto delle misure di restrizione che rimarranno in vigore dopo la fine della quarantena, generalizzando l’uso delle maschere, rafforzando i test e impostando le brigate per identificare casi di contatto. L’idea è quella di rompere le catene di trasmissione in modo che la situazione epidemiologica sia il più favorevole possibile. Allo stesso tempo, con l’aiuto del comitato di scienziati corsi che ho riunito, in particolare il matematico Dominique Barbolosi, prepareremo la strategia da attuare entro il 23 giugno, in particolare per quanto riguarda la gestione dei flussi estivi.

– Una gestione abbastanza inedita dei flussi estivi?
– Sì! Direi persino rivoluzionario! L’equazione è doppiamente complicata: la Corsica è in una trappola mortale! Gli scienziati sono tutti d’accordo: un significativo mescolamento della popolazione durante un’epidemia è un rischio maggiore di peggioramento o rimbalzo. Se non facciamo nulla e lasciamo che i turisti entrino senza controllo, la situazione sanitaria rischia di peggiorare gravemente, anche in modo catastrofico in agosto o settembre, e ciò non è possibile! Se, d’altra parte, continuiamo a chiudere completamente i nostri confini e non permettessimo ai turisti di entrare, la situazione diventerebbe catastrofica da un punto di vista economico. La ripresa nelle fasi delle attività turistiche è, quindi, per noi, così come la questione della salute, una questione fondamentale. In questo contesto incerto con molteplici incognite, l’idea è quella di trovare un equilibrio richiedendo un test sistematico dei passeggeri che entrano nel territorio e rendendolo un punto vendita per la destinazione corsa. Saremo così in grado di costruire un’offerta turistica credibile, attraente e sanitaria, per dire che la Corsica è un territorio verde in cui COVID è sotto controllo e per garantire ai turisti che trascorreranno una vacanza serena da questo punto. di vista. Pur proteggendo la nostra gente.

– Quindi sarebbe un’apertura controllata dei flussi in entrata?
– Sì L’accesso al nostro territorio sarà condizionato dalla presentazione di un certificato sanitario “green pass”, vale a dire un test COVID negativo. Diverse procedure di collaudo e certificazione, tramite applicazioni digitali, sono attualmente in fase di commercializzazione. Questo dispositivo limiterebbe, se non si escluderebbe, i rischi per la persona in arrivo di essere contaminati o contaminanti.

– A priori, nessun test è affidabile al 100%. Come comprendi questa quota di errore?
– Il Comitato scientifico corso raccomanda di raggruppare i test dei residenti e di attivare un’indagine di prevalenza, che è stata proposta dai medici corsi tra cui il deputato Paul-André Colombani e il cui principio è stato approvato dallo Stato e dal ARS – per misurare correttamente la situazione epidemiologica all’interno della popolazione corsa. Questa prima variabile sarebbe abbinata a una seconda variabile fornita dalle analisi dei risultati dei test sistematici effettuati dall’aspirante a viaggiare, anche integrando la quota di errori, falsi negativi … Con queste due variabili, possiamo costruire, in le prossime settimane, un modello matematico di flussi, che pianificherà livelli accettabili di aumento della nostra popolazione, dirà quale volume di turisti la Corsica può accogliere a luglio, agosto o settembre, senza il rischio di peggiorare il epidemia, congestione di strutture ospedaliere e mediche o pericolo di popolazioni residenti e transitorie. Questa modellizzazione e prevedibilità dei flussi di approvvigionamento consentirebbe ai professionisti di adattarsi di conseguenza e anticipare la propria strategia. In questo modo, potremmo salvare ciò che può essere salvato dalla stagione turistica pur continuando a diffondere il virus.

– A condizione di convincere il governo?
– Sì Questa è la prima condizione. Si spera anche che, a quel punto, saranno finalmente disponibili i test più veloci e affidabili annunciati dal governo. Infine, dobbiamo riuscire a implementare l’applicazione digitale che ci consentirà di finalizzare l’operazione.

