Corsica: elezioni legislative incerte per i deputati uscenti, sorprese in prospettiva?

Siamo ormai in dirittura d’arrivo prima del primo turno delle elezioni legislative di domenica prossima, 30 giugno. I partiti hanno presentato i loro programmi.

Quelli dell’estrema destra e del Nuovo Fronte Popolare sono stati criticati dai partiti liberali in quanto aggraverebbero il deficit pubblico della Francia. Tuttavia, il Nuovo Fronte Popolare, nella sua conferenza stampa di presentazione del suo programma alla presenza di candidati ma anche di economisti, ha quantificato le sue azioni e ha basato la sua politica su una maggiore tassazione dei grandi patrimoni, in particolare con il ripristino dell’imposta sul patrimonio che il governo di Macron aveva abolito. Prevede anche la cancellazione della legge sulle pensioni approvata dalla maggioranza macronista e il ritorno alla pensione a 60 anni. Il governo di sinistra vuole agire positivamente per il miglioramento della politica ospedaliera e sanitaria, nonché per l’istruzione nazionale. Iniziative in tema di politica ambientale e di rimozione delle misure adottate dall’attuale governo contro i disoccupati, nonché di lotta all’inflazione con il congelamento dei prezzi, soprattutto sui beni di prima necessità e la riduzione dei prezzi dell’energia.

Tuttavia, questi annunci non hanno ancora convinto la maggioranza degli elettori poiché, secondo un ultimo sondaggio IPSOS per Radio France e il quotidiano Le Parisien, l’estrema destra è in testa con il 31,5% e con il 4% della destra radicale di Eric Ciotti ha il 35,5%. La sinistra arriva seconda con il 29,5 per cento, il partito del presidente al 19,5 per cento e la destra moderata al 7 per cento. L’estrema destra potrebbe quindi ottenere la maggioranza assoluta. Questa prospettiva preoccupa molti ambienti, soprattutto le associazioni. Quasi 200 associazioni hanno indetto manifestazioni contro l’estrema destra. Anche i diplomatici mostrano la loro preoccupazione e circola una petizione anonima, temendo un deterioramento dell’influenza francese, in particolare in Europa, e una posizione sull’Ucraina più vicina alla Russia. Va ricordato che la Francia è l’unica potenza nucleare europea. Attraverso i loro sindacati, magistrati, medici, avvocati, insegnanti, artisti e altre professioni hanno chiesto una “barriera all’estrema destra“. Il presidente Macron ha inviato una lettera a i francesi attraverso la stampa regionale. Ha assicurato che non si dimetterà e resterà in carica fino al maggio 2027. Ha risposto così a Marine le Pen che chiede le sue dimissioni in caso di vittoria del suo partito. Il presidente Macron ha anche spiegato le ragioni dello scioglimento.

 

Il nazionalismo corso messo alla prova e la sinistra esclusa dal fronte popolare

In Corsica, ai quattro deputati uscenti (tre nazionalisti e uno di destra) non è garantita la rielezione. L’ex sindaco di Ajaccio, che ha indossato i colori del partito Orizzonte, sostenitore del presidente Macron, avrà difficoltà a difendere il bilancio presidenziale, il che è senza dubbio un handicap. I tre deputati nazionalisti, uno del PNC a Porto Vecchio e gli altri due simeonisti in Alta Corsica, si trovano di fronte a una disgregazione della famiglia nazionalista e dovranno affrontare candidati indipendentisti “Core in Fronte” e soprattutto il nuovo partito, simpatizzante dell’estrema destra, Mossa Palatina. Il meno minacciato dei tre è probabilmente il deputato di Bastia, che si assicura l’appoggio dei grandi comuni dell’agglomerato. Ma il risultato dell’estrema destra in Corsica alle elezioni europee (oltre il 50%) può rendere problematica la loro rielezione perché i candidati sono presenti nelle diverse circoscrizioni elettorali e i sondaggi nazionali riportano percentuali identiche a quelle delle elezioni europee. I nazionalisti eletti possono avere qualche speranza perché è un dato di fatto che alcuni degli elettori di estrema destra hanno sempre portato loro un potenziale voto, ma il contesto nazionale era diverso da quello di oggi, e il partito nazionalista Mossa Palatina, che può catturare i voti dell’estrema destra, non era presente alle ultime elezioni.

Nella seconda circoscrizione dell’Alta Corsica, il nazionalista in carica è forse il più minacciato dei tre. Avrà contro di sé un candidato di destra che nel 2022 è stato battuto solo per 150 voti. Uomo di campo, dinamico leader agricolo, sostenitore di una destra moderata, si potrebbe questa volta, vedere le porte del Palais Bourbon aprirsi per lui. I candidati di sinistra non sono i favoriti e le loro possibilità sono piuttosto compromesse, a meno che non ci sia una sorpresa. Una situazione aggravata dalla decisione delle autorità parigine che, sotto l’influenza degli ecologisti e di France Insoumise, non hanno integrato la Corsica nell’accordo nazionale, così come hanno fatto i territori d’oltremare. Un atteggiamento sorprendente che ha fatto reagire, a dir poco, il Partito comunista dell’isola, che ha protestato. Di fronte a questa protesta, la Corsica è stata ripristinata, solo per un po’, perché LFI ed ecologisti hanno combattuto di nuovo per far uscire la Corsica dall’accordo nazionale e hanno vinto la loro causa. Tuttavia, la sinistra corsa l’ha superata ed è riuscita a unirsi con i candidati (senza l’etichetta di Fronte Popolare) presenti nelle quattro circoscrizioni.

Perché un atteggiamento così discriminatorio da parte di France Insoumise e degli ecologisti? La spiegazione verrebbe dal fatto che questi due partiti difendono l’autonomia sostenuta da Simeoni e, senza esprimerla, sperano che i voti dei loro elettorati isolani si riferiscano ai candidati nazionalisti. Questo senza contare gli altri partiti di sinistra, e in particolare il Partito Comunista, che si opponevano all’autonomia e ai nazionalisti. Autonomia che non servì al presidente dell’esecutivo Gilles Simeoni che pensava di poter raggiungere un compromesso e che vide spegnersi le sue speranze con lo scioglimento dell’assemblea nazionale. Il progetto di autonomia era già in cattive condizioni e avrà ricevuto il colpo di grazia. Il presidente Simeoni, al quale viene rimproverato di essere rimasto in silenzio per tutta la campagna elettorale europea, non ha dato istruzioni di voto. Questo atteggiamento e i suoi risultati contrastanti alla guida della collettività corsa potrebbero avere conseguenze negative sui suoi candidati alle elezioni legislative? Alcuni osservatori si azzardano a pensarlo. In ogni caso, queste elezioni legislative sono più aperte delle precedenti e le sorprese non sono impossibili.

Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

By Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Related Post

One thought on “Corsica: elezioni legislative incerte per i deputati uscenti, sorprese in prospettiva?”
  1. Immagino che chi governa – Simeoni – possa anche aver fatto qualcosa di criticabile, ma se in un momento così la Corsica rinuncia a eleggere un esponente sinceramente schierato per l’autogoverno dell’isola con Simeoni, sarebbe il suicidio di un popolo. Sinistre, destre, macronisti sono espressione del più bieco e sinistro esagonismo. Spero che ci se ne renda conto.
    Dei sé-dicenti “nazionalisti” che si proclamano astensionisti, che inseguono posizioni estreme, che s’inventano nuovi nazionalismi di destra o di sinistra, che dire?
    La mamma dei settari inutili, degli indipendentisti da bar, è sempre incinta, purtroppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *