Ad Ajaccio la seconda edizione degli Incontri Mediterranei del commercio e del centro città

Capofila del progetto, la città di Ajaccio ha ricevuto i Secondi incontri intorno al tema del commercio e del centro che si sono tenuti ieri all’Espace Diamant dalle 9:30 alle 17:30, riunendo cinque partner tra cui città delle regioni PACA, LiguriaToscana e della Sardegna. Questi incontri hanno permesso lo scambio di esperienze, azioni e metodologia al fine di rivitalizzare le imprese e ripristinare l’attrattiva dei centri città.

La città imperiale ieri ha ospitato le seconde edizione degli Incontri del commercio e del centro del Mediterraneo. Promotore degli Incontri il CIEVP – Competitività e innovazione delle compagnie delle città portuali, Ajaccio è circondato da cinque partner: Antibes-Juan-Les-Pins, Alghero, Genova, Portoferraio e l’Università della Corsica. Questo progetto fa parte del Programma Operativo Marittimo 2014/2020 lanciato nel 2015 dalla Toscana. Lanciato ufficialmente nel gennaio 2017 con i primi incontri, Ajaccio accoglie per la seconda volta questi Incontri. Sul programma, la presentazione del lavoro svolto e lo scambio di esperienze a beneficio di ciascuno.

“Il fatto di condividere le esperienze con le città che hanno problemi simili ai nostri porta due cose, ha spiegato Sébastien Feracci, direttore del commercio, dell’artigianato della città di Ajaccio. In primo luogo, ci permette di apprezzare come sono indirizzati con precisione le questioni nel contesto. Ci rendiamo conto che spesso abbiamo gli stessi approcci. Poi la parte delle azioni che alcuni partner sono stati in grado di implementare, ci, ove possibile e se è sufficiente per essere in grado di duplicare e quindi può risparmiare tempo sulla metodologia e le pratiche permette.
L’attuale clima economico non è favorevole in questo momento per i piccoli commercianti, è una realtà, ha un contesto regionale che cambia anche con l’arrivo di due grandi centri commerciali in periferia. Il nostro obiettivo è quello di attuare azioni che ripristinare l’attrattivà del centro della città, la visibilità dei suoi commercianti per fornire una maggiore equità nel cuore della città, rispetto alla concorrenza di grandi centri commerciali, ma anche in quello della vendita per corrispondenza “.

Ragionamento mediterraneo

Al di là dei temi principali affrontati, la città di Ajaccio ha voluto dimostrare che oltre alle azioni locali, è stata in grado di federarsi e splendere sul Mediterraneo, come spiega Sylvie Muraccioli, direttore degli affari europei e internazionali.
“L’interesse per Ajaccio per ricevere questo incontro è quello di essere in grado di irradiare in tutto il Mediterraneo per dimostrare che siamo fortemente coinvolti nella risoluzione dei problemi che riguardano la nostra città oggi. Abbiamo lavorato a questo progetto dal 2015. Oggi vediamo elementi concreti di realizzazione. È quindi motivo di orgoglio che il lavoro svolto abbia portato frutti oggi. Le azioni che sono state svolte ovviamente non da sole risolvono tutti i problemi incontrati dai commercianti della città, ma d’altra parte possono contribuire fortemente ad una maggiore attrattività del cuore della città. Abbiamo anche lavorato con altri attori locali e in particolare con l’Università della Corsica. UMR LISA era responsabile di uno studio socio-economico con gli utenti. Questo ci ha permesso di sviluppare un piano d’azione locale che è stato poi condiviso con i nostri partner transfrontalieri. ”

È quindi naturale che sia tornato dal sindaco della città ospitante, Laurent Marcangeli, per aprire questi incontri:
“Questi incontri che si svolgono ad Ajaccio sono un bellissimo simbolo. Mostrano che la città di Ajaccio è, per cinque anni, in una prospettiva di lavoro, scambio per pensare alla città di domani. Il governo ha anche lanciato il progetto nazionale “Cuore della città” ed è naturale che la città imperiale abbia trovato il suo posto fin dall’inizio. Con la sua esperienza e i suoi scambi, i suoi incontri mirano a imparare dagli altri e condividere le nostre azioni. Questi incontri ci permetteranno di parlare della restituzione dello spazio pubblico, dell’accessibilità, della promozione del commercio e dell’artigianato, del parcheggio, della ventilazione, della condivisione, dell’alloggio. Attraverso il sua esperianza, daremo una bella immagine delle nostre città, ma anche una dinamica ambiziosa al servizio dello sviluppo dei nostri centri città.”

Un’identità commerciale per Ajaccio

Per tutto il giorno sono quindi riusciti quattro tavole rotonde su temi specifici: il centro di previsione di business e le azioni pubbliche, spazi commerciali di qualità e attrattività del centro, le prospettive per un ufficio del commercio e dell’artigianato a beneficio di centro e arti e mestieri e l’attrattiva dei centri città.
Alla fine della giornata, il primo vice, Stephen Sbraggia, si è detto molto soddisfatto del lavoro svolto: “Questa valutazione è stata basata su una diagnosi, ma anche in termini di somiglianze attrattività . La città di Ajaccio ha un piano d’azione con molti strumenti. Abbiamo bisogno di rilasciare un motore per generare reazioni e colmare uno squilibrio che esiste oggi tra il cuore della città e la periferia. Dobbiamo affrontare un significativo vuoto commerciale. L’obiettivo del nostro progetto globale è quello di sviluppare e dare al centro della città di Ajaccio un’identità commerciale e un forte valore aggiunto con, ad esempio, le imprese innovative “.
Al di fuori dei grandi progetti avviati intorno alla riqualificazione della piazza Campinchi e il patrimonio, altre azioni sono state presentate come chioschi messa in servizio per la promozione di attività e di intrattenimento nel centro della città, il dispiegamento di sensori flussi pedonali, la carta della qualità dell’occupazione di pubblico dominio e una guida del commerciante e dell’artigiano ajaccino.

Fonte: Corse Net Infos