Elezioni legislative del 2024: il campo nazionalista avanza diviso. La sinistra si unisce, la destra sta brancolando e l’estrema destra vuole incarnare il cambiamento

By Guillaume Bereni Giu 14, 2024 #politica

Le elezioni parlamentari del 30 giugno e del 7 luglio 2024 promettono di essere una dura battaglia per i deputati uscenti di tutti i partiti. Dal 2022, la Corsica ha tre deputati del movimento autonomista (Michel Castellani, Jean-Félix Acquaviva e Paul-André Colombani), oltre al deputato di destra Laurent Marcangeli. Costretti dal recente scioglimento dell’Assemblea Nazionale a rimettere in gioco il proprio mandato, i deputati uscenti dovranno affrontare un contesto politico ed elettorale molto più complesso di quello di due anni fa.

Il campo nazionalista avanza diviso

Non è necessariamente sorprendente vedere la disunione dei partiti nazionalisti al momento delle elezioni. Lo spettro dei movimenti e delle idee è ampio e va dall’autonomia per alcuni alla vera e propria ricerca dell’indipendenza per altri. Così, nonostante l’appello di Femu a Corsica a sostenere gli eletti autonomisti uscenti e l’appello di Core in Fronte per “l’unione delle forze del movimento nazionale”, le elezioni legislative in Corsica saranno caratterizzate dalla presenza di diversi candidati che corrono con un ticket nazionalista.

Oltre ai deputati uscenti di Femu a Corsica (Castellani e Acquaviva) e del Partitu di a Nazione Corse (Colombani), gli elettori troveranno candidati di Core in Fronte in tutte e quattro le circoscrizioni della Corsica. Lo stesso dovrebbe valere per il partito Nazione (ex-Corsica Libera), che ha annunciato poche ore fa la sua partecipazione alle elezioni e ne definirà a breve i dettagli.

Non si sa ancora se Romain Colonna, il candidato sconfitto nel 2022 contro Laurent Marcangeli, si ricandiderà.

L’unione della sinistra ha confermato anche in Corsica

Dall’annuncio dello scioglimento dell’Assemblea nazionale, le varie componenti della sinistra francese hanno lavorato attivamente alla creazione di un “Fronte popolare” comprendente rappresentanti eletti del Partito socialista, de “La France Insoumise”, degli ecologisti e dei comunisti. Nonostante i numerosi disaccordi che hanno minato i negoziati, sembra che i vari partiti abbiano raggiunto un accordo per sostenere un unico candidato del Fronte Popolare in ogni circoscrizione.

La Corsica, tuttavia, è stata esclusa da questo principio di unione quando sono state lanciate le alleanze. La forza della sinistra sull’isola è stata ritenuta troppo debole dalle autorità nazionali per meritare la sua inclusione nel Front Populaire? Questa mancanza di considerazione non è piaciuta alle varie componenti della sinistra in Corsica, che hanno lavorato da sole per unirsi e sono riuscite a raggiungere un accordo.

Alla fine, anche la Corsica opererà con un unico candidato della sinistra in ogni circoscrizione.

La destra isolana va avanti nonostante il tumulto nazionale

Accanto alla candidatura di Laurent Marcangeli per un nuovo mandato, in queste prossime elezioni legislative ci saranno alcuni volti noti della destra. Ma è in un contesto diverso, così teso, che i rappresentanti eletti della destra repubblicana dovranno fare campagna elettorale. Ciò è dovuto al vero e proprio clamore suscitato questa settimana dalla dichiarazione del presidente nazionale del partito “Les Républicains”, Eric Ciotti. Ciotti ha annunciato, senza alcuna consultazione, la sua intenzione di alleare l’intero partito con l’estrema destra alle elezioni parlamentari, il che ha portato la maggioranza dei leader del partito a chiedere le sue dimissioni. In breve, il principale partito di destra della politica francese è in grave difficoltà.

Questo naturalmente complica il lavoro dei politici di destra in Corsica. François-Xavier Ceccoli si candida per la rielezione nella seconda circoscrizione dell’Alta Corsica, ma lo fa “senza un’etichetta politica”. Lo stesso vale per Valérie Bozzi (sindaco di Grossetto Prugna), che farà campagna elettorale senza alcun riferimento al partito “Les Républicains”. Resta ora da vedere chi correrà per la destra nella prima circoscrizione dell’Alta Corsica e se lo farà sotto l’etichetta “Les Républicains”.

L’estrema destra vuole sfruttare lo slancio delle elezioni europee

Sommando i voti espressi in Corsica per il candidato del “Rassemblement National” e quelli per il candidato di “Reconquête” alle precedenti elezioni europee, sembra che circa un elettore su due si sia rivolto all’estrema destra. Il contesto nazionale è inoltre fortemente segnato dallo slancio di cui godono attualmente Marine Le Pen e i suoi alleati: tanto da indurre i vari attori che promuovono un discorso sull’identità e sulla sicurezza a credere che la vittoria sia a portata di mano.

Il Rassemblement National (RN) avrà candidati in tutte le circoscrizioni della Corsica, compreso il rappresentante regionale del partito, François Filoni, nella seconda circoscrizione della Corsica del Sud. Ma l’estrema destra non è solo l’RN e gli elettori potranno rivolgersi ad altre personalità. Alexis Fernandez, ex-RN, si è dichiarato candidato senza affiliazione politica nella prima circoscrizione dell’Alta Corsica, dove affronterà nuovamente Julien Morganti (arrivato secondo alle precedenti elezioni legislative). Il partito Reconquête di Eric Zemour sarà rappresentato da Michel Lamberti.

Ma è forse la candidatura di Nicolas Battini, leader del partito autonomista di estrema destra “Mossa Palatina”, che potrebbe suscitare scalpore. Nelle due circoscrizioni della Corsica del Sud saranno presenti anche altri due membri del neonato partito. Solo la seconda circoscrizione dell’Alta Corsica non offre una candidatura di Mossa Palatina, con il partito che ha informalmente lasciato spazio alla candidatura di Jean-Antoine Giacomi, esponente di un altro movimento di estrema destra corso, “Forza Nova”. Dovrà affrontare il deputato uscente Jean-Félix Acquaviva. Nicolas Battini ha anche lanciato un virulento appello a “punire” il deputato uscente, che ha criticato su Alta Frequenza per la sua connivenza con la sinistra e le sue posizioni complottiste che negano il coinvolgimento dell’islamismo nell’omicidio di Yvan Colonna.

Un’elezione segnata dall’incertezza

Le prossime elezioni legislative in Corsica potrebbero segnare grandi cambiamenti. La forte diluizione delle idee incarnata dalla proliferazione dei candidati potrebbe portare a sorprese al primo turno del 30 giugno.

In un contesto nazionale così perturbato come raramente lo è stato da diversi decenni, sono aperte le scommesse.

Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

By Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

Related Post