Elezioni legislative 2024: gli attuali parlamentari della Corsica tornano in campagna elettorale, mentre l’opposizione si prepara a reagire

By Guillaume Bereni Giu 11, 2024 #politica

La decisione del Presidente della Repubblica di sciogliere l’Assemblea nazionale e di indire nuove elezioni legislative anticipate ha naturalmente creato scalpore nel mondo politico, in Corsica e altrove. Emmanuel Macron ha scelto di organizzare queste elezioni con il massimo anticipo consentito dall’articolo 12 della Costituzione: si voterà il 30 giugno e il 7 luglio 2024. È sufficiente per mettere in crisi i parlamentari in carica e dare ai partiti di opposizione la possibilità di creare una sorpresa?

La maggioranza dei quattro deputati in carica ha confermato l’intenzione di ricandidarsi. È il caso degli autonomisti Michel Castellani e Jean-Félix Acquaviva (1a e 2a circoscrizione dell’Alta Corsica) per Femu a Corsica, e di Laurent Marcangeli per il partito di destra Horizons (1a circoscrizione della Corsica del Sud). La candidatura di Paul-André Colombani del partito autonomista PNC per la seconda circoscrizione della Corsica del Sud dovrebbe essere ufficializzata nelle prossime ore. In un comunicato stampa, Femu a Corsica ha fatto appello all’unità tra tutte le forze coinvolte nel processo di autonomia dell’isola, sottolineando che questo processo è più che mai minacciato da un possibile rimpasto politico derivante da queste nuove elezioni. Anche Core in Fronte ha fatto appello all’unità, invitando“tutte le forze che storicamente compongono il Movimento Nazionale a convergere patriotticamente, nel rispetto della diversità e del pluralismo”.

Naturalmente, gli autonomisti non sono gli unici a chiedere una certa unità. La destra, guidata da Laurent Marcangeli, spera di approfittare di queste nuove elezioni per ridefinire la rappresentanza della Corsica all’Assemblea nazionale. Mentre chiede una “Corsica unita” intorno alla destra repubblicana, abbiamo appreso che François-Xavier Ceccoli, sconfitto nella seconda circoscrizione dell’Alta Corsica alle ultime elezioni, sarà candidato. Si troverà quindi nuovamente di fronte a Jean-Félix Acquaviva in questa circoscrizione, dove le precedenti elezioni sono state relativamente combattute. Riuscirà il deputato autonomista a mantenere il suo posto all’Assemblea nazionale?

Tuttavia, le prossime elezioni non dovrebbero limitarsi a una battaglia tra autonomisti e rappresentanti della destra. In Corsica, dove quasi un elettore su due ha votato per un partito di estrema destra alle elezioni europee del 2024, i rappresentanti di queste correnti politiche avranno sicuramente una carta da giocare. Attraverso il suo rappresentante in Corsica, François Filoni, il Rassemblement National, che ha ricevuto un vero e proprio plebiscito dagli elettori domenica scorsa, schiererà un candidato in ciascuna delle quattro circoscrizioni dell’isola. Ma è anche il partito della Mossa Palatina che sarà inevitabilmente al centro dell’attenzione. Questo partito, guidato da Nicolas Battini, è entrato di recente nella mischia politica e si descrive come “un movimento nazionalista corso con un’identità conservatrice e liberale“. È vicino al partito di estrema destra Reconquête di Eric Zemour e Marion Marechal, che ha ottenuto poco più dell’8% dei voti corsi alle ultime elezioni europee. Queste elezioni sono quindi l’occasione per la Mossa Palatina di tastare il polso all’elettorato e magari di fare una sorpresa. In un’intervista ad Alta Frequenza, Nicolas Battini ha confermato la sua candidatura nella prima circoscrizione dell’Alta Corsica, dove affronterà il deputato uscente Michel Castallani. Nel resto della Corsica, se Mossa Palatina avrà un candidato dichiarato dipenderà dall’esito delle discussioni con i rappresentanti del Rassemblement National e di Reconquête, gruppi che il movimento regionale di Nicolas Battini potrebbe sostenere.

Infine, resta da vedere come se la caverà la sinistra in una Corsica che ultimamente fatica a convincere. Mentre l’unità della sinistra sembra prendere forma a livello nazionale tra LFI, il Partito Socialista, gli ecologisti e i comunisti, è ancora difficile immaginare come tutto questo si tradurrà in Corsica.

Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

By Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *