Collettività unica… targa unica?

Da diversi anni in Francia le targhe d’immatricolazione delle auto, che riportano il numero del dipartimento, possono essere personalizzate e scelte anche in modo differente dal dipartimento dove effettivamente la vettura viene immatricolata.

La Corsica è stata per lungo tempo un dipartimento, identificato dal numero 20. Quando divenne una regione divisa in due dipartimento, quello dell’Alta Corsica (Cismonte) con capoluogo Bastia e quello della Corsica del Sud (Pumonte) con capoluogo Ajaccio, si pose il problema del numero. Come fare? Assegnare un numero differente a uno dei due dipartimenti conservando il 20 per l’altro? Un bel dilemma…

La soluzione adottata fu bizzarra ma ebbe un grande successo: trasformare il numero in un codice alfanumerico, dove il 2 resta cifra iniziale, seguito però da una lettera. La lettera A di Ajaccio per la Corsica del Sud e la B di Bastia per l’Alta Corsica. 2A e 2B. Qualcuno dice che il 2C era già pronto per un’eventuale dipartimento del Centro Corsica con sede a Corte, giusto nell’eventualità… 😉

Le due sigle ebbero in poco tempo grande successo tanto che molte istituzioni (Camere di Commercio, sezioni di partito, associazioni..) e anche privati cittadini le usano per identificarsi. Tra l’altro le “plaques d’immatriculation” còrse hanno molto successo in tutta la Francia, risultando essere le seconde scelte dagli automobilisti dell’esagono dopo quelle parigine.

Però come sappiamo, i due dipartimenti hanno i giorni contati: dal 1° gennaio 2018 non esisteranno più, sostituiti dalla collettività unica della Corsica.

E allora vedremo il 20 ritornare e soppiantare i 2A e 2B, piccoli simboli delle due anime dell’isola? Per ora nessuna risposta ufficiale. Non resta che attendere e vedere cosa accadrà… sulle strade còrse.