E migrazione, una mostra à u museu di Bastia

 

Identità : les corses et les migrations (I Corsi e è migrazione) ghje u tema di una mostra impurtente chi s’hè aperta u 7 lugliu è chi si chiuderà u 22 dicembre di u 2018 in Bastia.

A u Palazzu di i guvernatori sede di u museu di Bastia ghjeranu numerosi stu 7 lugliu l’invitati per l’apertura di a mostra. Persunnalità di u mondu puliticu, culturale è dinò ripresententi di è cummunità strangere : i consuli d’Italia di u Maroccu è di u Purtugallu.
Sta mostra hà cume ambizione di risponde à una questione : Cume si custruisce l’identità corsa indè stu rapportu à l’altru indottu da è migrazione ?.
Qualchi dati storichi so necessarii. A u cuntrariu di coselu si crede o si dice, i corsi di u XVII à u XVIIIesimu seculu so partiti di l’isula. Una percentuale di 20 %. Ma ghje u XIX è XX esimu seculu chi custituisce u periodu u più « riccu » di l’esiliu di i corsi. Da u 1931 à u 1938, 6000 corsi partenu ogn’annu. Ma indè l’annate 1950 ùn so più che 1000. Indè u deceniu 1930, 120000 corsi vannu un pò d’apertuttu . In 1970 l’impiegu di u tema di « Diaspora » s’invita ind’è mente, è a parolla ghje adubrata.

Ma, sè i corsi partenu, l’isula accoglie dinò strangeri : taliani (tuscani, sardi, liguri) custituiscenu à maio parte di l’immigrati. L’annessione frencese scambia u dà. Face sorte l’isula di u spaziu culturale talianu per integrala à a nazione frencese. E l’immigrati di l’Africa di u Nordu supraniscenu quelli taliani ,seguitati dopu da i purtughesi. Si conta à pocu prezzu più di 13000 magrebini è 7000 purtughesi. Un si sà l’influenza di è migrazione indè a custruzzione identaria di i corsi. Ma sè «  u sangue un ghje acqua » cume dice u pruverbiu, è leè, è vicinanze, è spartere, i scontri, è vite cumune sò attrazzi chi sfondanu è chjusure identitarie per impastale in modu novu.
E migrazione oghje.

Oghje a pupulazione di a corsica ghje cumposta da 10 PC d’immigrati, una percentuale a più debulè di Francia.
Sta mostra spone une pochi di documenti, imagini, foto, dipinti, filmati, testi di e migrazione. Ricordi di a vita ind’è culunie frencese che millai di corsi anu investitu. Testimugnenze di a vita di i magrebini in corsica, di i so travagli in particulare per facende agricule. Ma a mostra pone pocu a dimensione suciale,  è strage di è migrazione.

Oghje i corsi un partenu più, ma l’isula campa indè una diversità culturale spessu mal vissuta da i strangeri è i corsi. Omu si ricorda sempre i scritti nanta i muri di è cità « Frencesi Fora, Arabi Fora ».

 

« Lucchisacciu » ghje statu da parecchji deceni u disprezzu versu u talianu. E migrazione eri cume oghje portanu l’ esiliu di quelli chi fughjenu è miserie di i so paesi. In sti tempi, u mediterraniu ingolle millaie d’esiliati chi unanu pussutu, né ancu, purtà una valisgia.
St’imagine tradiziunale di l’immigratu un ghje più di moda.
Quelli chi si salvanu so accolti scalzi e guasi spugliati. E migrazione oghje anu cume mostra, un bambinu mortu che l’onda ha purtatu in terra ferma, faccie impaurite, dannighjate da è fatigue, occhji sburlati da u miraculu di a salvezza, bocche assidate è famite, corpi tremitti di freddu. E migrazione oghje ùn so più a studià in sensu di muvimenti di pupulazione, ma in situazione d’emergenza umana.

Sè e migrazione di tandu che a mostra spone, ghjeranu ‘ « vestite »di tristessa e d’angosce, purtavanu dinò un rumantismu di a speranza .
Prima si partìa, oghje si scappa.

 

Petruluigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.