Coronavirus: anche la Corsica entra in quarantena

Ieri sera il Presidente della Repubblica Macron e il Ministro degli Interni hanno annunciato misure di contenimento senza precedenti. Oltre a aiuti e risorse supplementari per far fronte alla crisi di Covid-19. Li riassumiamo:

Gli annunci fatti ieri sera dal Capo dello Stato non sono stati fatti n tempo di pace. Ma Emmanuel Macron lo ha ripetuto sei volte durante il suo discorso: “Siamo in guerra”.
E per scatenare questa guerra contro “un nemico invisibile”, “questo bombardiere che viene verso di noi ma che non vediamo ancora”, nelle parole di uno scienziato questo fine settimana, vengono annunciate diverse misure eccezionali. Con un obiettivo: “Limitare il più possibile i contatti”. la quarantena è in vigore da oggi a mezzogiorno fino al 31 marzo.

gli spostamenti consentiti sono:

  • spostamento tra casa e luogo di esercizio dell’attività professionale, quando sono essenziali per l’esercizio di attività che non possono essere organizzate sotto forma di telelavoro (su prova permanente) o viaggi professionali che non possono essere differiti;
  • spostamento per effettuare acquisti essenziali nelle attività autorizzate (elenco su government.fr);
  • spostamento per motivi di salute;
  • spostamento per motivi familiari indispensabili, per assistenza a persone vulnerabili o assistenza all’infanzia;
    brevi viaggi, vicino a casa, legati all’attività fisica individuale delle persone, escludendo qualsiasi pratica sportiva collettiva e le esigenze degli animali domestici.

MULTA :

Ieri il Ministro dell’Interno Christophe Castaner ha sottolineato che  il  certificato potrebbe essere stampato o scritto anche a mano , soprattutto per coloro che non dispongono di una stampante. È anche possibile compilare e firmare il PDF fornito in forma digitale (tramite applicazioni compatibili) e quindi presentarlo così com’è durante un’ispezione.

Nel documento standard fornito, sono specificati: cognome, nome, indirizzo, data di nascita, nonché un elenco di casi eccezionali, con una casella di controllo per specificare quello che ti riguarda. Il certificato deve essere datato (con precisione dal comune in cui è stato effettuato) e firmato. È pertanto necessario disporre dei documenti di identità con sé in caso di ispezione.

Sul documento sono presenti anche le seguenti menzioni, e quindi da riprodurre: “Ai sensi dell’articolo 1 del decreto del 16 marzo 2020 che regola i viaggi come parte della lotta contro la diffusione del virus Covid-19: [ …] Certifica che il mio viaggio è legato al seguente motivo (barrare la casella) autorizzato dall’articolo 1 del decreto del 16 marzo 2020 che regola i viaggi come parte della lotta contro la diffusione del virus Covid-19 ”.

Nel caso di spostamento nell’ambito del tuo lavoro, dovrai anche avere prove specifiche che devono essere completate dal tuo datore di lavoro. Menziona le stesse informazioni, ma anche i tuoi mezzi di viaggio, il tuo viaggio, la natura e il luogo della tua attività professionale.

In caso di inosservanza di tale obbligo, potresti ricevere una sanzione a partire da domani, una transizione “educativa” in programma per oggi. Il suo importo minimo è attualmente di 38 euro, ma questo cambierà rapidamente in modo tale da aumentare a 135 euro non appena il decreto è entrato in vigore.

100.000 poliziotti e gendarmi saranno mobilitati in tutto il Paese per pattugliare e far rispettare le misure di quarantena.

È inoltre disponibile una FAQ del mInistero degli interni che illustra in dettaglio l’implementazione delle misure di quarantena. Aggiorneremo questa notizia se dovessero essere specificate altre condizioni.

In questo link il decreto del 16 marzo sulla quarantena in tutta la Francia.

Fonte: Neximpact , France Bleu RCFM e France 3 Corse Via Stella