Aleria: costruzione di una nuova gendarmeria entro luglio 2022

Nella frazione U Lustincone, vicino all’antica e della zona La Clé des Champs il 23 gennaio il comune di Aleria ha diffuso la notizia della costruzione della nuova caserma della gendarmeria. Da questo altopiano il panorama spazia dal Forte d’Aleria a sud fino alle montagne innevate del Cortenese a ovest. È qui, su una superficie di diversi ettari, che sorgerà la nuova gendarmeria.

Il lavoro visibile non è ancora iniziato. Innanzitutto perché a causa delle forti piogge delle ultime settimane, il terreno non è molto praticabile per le macchine. Poi, perché ci sono ancora alcuni aggiustamenti, soprattutto in termini di reti, prima di iniziare davvero a scavare le basi.

In concreto, le prime macchine edili dovrebbero essere attivate sul lotto entro la fine di gennaio.

“Questo è il culmine di dieci anni di riflessione e confronto con il Ministero dell’Interno, spiega Jean-Claude Franceschi, consigliere comunale. Tutto è iniziato quando è arrivato il comandante della gendarmeria in Corsica ed è venuto a vedere Ange Fraticelli, il sindaco, per sottoporgli il progetto di una nuova gendarmeria ad Aleria “.

L’obiettivo era quindi che l’ufficiale installasse questo centro nevralgico della sicurezza in un crocevia strategico. Aleria essendo situata vicino a Corte, Bastia e Porto Vecchio, il posto era perfetto per costruire i nuovi edifici. “Appena è venuto a parlarmene, ho subito accettato, ricorda Ange Fraticelli. Poi è tornato con una squadra del GIGN per scegliere il luogo esatto. Tutto è calcolato al loro posto. Il terreno della Clé des Champs adatto a loro. ”

26 unità abitative e 17 nuove famiglie

I nuovi edifici ospiteranno quindi la squadra di intervento della gendarmeria nazionale (Psig), la brigata motorizzata e un centro amministrativo, oltre a 26 unità abitative riservate ai soldati e alle loro famiglie. Il tutto affittato dal comune di Aleria al ministero dell’Interno, poiché è lei a sostenere il costo dei lavori.

“È un guadagno economico per la nostra città, assicura Jean-Claude Franceschi. Qui si stabiliranno 17 famiglie appena terminati i lavori. Bambini che andranno a scuola e genitori che utilizzeranno questa zona”.

Un nuovo boom per questa cittadina che oggi conta quasi 2.500 abitanti.
“Speriamo in un aumento della popolazione nei prossimi anni, precisa Jean-Claude Franceschi. Il complesso scolastico verrà ampliato e sono previste anche altre 50 unità abitative dietro la caserma dei vigili del fuoco”.

Quanto al futuro dei locali che ospitano l’attuale gendarmeria, il municipio non può farsi avanti. “E’ privato. Suppongo che i proprietari non avranno problemi ad affittare. In ogni caso, ci saranno più alloggi”, conclude l’assessore comunale.

Forte opposizione del Cullettivu Paisanu Indipendentistu Corsu

Il Cullettivu Paisanu Indipendentistu Corsu costituito l’8 maggio 2019 a Ponte Nuovo e che ha sede a Marignana ha subito diramato un comunicato su facebook:

Il Cullettivu Paisanu Indipendentistu Corsu condanna l’istituzione in Aleria di una nuova Gendarmeria e la posizione della maggioranza comunale di questo comune favorevole a tale istituzione. La costruzione di una nuova gendarmeria francese dimostra la crescente presenza coloniale della Francia sulla nostra terra ancestrale negli ultimi quindici anni, le sue volontà repressive, così come le sue volontà ora egemoniche e illimitate sulla nostra terra mentre pratica praticamente il genocidio per sostituzione della popolazione con la benedizione attiva e passiva di tutti i funzionari eletti dell’isola. Oggi stiamo pagando per più di cinque anni di negazioni politiche con una politica collaborazionista di questa attuale maggioranza della CDC francese con il potere occupante e coloniale! Ora non è il momento per i discorsi collaborazionisti al miele per compiacere questo potere coloniale e le dichiarazioni di circostanze elettorali per mantenere i suoi seggi pieghevoli generosamente pagati da questa Francia a cui non vogliamo dispiacere e con cui soprattutto non vogliamo rompere!! È giunto il momento di riprendere la lotta politica militante voltando le spalle a tali pratiche ed emarginando definitivamente tutti questi traditori politici alla nostra causa e alla nostra più che laica lotta!

Fonte: Corse Matin Cullettivu Paisanu Indipendentistu Corsu

 

Andréa Meloni

Nato a Genova nel 1986, laureato in Scienze Geografiche nel 2013. Ha collaborato nel 2016 e 2017 con la Geo4Map (ex DeAgostini) di Novara, nel 2018 ha scritto alcuni articoli sul Secolo XIX. Insegna dal 2018 Geografia nelle scuole superiori a Genova, è socio dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) e abita nell'Appennino Ligure al confine tra Piemonte e Liguria. Ama anche la storia e ama la Corsica dal 2010 e ha visitato due volte l'isola.

A proposito di Andrea Meloni

Nato a Genova nel 1986, laureato in Scienze Geografiche nel 2013. Ha collaborato nel 2016 e 2017 con la Geo4Map (ex DeAgostini) di Novara, nel 2018 ha scritto alcuni articoli sul Secolo XIX. Insegna dal 2018 Geografia nelle scuole superiori a Genova, è socio dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) e abita nell'Appennino Ligure al confine tra Piemonte e Liguria. Ama anche la storia e ama la Corsica dal 2010 e ha visitato due volte l'isola.

Vedi tutti gli articoli di Andrea Meloni →