Covid, il dottor Joseph Lucciardi è il primo vaccinato in Corsica

A poco più di una settimana dal primo vaccino in Francia, il dottor Joseph Lucciardi, chirurgo del centro ospedaliero di Bastia e presidente della Commissione medica dell’istituto. Questo mercoledì, 6 gennaio, ha ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer circondato da una moltitudine di giornalisti, dal presidente del consiglio dell’ordine dei medici e dai dirigenti dell’ospedale.

Come lui, più di 70 operatori sanitari ospedalieri, per lo più medici, incluso il pediatra Guy Mameli, si sono offerti volontari. “C’è un forte entusiasmo tra i medici, questo manda un buon segnale al resto della professione medica, ma anche alla popolazione. Oggi però non è per l’esempio che vogliono vaccinarsi ma per evitare di ammalarsi “, spiega Serge Fity, medico del lavoro e responsabile della strategia di vaccinazione in Alta Corsica. A lungo termine, verrà vaccinato dal 50 al 75% dei 600 badanti interessati dalla vaccinazione.

Di conseguenza, da ieri in ospedale saranno presenti da 3 a 4 squadre per rispondere alla richiesta di vaccinazione. Un’equipe è composta da una segreteria medica per la fissazione degli appuntamenti, un’infermiera e un medico che effettuano un consulto preliminare per ottenere il consenso del paziente prima dell’atto.

La dottoressa Fity ha inoltre enumerato al dottor Lucciardi, durante il consulto preliminare, le controindicazioni (non essere incinta ad esempio) nonché gli effetti collaterali del vaccino: dolore nella zoan di iniezione, lieve febbre, mal di testa, insonnia e stanchezza. Poi arriva la questione del consenso. “Vuoi fare il vaccino contro il Covid-19”, a cui annuisce.

Dopo gli spogliatoi, il primo paziente corso a ricevere il vaccino è pronto. Meno di un minuto dopo l’iniezione della dose, deve ora attendere i 15 minuti obbligatori di monitoraggio. Il chirurgo è sollevato. “Dal momento che ci aspettavamo, incoraggio le persone a farsi vaccinare perché non vedo altra via d’uscita che la vaccinazione per uscire da questa crisi”.

Fonte: Corse Net Infos