Coronavirus: in Corsica richieste di disoccupazione a livelli record

Mentre si profila un’estensione delle misure di contenimento, si temono ulteriori conseguenze per l’economia locale già gravemente colpita. Le aziende ricorrono alla disoccupazione parziale.

La situazione economica è difficile. E sfortunatamente, le cose non dovrebbero andare meglio nei prossimi giorni. E per una buona ragione, l’Eliseo ha appena annunciato che il periodo di quarantena  subirà una nuova proroga senza specificarne la durata. Tutti ne sapranno di più lunedì 13 aprile, dopo il nuovo intervento del Presidente della Repubblica.

Di più in Corsica che altrove le aziende hanno avuto bisogno di questo nuovo periodo di inattività. 6.000 di loro hanno già fatto ricorso sala disoccupazione parziale. Circa ¼ del tessuto economico dell’isola è interessato. Ciò rappresenta 35.000 salariati, principalmente nei settori commerciali (tutti i negozi non essenziali che hanno dovuto chiudere), hotel, ristoranti o persino costruzioni e lavori pubblici.

Secondo le previsioni della direzione regionale del lavoro e dell’occupazione, saranno erogati quasi 156 milioni di euro, per un totale di 20 milioni di ore di lavoro senza lavoro, con una tariffa oraria media di 11 € per la regione della Corsica.

E queste cifre si evolveranno sicuramente, poiché dovrebbero ancora arrivare altre richieste di attività parziale. I datori di lavoro hanno 30 giorni per completarli. La direzione del lavoro e dell’occupazione ha mobilitato tutti i suoi agenti per rispondere entro 48 ore. Il periodo di pagamento può quindi variare tra dieci e quindici giorni.

L’indirizzo e-mail per qualsiasi richiesta di indennità per attività parziale: [email protected] per la Corsica del Sud e [email protected] per l’Alta Corsica.

Fonte: France Bleu RCFM