Festivalu “Altaghje, leghja u mondu” – “Altaleghje, leggere il mondo”

I scontri culturali d’Altaleghje

di Lisa Pupponi (giornalista della Rivista Tempi)

In Corsica suttana, u festivalu « Altaleghje, leghja u mondu » hè divintatu l’appuntamentu chì riunisci appassiunati di literatura è scrivani ghjunti di u mondu sanu intornu à cunfarenzi è avvenimenta culturali in lu picculu paesi d’Altaghjè, in lu rughjoni di l’Alta Rocca.

Iniziatu in 2014  da qualchì abitanti di u paesu, a prima edizioni avia accoltu 4 autori corsi par 3 cunfarenzi, cinqui anni dopu a squadra di l’associ si hè ingrandata di manera tremenda, i 25 urganizatori travaddani duranti l’annu sanu par approntà  stu festivalu chì hà crisciutu più ch’hè bè !  Mentri la fini di la settimana scorsa, 21 autori è artisti isulani, di Francia è d’Algeria hani participatu à l’avvenimenta culturali : cunfarenzi, cuncerti, letturi publichi, vendita di libri è stondi paisani, un’antra manera di scopra la Corsica.

St’annu, l’Algeria hè stata missa à l’onori. Scrivani, ghjurnalisti è artisti hanni fattu u viaghju sin’à li muntagni corsi par scambia incù u publicu isulani nant’à i cambiamenti suciali è pulitichi ch’iddu cunnosci u paesu : A libartà di sprissioni hè stata mintuata parechji volti mentri i cunfarenzi, a piazza di a donna in la sucità tinia una piazza impurtanta in i dibatitti da paragoni trà a Corsica è l’Algeria. Infini, u scopu primu di st’ultima edizioni fussi a nascita d’una lea nova trà i dui tarri di u meditarraniu.

 L’intarvinzioni di Kamel Daoud, autoru famosi di sprissioni francesa hè stata rimarcata, l’autoru di u libru « Meursault, Contre-enquête » era accumpagnatu da u cumpà di l’associazioni è scrittori corsu Ghjirlormu Ferrari, premiu Goncourt di l’annu 2012 par u so libru « Le Sermont sur la chute de Rome ».

A cunfarenza di a Rivista Tempi. 

Sempri in ligamu cù a litaratura, è cù a litaratura corsa, u ghjurnali numericu d’attualità è di cultura hà scambiatu incù u publicu i so riflissioni nant’à a lascita taliana in la pruduzzioni scritta isulani dapoi seculi è seculi, dopu hani provu hà chjarì un’epica guasgi scunisciuta da i corsi stessi : U tempu di i rivisti culturali è pulitichi isciuti mentri l’anni 1910 à 1940.

Intitulati A Cispra, A Muvra, l’Annu Corsu ò A Tramuntana, sti rivisti sò nati quandu a Corsica scontrava una sfundatura culturali è ecunomica. A cadduta demografica tramenda era una cunsequenza di a prima guerra mundiali, si hè aghjuntu a sparizioni di a sucità tradizionali incù a francisazioni di a cultura corsa.  Tandu certi intelletuali, prufissori, avucati è medicini  erani à l’iniziu di muvimenti ditti autonumisti, hani criatu urgani di stampa par affirmà a soppravivenza di i tradizioni corsi, è di a so litaratura.

In lingua italiana:

Gli incontri culturali del festival d’Altaleghje

In Corsica del Sud, il festival chiamato “Altaleghje, leggere il mondo” è diventato un appuntamento ricercato che ha riunito appassionati di letteratura e scrittori venuti da tutto il mondo, intorno a conferenze ed eventi culturali nel piccolo paese d’Altaghjè, località nella regione dell’Alta Rocca.

Iniziato nel 2014, da qualche abitante del paese, la prima edizione aveva accolto 4 scrittori e 3 conferenze, cinque anni dopo, la squadra dell’associazione è stata ingrandita di maniera fantastica, ora i 25 organizzatori lavorano durante tutto l’anno per preparate questa importante kermesse. Il fine settimana scorso, 23 autori e artisti isolani, dalla Francia e dall’Algeria hanno partecipato all’evento culturale: conferenze, concerti, letture pubbliche, vendita di libri, momenti piacevoli che nel paese “rucchisgiano” sono stati apprezzati da tutti. E’ stata una maniera di scoprire un’altra faccettatura della Corsica per i turisti e gli invitati.

Quest’anno, l’Algeria è l’ospite d’onore. Scrittori famosi, giornalisti e artisti hanno fatto un lungo viaggio un sino alle montagne corse per raccontare al pubblico isolano l’evoluzione sociale e politiche che il Paese dell’Africa del Nord conosce da qualche tempo.

La questione della libertà di espressione dei giornalisti e degli scrittori spesso negata da una repressione politica e morale è stata più volte al centro della discussione. Un altro importante momento è stato il ruolo della donna nella società, dove vi è stato un acceso confronto sulle differenze tra Corsica e Algeria. In fine, lo scopo primo di questa ultima edizione era la nascita di legami tra questi due popoli mediterranei.

Il pubblico ha avuto modo di ascoltare la conferenza di Kamel Daoud, il famoso scrittore algerino di lingua francese, autore dell’opera « Meursault, contre-enquête », Daoud era accompagnato dal padrino dell’associazione, Ghjilormu Ferrari, scrittore corso che ha ricevuto il premio Goucourt nel 2012 per il suo libro « Le Sermon sur la chute de Rome ».

La conferenza della Rivista Tempi

Sempre legato con la letteratura, ed in particolare con quella corsa, il periodico di attualità e cultura “Rivista Tempi” ha scambiato con il pubblico le sue riflessioni sull’influenza della cultura italiana nelle opere della letteratura corsa. A seguire hanno cercato di spiegare un’epoca poca conosciuta dagli stessi corsi: il periodo delle riviste culturali e politiche uscite tra il 1910 e il 1940.

“A Cispra”, “A Muvra”, “l’Annu Corsu” e “A Tramuntana”: queste riviste sono nate quando la Corsica incontrava un crollo profondo, culturale e economico. Al disastro demografico dopo la prima guerra mondiale, si è aggiunta alla scomparsa della società tradizionale doppiata dalla francesizzazione della cultura. Dunque, certi intellettuali, professori, avocati e dottori erano all’inizio degli movimenti chiamati « autonomisti », questi hanno creato organi di stampa per scambiare la loro visione di una società corsa in perdita di valori, ma hanno soprattutto affermato l’esistenza di una cu