Ajaccio: uno spettacolare crash-test per sensibilizzare gli studenti agli incidenti stradali

Nella corte del collegio Laetitia ad Ajaccio, lo shock è di estrema violenza. Lanciato a soli 50 km/h, l’auto ha appena colpito il conducente di un due ruote, sbalzato a più di 15 metri.

Nonostante la collisione, nessuno è ferito. Il conducente è un manichino e l’incidente una simulazione per sensibilizzare gli studenti. «Conoscevo i pericoli, ma non avevo paura. Ma dopo lo shock che ho visto, mi ha fatto strano», dice uno di loro. Combattere i comportamenti a rischio è una sfida importante per i professionisti della prevenzione stradale. In primo luogo perché dai 15 ai 24 anni sono le prime vittime degli incidenti stradali.

La Corsica rimane anche una delle regioni con più incidenti in Francia, 27 morti nel 2019: 19 in Alta Corsica, 8 in Corsica del Sud. “Non li salveremo tutti. Ma alcuni prenderanno coscienza. Alcuni esitavano a prendere uno scooter, oggi so che alcuni non ne prenderanno”, spiega Pascal Dragotto, pilota del rischio automobilistico.

A pochi metri di distanza, un’autobotte permette di prendere coscienza dell’importanza della cintura di sicurezza.

“Tuttavia, questo workshop è troppo spesso visto come un’attrazione dal pubblico più giovane. Ci auguriamo almeno che ci siano 10-15% di persone coscienti. E se ne sono consapevoli, saranno tutti i bambini a mandare il messaggio ai genitori, agli amici. È con questi che si intende far passare il messaggio”, afferma Pierre Foulquier, animatore della sicurezza stradale.

La lotta per ridurre la mortalità sulle strade continua lunedì, il ministro dell’agricoltura, Didier Guillaume, si è detto favorevole all’instaurazione della tolleranza 0 per i conducenti.

Fonte: France 3 Corse Via Stella

Foto: Corse Net Infos