Emmanuel Macron annuncia lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale, nuove elezioni legislative in arrivo

By Guillaume Bereni Giu 10, 2024 #politica

I risultati delle elezioni europee del 2024 sono stati un fallimento per la maggioranza e il Presidente Emmanuel Macron ne ha preso atto con una decisione importante. In conformità all’articolo 12 della Costituzione, il Presidente della Repubblica ha annunciato lo scioglimento dell’Assemblea nazionale.

Emmanuel Macron ha spiegato la sua decisione in un discorso televisivo ieri, 9 giugno, quando i risultati del voto hanno mostrato che l’estrema destra è stata la chiara vincitrice in una battaglia unilaterale. Gli elettori saranno quindi chiamati alle urne nelle domeniche 30 giugno e 7 luglio 2024. A seguito di questa decisione, sono attesi due decreti: il decreto di scioglimento dell’Assemblea Nazionale firmato dal Presidente della Repubblica e il decreto di convocazione degli elettori firmato dal Primo Ministro. Una volta pubblicato il decreto di scioglimento, la sessione ordinaria sarà interrotta e tutti i lavori in corso saranno sospesi.

Sebbene la Costituzione preveda tra i 20 e i 40 giorni per lo svolgimento di nuove elezioni, il Presidente della Repubblica ha scelto di rispondere il più rapidamente possibile alla crisi politica del Paese, organizzando il primo turno in sole tre settimane. Molti osservatori lo considerano una scommessa, il cui esito è molto difficile da prevedere. Già in una posizione difficile perché ha solo una maggioranza relativa nell’Assemblea dal 2022, il campo presidenziale alla fine del mese si giocherà la sopravvivenza contro le opposizioni che sperano di creare uno spostamento verso una possibile coabitazione. Le forze di sinistra sembrano decise a unirsi nonostante i numerosi disaccordi che hanno fortemente ridimensionato la loro precedente coalizione, mentre l’estrema destra può contare sul suo forte slancio, che le elezioni europee hanno appena confermato. Sappiamo già, da una dichiarazione del suo presidente Ciotti, che i repubblicani di destra non intendono allearsi con il partito presidenziale. Il “macronismo” potrebbe morire quest’estate.

Con poco tempo a disposizione per la campagna elettorale, i parlamentari che rimettono in gioco il loro mandato possono in definitiva contare solo sui loro bilanci per riconquistare la fiducia degli elettori. In Corsica, sono quindi i tre deputati autonomisti (Michel Castellani, Jean Félix Acquaviva, Paul André Colombani) e il deputato di destra Laurent Marcangeli a mettere il loro futuro nelle mani degli elettori dell’isola. È difficile immaginare che qualcuno di loro non si ricandidi. Non è ancora possibile dire chi saranno i nuovi candidati, ma è certo che le prossime settimane saranno ricche di insegnamenti per il futuro della Corsica.

Al di là della questione nazionale, che la Corsica non può ignorare, lo scioglimento dell’Assemblea nazionale potrebbe segnare la fine di alcuni progetti per i quali i rappresentanti eletti dell’isola si sono impegnati. Nel campo della sanità, ad esempio, con il progetto di legge che potrebbe dotare la Corsica di un ospedale universitario entro il 2030, per i trasporti, per la questione dei detenuti e, naturalmente, per l’inchiesta sulla morte di Yvan Colonna. Ma c’è anche il timore che tutto questo possa portare a un ulteriore indebolimento del progetto di autonomia, già fragile e così dipendente da alcuni eletti dell’attuale maggioranza, come il ministro Darmanin. Se già con l’attuale configurazione del parlamento le speranze di un vero cambiamento istituzionale sembravano scarse, un eventuale passaggio all’opposizione potrebbe firmare la sua condanna a morte.

Fonte: vie-publique.fr

Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

By Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *