Capo Corso: il comune di Santa Maria di Lota e i genitori degli alunni contro la chiusura di una classe bilingue

Nel paese di Santa Maria di Lota vicino Bastia all’ingresso di Capo Corso è incominciata la protesta da parte del comune e di tutti gli eletti oltre che dai genitori degli alunni per la chiusura di una classe bilingue nella Scuola elementale di Miomo.

“Non chiudere una  classe  alla scuola bilingue di Santa Maria di Lota” è stato il messaggio, forte, lanciato giovedì mattina da Guy Armanet; il sindaco del comune e una parte del suo consiglio comunale che ha organizzato una conferenza stampa a pochi metri dalla scuola, che ha perso 22 alunni nel giro di pochi mesi. I rappresentanti eletti del comune hanno richiamato i rappresentanti dell’Educazione nazionale a questo proposito per scoprire perché la scuola di Miomo ha perso così tanti studenti in così poco tempo, soprattutto come progetto di un gruppo scolastico di un importo di oltre 4 milioni di euro è impegnato dal comune di Santa Maria di Lota.

La scuola ha attualmente quattro classi e 91 studenti. Ha avuto 13 partenze dall’anno scorso. Non si tratta di partenze per il  collège ma di prelievi volontari dai genitori. Defezioni che nessuno può spiegare. Dall’inizio dell’anno scolastico 2017, la scuola è diventata bilingue. Dovremmo vedere un segnale? Jean-Charles Leonardi, assessore comunale responsabile degli affari scolastici, la pensa in questo modo:

“La scuola di Miomo ha riconosciuto il bilinguismo. Abbiamo pensato che potesse essere una ragione. Le elezioni sono andate molto bene nel 2017. Oltre l’80% dei genitori di studenti ha attuato questo cambiamento. Quello che all’inizio sembrava un problema non è un problema, da qui il nostro interrogativo e la nostra idea.

Questo è ovviamente un semplice calcolo aritmetico, il ritiro e il ritorno dei genitori che ci hanno lasciato temendo la chiusura di una classe. È solo un problema aritmetico perché l’ispezione accademica funziona anche su questo principio: quando perdiamo i bambini, chiudiamo sempre le lezioni, quindi le nostre domande con l’ispezione accademica, proviamo a capire se dalla loro parte hanno le risposte per portarci. ”

La rimozione di una classe aumenterebbe ulteriormente il numero di livelli in ciascuno di esse e le difficoltà di apprendimento per i bambini secondo il comune, che è ora in attesa di risposte dall’ispettorato dell’accademia.

Fonte: France Bleu, Alta Frequenza e Corse net Infos