Castellare di Casinca: corre a leteratura à a funtana…

A leteratura hà oramai pigliatu ràdiche di statina Piazza San Bastianu di  U Castellà di Casinca. A vecchia funtana face corre à i so cuntorni un’acqua di parole chi piglia surghjente in bocche fine di sapienza e di spiriti delicati. Scrivane, scrivani è publicu si cuntrastanu, scambianu parè, rifacenu u mondu leterariu di l’oghje sott’à u freschu chi treghje u tramontu di u sole . Ghjè l’ora di “Leteratura à a Funtana”. A seconda edizione  hà adunitu più di una centinaia di ghjente, paisani e furesteri. So quì in giru tondu di fronte à sta funtana chi corre, e chi un s’hè apaghjata, ascultendu anch’ella stu sussuru intelletuale. St’annu l’invitati so Veronique Olmi e René Fregni. Una ghje nizzarda e l’altru marsegliese tutte dui scrivenu, so di fama internaziunale. A donna si sparghje tra scrittura teatrale e rumanzi. E so opere so tradutte in vinti lingue e  so pezze di teatru so date in Francia e al dilà : “le passage”, “Malthilde”, “Point à la ligne”…..I so rumanzi sò à successu, u primu “Bord de mer” o avà “Nous étions faits pour être heureux”. Veronique Olmi un ghje qual voglia sìa indè u spaziu leterariu e teatrale di Pariggi. Persunalità più diversa per u secondu. René Fregni un campa à a capitale ma à u core di a Pruvenza, à Manosque. Ghje ghjuntu indò tardi à a scrittura e hà fattu parechji mistieri , pittore di casali, camerieru in osterìa,. ma ghje in prigiò, incarceratu per deserzione,  chellu cummenci’à leghje e à scrive. “les chemins noirs” ghje u sò primu rumanzu, “les vivants au prix des morts” quellu di st’annu.

Un’orchestrazione cundutta dà un Maestru di a leteratura Corsa : Ghjacumu Thiers prufessore emeritu di l’università di Corsica. Hà scrittu tanti rumanzi in lingua corsa e ghje statu ancu premiatu per à ghjurìa di u Libru Corsu. U specificu di stu scontru tenne inde a scelta di l’urganizatori di favurì scrittori frencesi di nuturietà naziunale e internaziunale. Un ci tocca micca ha fà cuncurrenza à u paese vicinu, Penta di Casinca, chi ellu dà fiatu  à a leteratura corsa. In fatti una cumplementarità casinchese e finalmente una prova che a leteratura ghje universale e un’hà cunfini nè muri linguistichi.

Un c’hè prosa senza cantu e un c’hè cantu senza manghjusca. “Leteratura à a funtana” hà offertu dinò sti piacè, e tuccà cusi un bicchjere per dici “à l’annu chi venne”…

 


Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Petru Luigi Alessandri

A proposito di Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Vedi tutti gli articoli di Petru Luigi Alessandri →