Dopo il pronto soccorso sciopera anche il SAMU dell’Ospedale di Bastia

Dopo il pronto soccorso in sciopero dal 24 luglio, sciopera anche il Service d’aide médicale urgente (SAMU) dell’Ospedale di Bastia . Locali vecchi e inadeguati, personale insufficiente o sistemi informatici obsoleti: è tutto il personale ospedaliero che intende fare progressi per ottenere i necessari miglioramenti.
Supportati dai sindacati CGT-STC inter-sindacale dal 13 settembre, sperano di ottenere progressi nei prossimi giorni.

Vogliamo solo essere presi sul serio e considerati: non suoniamo l’allarme solo per divertimento!” Questo è il grido del cuore di Julien Colombani, uno dei tanti scioperanti del Centro ospedaliero di Bastia. Ed è chiaro che molte di queste affermazioni sembrano davvero fondate.
Per una buona ragione, quando attraversiamo i locali della SAMU di Bastia, sarebbe un lieve eufemismo dire che sembrano inadatti alla cura adeguata di molti pazienti bisognosi.

Innanzitutto possiamo prendere come esempio i locali occupati dagli assistants de régulation médicale (ARM), incaricati di filtrare le numerose chiamate di emergenza, “alla base dovremmo beneficiare di 15 metri quadrati per assistente” dice questo membro dello staff medico scioperante, “oggi siamo 3-4 persone stipate in 21 metri quadrati”.
Tuttavia, “il desiderio non è quello di prendere in ostaggio la popolazione”, ha detto, indicando che “è uno sciopero detto  amministrativo, continuiamo ovviamente la cura dei pazienti che rimane per noi un obiettivo fondamentale “.

Sfortunatamente, lo stato obsoleto dei locali non è l’unica preoccupazione del team medico. “C’è una mancanza di personale effettivo, oggi ci sono solo 14 ARM contro i 18 necessari per il corretto funzionamento di questo ramo”. Spera, tuttavia, che vengano mantenute le promesse relative all’estensione dei 2 rinforzi, inizialmente previsti per la stagione estiva. Un altro problema tecnico da aggiungere a questo elenco preoccupante è quello di un sistema informatico obsoleto. Flusso di chiamate eccessivo in relazione a software inadatto o mancanza di geolocalizzazione che può, in alcuni casi, ribaltare una situazione, “non chiediamo nemmeno di essere all’avanguardia, ma semplicemente essere nelle norme “.

Va notato, tuttavia, che questi argomenti sono già stati menzionati la scorsa settimana con l’amministrazione dell’ospedale. Quest’ultimo ha dichiarato di essere pienamente consapevole delle modifiche da apportare e ha già fatto progressi nell’introduzione di un nuovo software per computer o addirittura nella riparazione del dipartimento di emergenza.

Per concludere, l’intero SAMU di Bastia ha dichiarato di essere “solidale con il movimento inter-emergenza” e ha voluto unirsi al raduno previsto per il 26 settembre di fronte al palazzo di giustizia di Bastia, alle 10:30 del mattino, al fine di far sentire le richieste. comuni.

Fonte: Corse Net Infos