Alla fine, l’11 maggio, nulla cambia in Corsica, in termini di trasporto marittimo o aereo e flusso di turisti?
– No. In ogni caso, questo è quello che raccomando. Detto questo, nel trasporto aereo, dall’11 maggio al 2 giugno, se il perimetro del servizio rimane invariato, la capacità di trasporto di Air Corsica a bordo è aumentata a 120 passeggeri su un Airbus e 50 su un ATR, proprio come il numero di voli. L’obiettivo è semplicemente quello di soddisfare la domanda di molti corsisti che viaggiano per motivi di salute e che hanno rinunciato alle cure durante il parto. Cerchiamo di essere chiari: questa capacità di carico aggiuntiva non corrisponde all’aumento del volume di turisti. Per quanto riguarda il settore marittimo, effettueremo due rotazioni settimanali a Propriano e due a Isola Rossa per sostenere il rilancio dell’attività economica e del trasporto merci. In generale, faremo dei punti regolari, ma in questo periodo, vogliamo, per combattere l’epidemia, rimanere su un modello di forti restrizioni sugli afflussi di persone. È questo sforzo compiuto, se necessario fino al 23 giugno – anche se faremo progressi il 2 giugno – che ci consentirà di aprire in alta stagione in modo significativo i turisti in una logica di massima sicurezza.

Gilles Simeoni: “La nostra strategia per uscire dalla quarantena è audace, ma è l’unica possibile”
– Un altro argomento caldo: ritorno a scuola l’11 maggio. La tua posizione differisce da quella del presidente dell’Assemblea corsa, che richiede un rinvio fino a settembre. Perché?
– Devi essere chiaro. In primo luogo, ci sono prove: la comunità scientifica nel suo insieme e il Comitato scientifico corso raccomandano di rimandare l’inizio generale dell’anno scolastico a settembre per le scuole medie e superiori e un periodo di osservazione di ritorno a scuola spostato al 2 giugno per le scuole materne. Allo stesso modo in cui un ritorno generale a scuola a giugno è impossibile, chiudere tutte le scuole e gli istituti, semplicemente rimandare la ripresa delle lezioni a settembre, è inconcepibile. Per due ragioni essenziali. Il primo è che non si può tagliare per sei mesi, senza gravi danni, il legame tra i bambini, specialmente i più fragili, e la scuola. Il secondo è che se non approfittiamo del mese di giugno, o anche delle settimane successive, per organizzare un ritorno a scuola con gesti di barriera, l’implementazione di procedure, la formazione di bambini e insegnanti in questi gesti, rischiamo per ritrovarsi a settembre in totale disorganizzazione. Soprattutto perché l’epidemia potrebbe non essere sradicata e altri normali virus stagionali come l’influenza, i raffreddori … potrebbero complicare l’equazione. Soprattutto perché l’epidemia potrebbe non essere sradicata e altri normali virus stagionali come l’influenza, i raffreddori … potrebbero complicare l’equazione. Ciò rischierebbe di condurre – e il Comitato scientifico ha insistito molto su questo – a una nuova paralisi del sistema.

– Dichiarate una doppia impossibilità: impossibilità di fare un ritorno generale e impossibilità di aspettare settembre. Non è un vicolo cieco?
– No! Dobbiamo trovare un percorso intermedio. Oggi genitori e insegnanti sono legittimamente preoccupati. Qual è la situazione settore per settore? Ti ricordo che il ritorno alla scuola elementare rimane responsabilità dei sindaci. Ho ricevuto consigli da circa 100 sindaci. Circa 30 hanno deciso di aprire le scuole in tutto o in parte. Rispetto la loro decisione e dico loro che forniremo loro un trasporto sicuro per la salute. Come capisco e sostengo gli altri 70 che non vogliono aprirsi perché temono la diffusione del virus e che non hanno i mezzi materiali o umani per applicare i protocolli decretati dallo stato. Per quanto riguarda le scuole superiori e le università di mia competenza, non le aprirò l’11 maggio e dico che la normale ripresa dei corsi avrà luogo a settembre. Tuttavia, propongo che il Rettorato, la Collettività della Corsica, i responsabili degli stabilimenti, gli insegnanti e i genitori degli studenti si avvicinino rapidamente al tavolo in modo da riflettere sui mezzi per rafforzare l’offerta educativa per i giovani. che abbandonano o che sono in pericolo, per organizzare esami e concorsi nel miglior modo possibile, per rispondere alla richiesta dei genitori che vogliono rimettere i loro figli in classe … e soprattutto per prepararsi insieme per l’inizio dell’anno scolastico di settembre.

Fonte: Corse Net Infos