«Ghjuremu di campà è di more francesi»: l’ottant’anni di u ghjuramentu di Bastia

 

« Di fronte à u Mondu, di tutt’à nostr’anima, nant’à e nostre glorie è e nostre tombe, i nostri veguli, ghjuremu di campà e di more Francesi ». Ste parole, in lingua francese, so culpite nant’à una lapide dipoi ottant’anni.

U 4 dicembre 1938 aduniti à u caffè « les Gourmets » nant’à a via Paoli in Bastia, u cumitatu per a Corsica Francese stampava stu ghjuramentu. Pocu dopu vintimila bastiacci nant’a Piazza Santu Niculà, incù u merre, l’avvucatu ghjacintu De Montera à capu, ripigliavanu u ghjuramentu. Ma stu ghjornu in Aiacciu, in Pruprià, in Porti-vechju, in Sartè, indè i paesi, millaie di Corsi manifestavanu à so fiduccia à a Francia. Ghjera a risposta à è predenzione di Mussolini nant’à e terre irredente cume a Corsica. L’Italia fascista avia cume scopu di anessa l’isula à « l’imperu » rumanu, à u « mare nostrum » che u Duce avia l’intenzione di fà rinasce. In qualchi modu u ghjuramentu di Bastia ha custituitu u primu ceppu di a resistenza corsa chi duvia purtà l’isula à ‘so liberazione u 4 ottobre 1943.

Dopu parechj’anni di silenziu si è cummemuratu l’80 anni di stu ghjuramentu di Bastia . Cume mai ? L’iniziativa parte di una muzione di l’uppusizione di manca à u cunsigliu municipale naziunalistu di Bastia. A maggiurità si trova indè l’obligu di vutà sta muzione di cummemurazione. Ancu sè, per tradizione naziunalista, un’ha tanti lazii di assuciassi à una mossa à prò di a Francia. Ma u cuntestu di trent’ottu un ghje quellu di u 2018.

A storia ghjè a storia e ùn si po cambià. « Ci tocc’à ramintà st’evenimentu storicu chi si spenghje pocu à pocu di è memorie » ha dettu l’avvucatu Sistu Ugolini presidente di l’associu di l’anziani di a resistenza indè u so discorsu à a ceremonia di fronte à u munumentu di a resistenza. » « Ma a resistenza corsa ùn’hà principiatu quandu l’armata fascista ha occupatu a Corsica in 1942. Dipoi 1922 quandu Mussolini ha riclamatu u ritornu à l’Italia di è Pruvincie irredente, i partiti republicani anu dinunziatu ste pretenzione. Indè e so manifestazione, u bracciu tesu , u pettu in avanti e a voce arrabiata Mussolini mughjava : « Corsica Nostra », « Corsica a noi ». l’avvucatu Ugolini raminta dino indè u so discorsu u disprezzu di Mussolini : « Vogliamo la gabbia ma non gli uccelli ». Durente st’annate, è rivendicazione fasciste ghjeranu solu u fattu di una viulenza verbale. Ma u giurnale « Il Telegrafo » pruprietà di u Conte Ciano, ghjenneru di Mussolini, sparghjia un’infurmazione cuntinua chi sustenia « l’italinanità della Corsica » e ancu « l’italianità razziale della Corsica ». E cume l’ha ramintatu u storicu, u prufessore Ubertu Lenziani indè una cunferenza nanta stu suggettu : « stu sintimu ghjera sustenutu in Corsica da un partitu naziunalistu direttu da u scrittore Santu Casanova, poi da un’altru intelletuale, Petru Rocca e u giurnale « A Muvra » chi avianu pigliatu fattu e causa per l’irredentismu ».

Ghje dopu l’accordi di Monacu in Germania in 1938 che u periculu si face più vicinu e che a resistenza più intensa contra è riclamazione di Mussolini. E ghje cusi chellu nasce u ghjuramentu di Bastia, primu passu di a resistenza corsa. Per i so ottant’anni, Prefettu rapresententi di a municipalità di Bastia, di l’intercummunalità, di a culletività, di l’armata, di l’anziani cumbattenti si so aduniti di fronte à u munumentu di u ricordu di a resistenza, poi di fronte à a lapide chi ghje stata posta a l’epuca à u caffè « des gourmets ». « Fà esce u ghjuramentu di Bastia di u silenziu di e mente, ghje un’opera di salute che noi femu oghje », ha dicchjratu in cunclusione à nome di a resistenza l’avvucatu Ugolini.


Petru Luigi Alessandri

 

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

,