Castagniccia: il maltempo ha isolato gli abitanti del comune di Parata

In Castagniccia è crollato parte del ponte di Fratta, in parte distrutto dalle acque in piena in seguito al maltempo di questo inizio settimana. Risultato: la manciata di abitanti del piccolo comune di Parata è tagliata fuori dal mondo, ma la solidarietà è presente.

Il comune di Parata ha solo 26 abitanti (erano 32 nel 2009) di cui sei residenti tutto l’anno e dista 60 km da Corte,da Aleria e da Bastia; ma è raggiungibile solo da una strada: la RD46 che la collega al resto della Castagniccia fino a Folelli e Piedicroce. Il ponte sul ruscello Pollace è inagibile e dista un chilometro dal centro abitato e da qui tutti gli oggetti e le merci vanno trasportati con la forza delle braccia.

A Parata, i residenti notano l’entità del danno: un voragine aperta. Martellato dalle acque martedì 16 ottobre, il ponte di Fratta è ancora chiuso al traffico. E sono le braccia caricate che vanno tutte al villaggio, sempre isolato.

Dall’altro lato del ponte, l’auto di Julien li sta aspettando. Sono venuti per portare la loro solidarietà agli abitanti. “Eravamo un po ‘preoccupati per le nostre case, per Julien e Aurélie, per sapere se avevano bisogno di qualcosa. Oggi siamo saliti appositamente per questo “, spiega François Mori, residente di Parata.

Parata ha solo sei abitanti all’anno e una fabbrica di biscotti, aperta da solo quattro mesi, da Julien e Aurélie. Bloccati nel villaggio, sono riforniti con farina, olio e altri prodotti necessari per la loro attività.

Con il crollo del ponte, hanno subito danni economici. “Abbiamo dovuto cancellare i nostri ordini, questa settimana intera è persa. Quando guardiamo lo stato del ponte, la strada, ci preoccupiamo un po ‘perché l’abbiamo appena aperta e ci chiediamo come sarà. È preoccupante “, afferma Aurélie Piazza Leoni, proprietaria dell’unica attività del piccolissimo comune, il biscottificio A Passione di Mammone.

Solidarietà

Originari del paese, gli uomini, presenti quel giorno, non vivono tutto l’anno, ma vanno lì il prima possibile. La solidarietà era quindi naturale. “Cerchiamo di aiutare questi giovani che si sono stabiliti. Fa male, hanno aperto un’attività quest’anno, proviamo a vedere cosa possiamo fare per aiutarli “, ha detto Jean-Michel Dominici, uno di loro.

Per comprare (e quindi aiutare) i prodotti del biscottificio:

A Passione di Mammone, aperto il venerdì e il sabato dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 17 e domenica dalle 8 alle 12; e-mail: [email protected], tel.  09 61 61 62 91 o 07 85 47 18 69. Il biscottificio ricomincerà martedì la produzione e tra due-tre settimane saranno possibili le consegne nelle seguenti attività commerciali:

  • Noi produits corses di Bastia (45, Boulevard Paoli)
  • Tabac CC Corsaire di Borgo (215, Avenue De Borgo)
  • La Boutique Orezza a Rapaggio 
  • U Catalinu di Piazzole
  • Il sabato dalle 18 alle 20 al mercato di Piedicroce 

Un’altra visita molto attesa, quella di Remi il postino che porta delle notizie. “Se il postino non arriva ogni giorno, ci sono alcune persone che non vedono nessuno. Il suo ruolo è molto importante “, spiega.

A Parata, tutti aspettano le responsabilità delle autorità pubbliche. I residenti ora sperano che il ponte venga ripristinato il prima possibile, preferibilmente prima di giovedì, il giorno del San Gavino, il festa patronale del villaggio.

 

Carta del comune di Parata

 

Il piccolo paese di Parata in Castagniccia

 

Fonte: France 3 Corse Via Stella