Dopo l’attentato di Strasburgo anche in Corsica entra in vigore il livello di “pericolo attentato” del piano Vigipirate

Questo incontro si è tenuto mercoledì 12 dicembre nella prefettura della Corsica, ad Ajaccio, per attuare le disposizioni del livello di “pericolo attentato” del piano Vigipirate  (acronimo di VIGIlance et Protection des Installations contre les Risques d’Attentat Terroriste à l’Explosif)  messo in atto da mercoledì, il giorno dopo l’attacco avvenuto nelle strade di Strasburgo che ha causato due morti.

Strasburgo, il capoluogo storico dell’Alsazia, è stata colpita martedì 11 dicembre alle 20 di un attacco. Un uomo ha sparato diverse volte tra la folla ai margini del mercatino di Natale, uccidendo due persone, una cerebralmente morta e altre 12 ferite. Mercoledì 12 dicembre, lo stato ha deciso di attivare il livello “pericolo attentato”, il livello più alto del piano Vigipirate.

Ieri mattina, Josiane Chevalier, prefetto della Corsica, ha tenuto un incontro per attuare sull’isola le misure del piano nazionale.

Sorveglianza e sicurezza aumentate

Queste misure riguardano due punti importanti:
– maggiore sorveglianza e sicurezza dei luoghi di grande affluenza, compresi i mercatini di Natale e i centri commerciali;
– maggiore controllo dei viaggi aerei e marittimi, soprattutto per gli arrivi.

In collaborazione con le polizia municipali, le pattuglie delle forze dell’ordine sul territorio garantiranno la protezione della popolazione durante le festività natalizie.

Fonte: Prefettura della Corsica