Crisi dei rifiuti: gli abitanti esasperati dalla situazione

In questo periodo di crisi dei rifiuti, i rifiuti si accumulano per le strade e i residenti sono arrabbiati. E la situazione potrebbe benissimo, ha confermato il collettivo Valincu Lindu, nelle condizioni attuali di non riaprire la discarica di Viggianellu.

Da diverse settimane, i bastiacci sono numerosi a lamentarsi dei rifiuti domestici che si accumulano nelle strade della città, per mancanza di spazio nei cassonetti. In questione, il blocco del centro di Viggianello vicino Propriano in Corsica del Sud dall’8 novembre, che ha un forte impatto sul servizio di raccolta dei rifiuti domestici. Le collezioni sono quindi assicurate solo parzialmente.

Nel quartiere di Montesoro, decine di bidoni della spazzatura si accumulano da diversi giorni ai piedi degli edifici, senza che sia stata raccolta alcuna raccolta. Imballaggi natalizi, rifiuti domestici, gli abitanti dei distretti meridionali di Bastia sono sopraffatti:

Tuttavia, per contenere la situazione, il municipio aveva in particolare installato nuovi punti di raccolta dedicati allo spreco alimentare, ma nonostante tutto i cassonetti traboccano sempre.

Con la crisi dei rifiuti, i rifiuti domestici vengono raccolti a Capo Corso due volte meno del solito e la difficoltà per la cooperazione intercomunale è trovare siti per raccogliere questi rifiuti.


A Teghime, l’imballo di immondizia potrebbe continuare più a lungo del previsto. Il collettivo Valincu Lindu lo ha confermato, nelle condizioni attuali non sbloccheranno il centro di Viggianellu il 1 ° gennaio. Le loro richieste: “La discarica di Viggianello non può più ricevere spazzatura da tutta la Corsica, perché un giorno ci sarà un disastro ecologico. Prima, c’era una piccola discarica in ogni regione, penso che sia necessario Ognuno deve fare i conti con i propri rifiuti “, ha affermato Jacques Fieschi, membro del collettivo, lo scorso novembre.

Lo scorso 17 dicembre, a Corte, tutti i soggetti che si occupano di rifiuti si sono riuniti attorno allo stesso tavolo per cercare di trovare una via d’uscita dalla crisi.