E Palme : U primu passu di a Settimana Santa

C’era assai ghjente indè è chjese di Corsica sta dumenica di è Palme. Ulivu, Crucette, palme, pesci, pulezule purtate alte in prucessiò da u cleru e i fedeli. A liturgìa prevede stu ghjornu a lettura di a Passione di u Signore, chi s’hè fatta in San ghjuvà di Bastia incù a presenza di i scutti di Francia sposti in giru à l’altare maggiore. Una dumenica chi apre a Settimana Santa. A Corsica cattolica à parte di stu ghjornu si mette in velu negru fin’à Pasqua. Prucessiò, granitule, via cruci, visite à i sepolcri u ghjovi santu in Bastia, l’incatinatu in Bisinchi , u catenacciu di Sartè u venneri santu, o dinò a surtita di u Cristu Negru per è vie di u carrughju storicu di a Citadella in Bastia. A Corsica stu periodu un manca di tradizione specifiche in ogni Pieve. Curtei chi accumpagnanu u Cristu mortu o a Madona adulurata in Corti o in Balagna, spustamentu di i santi in Bonifaziu, scontri di è prucessiò paisane in Casinca, in Ampugnani, in Orezza, Cerche di a Pieve di Lota in Capi Corsu. Passi lenti di i cunfraterni incapucciati, scalzi, purtendu cunfaloni e croce, e chi martelanu ste marchje di « Perdono Mio Dio », « Miserere » o « Stabat Mater »… In Pruprià, Porti Vecchju e altrò. U dulurisimu di a Settimana Santa si face sente à mezu è chjese à è navate spugliate e à i campanili muti.

In stu tempu si face una quaresima di cibi poveri ma sapuriti. Cena Domine di u Ghjovi Santu fatta di past’ e cecci, fritelle d’erba, o u tradiziunale baccalà di u venneri santu. A Messa crismale chi cunsacra l’ogliu santu, precedde a veghja pasquale di u Sabatu notte. Una liturgìa di a fiamma nova chi accenderà u cirone Pasquale simbulu di u cristu rissortu, dopu è tre chjame fatte da u prete di u « Lumen Cristi », e a benedizione di l’acqua chi bagnerà i capi di i fedeli à è messe di a dumenica di Pasqua.

Tempi fà à u sonu di e campane pasquale si facianu cincinà i cinini chi ùn caminavanu nancu e si lampava in terra sedie e pultrone.
E campane suneranu dinò l’ora di i pasti più furniti e di dolci aspettati da i zitelli : campanili e cruchoni guarniti d’ove culurite, panette e migliacci per i maiò, agnellu e caprettu per tutti.
U dolu sera cusi scioltu da a gioia di u Signore rissortu per quelli chi credenu, e per l’altri a festa sera bella sicura permessa.

Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Petru Luigi Alessandri

A proposito di Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Vedi tutti gli articoli di Petru Luigi Alessandri →