Arte Mare 2020 : A Bastia u « mostru » COVID un’impedisce i Premii

U festivale di u filmu mediterraneu di Bastia ,Arte Mare, s’hè compiu sabatu sera à u teatru di a cità. Una manifestazione culturale chi festighjava st’annu i so 38 anni, é chi hà ripigliatu fiadu anni fà incù a vulunta di à so presidente Michele Corotti.

Arte mare vole esse ùn scontru culturale chi adunisce è sponde di u mediterraniu , non solu à u livellu cinematograficu ma dinò leterariu, gastronomicu o artitiscu. L’edizione 2020 à causa di a COVID s’hè svolta in formula minima, ma c’hè statu quantunque una cinquantina di filmi à u prugramma ind’è sfarente cumpetizione : corti filmi, documentarii, quella di è scole di sinemà, é a pruduzzione corsa. U tema sceltu st’annu ghjera « i mostri ». Mostri sacri, mostri scunisciuti, mostri brutti à u core d’oru o belli mostri à u core di petra. Mostri pulitichi, pianete o mostrini simplici tutti anu « assaltatu » Arte Mare. E ùn mancava à l’affissu, bella sicura, « I mostri » di Dino Risi . Un festivale di paura allora ? No ùn scontru di piacè durente una settimana.

U festivale di u filmu talianu di Bastia, é Arte Mare custituiscenu è manifestazione culturale maiò di a Corsica dipoi oramai più di 30 anni. Duie iniziative chi anu cume radiche u mediterraniu, fendu cusi di a Corsica à parte di Bastia, ogni ottobre é ogni ferraghju , ùn nucleu induvè s’aggreganu è diverse culture bagnate da u stessu mare. E chi megliu che à Corsica, é Bastìa, ponu purtà sta panera mediterranea ? l’isula ghje sempre stata à l’avant’ guardia geografica di u cuntinente frencese. A so stesa tirrena nè face una terra favurita per accoglie è diversità di ogni sorte venute di tutti i lati di u mare nostrum, latinu o urientale. Un ghje sola, certa ! Sardegna é Sicilia spartenu sti scopi. Ma u golfu di Genua chi ricama a Corsica l’avvicina più che l’altre isule di u spaziu europeu . S’apre cusi una porta, anzi ùn purtò induvè passa u soffiu mediterraneu vers’i nordi europei.
PREMIU KANTARA-PETRU MARI

E cusi che a radiu di serviziu publicu Francebleu RCFM ùn s’hè sbagliata in mettendu in onda più di 20 anni fà, duie trasmissione chi basgianu l’inseme di u mediterraniu. Mediterradio chi pone a prublematica di l’isule, é Kantara chi cuncolta i paesi di l’Africa di u nordu, l’Egitu, u Libanu, a Palestina é a Spagna. E Arte Mare ogn’ annu, dà ùn premiu Kantara-Petru Mari in omaggiu à u creatore di a trasmissione, giurnalistu à RCFM, oghje sparitu. Un premiu chi ricumpensa u filmu chi hà a più bella musica. Per l’edizione 2020 ghje u filmu di u spagnolu Aitor Arzegi « Une vie Secrète », qui hà vintu. U premiu ghje statu rimessu da a giurnalista di Kantara Nanette Ziade di a radiu Publica Libanese, in presenza di a squadra corsa di Kantara.
U vincitore di u Gran Premiu di a Ghjurìa hè statu u regista algérinu Hassen Ferhani per u filmu « 143 rue du désert ». A cumpetizione corsa hà vistu dui laureati, Oceane Court-Mallaroni per « Entre la nuit », é Matteo Moeschler per « Ma blessure d’âge adulte ». In fine ghje u fotografu talianu Marco Castelli chi hà vintu u cuncorsu Kantara di a fotografìa.
Un votu per l’édizione 2021 : che u « mostru » invisibile COVID sìa scunfittu.


PetruLuigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Petru Luigi Alessandri

A proposito di Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Vedi tutti gli articoli di Petru Luigi Alessandri →