Ad Ajaccio 7.000 nuovi alloggi previsti entro 15 anni

Il Plan local d’urbanisme (PLU) votato dal consiglio comunale il 25 novembre prevede la costruzione di 7.000 unità abitative entro il 2035. Il municipio sottolinea in particolare la necessità di alloggi sociali

Alla vigilia delle elezioni comunali e il giorno dopo il voto sul nuovo piano di Plan local d’urbanisme (PLU) della città, il 25 novembre, gli sfidanti prevalentemente nazionalisti di Laurent Marcangeli usano il concetto di “concretizzazione” della città come angolo di attacco.

Il tema è promettente: per diversi mesi, i residenti e le associazioni di protezione ambientale hanno espresso pubblicamente le loro preoccupazioni per la creazione di programmi immobiliari progettati, a loro avviso, senza pensare allo sviluppo complessivo, in una città satura e privo di verde. “Le 4.000 costruzioni realizzate negli ultimi sei anni rientrano nel PLU del 2013”, ribatte Nicole Ottavy. Il rappresentante eletto responsabile del difficile dossier di pianificazione urbana ha protestato contro il processo concreto che sta svolgendo l’attuale squadra municipale e sottolinea il carattere nel suo senso “ampiamente più restrittivo” in termini di costruibilità del nuovo PLU: ” Ci sono molte notizie false. Con questo PLU stiamo prendendo il controllo dello sviluppo della città per smettere di fare ciò che è stato fatto finora! ”

Una città che attira

Il nuovo PLU prevede la costruzione di 7.000 nuove case nei prossimi quindici anni.

La crescita della popolazione spiega soprattutto la necessità di nuove abitazioni, sostiene l’esecutivo municipale. Con una previsione del + 0,9% all’anno (un’ipotesi rivista al ribasso su richiesta dello Stato), la diagnosi posta dagli autori del piano di pianificazione urbana locale stabilisce che nel 2035 Ajaccio avrà 81.819 abitanti , che rappresenta un potenziale aumento di 10.927 abitanti. Una crescita pienamente assunta da Laurent Marcangeli: “Che cosa avrei sentito da te se fossi stato il sindaco di una città che aveva perso abitanti? Ajaccio attira persone, giovani della regione (leggi sotto) Il contrario mi preoccuperebbe, quindi presumo che stiamo realizzando un documento di pianificazione urbana che accompagni questo sviluppo “, ha lanciato il sindaco a Paul Leonetti la sera del voto del PLU. Da parte sua, il consigliere dell’opposizione (Corsica Libera) ha castigato la parte, che riteneva troppo buona, lasciata agli sviluppatori immobiliari.

Un altro argomento avanzato dall’esecutivo municipale per giustificare la proiezione di 7.000 nuove case: la mancanza di alloggi sociali. Nel PLU, la necessità di alloggi a basso costo (HLM) è stimata in 2.600 unità abitative nei prossimi quindici anni, oltre alle 4.420 unità abitative da soddisfare al fine di soddisfare la crescita demografica e il fenomeno del decubito (separazione , bambini adulti che escono di casa, ecc.). “Due terzi della città possono beneficiare di alloggi sociali, ha affermato Nicole Ottavy. Secondo la legge, Ajaccio deve garantire una quota del 25% di alloggi sociali e siamo a malapena del 17%. Da due anni paghiamo circa mezzo milione di euro all’anno in multe allo stato “.

E gli eletti per ricordare le circa 3.000 richieste in sospeso all’Ufficio pubblico per l’edilizia abitativa. “Siamo in grado di soddisfare solo dalle 150 alle 180 richieste all’anno! Ma abbiamo dei piani. Riabiliteremo gli alloggi non abitabili nel centro della città oltre alle nuove costruzioni.”


In una pubblicazione pubblicata sul suo sito Web lo scorso agosto, intitolata “Plu d’Ajaccio: l’urbanistica potenziata dall’EPO!”, L’associazione ambientale ha stimato la necessità della città in circa 5.500 unità abitative all’orizzonte 15 anni L’associazione ha recentemente lanciato un conteggio molto preciso, esaminando tutti i programmi immobiliari, del numero di abitazioni autorizzate non ancora consegnate il 1 ° gennaio 2019. Stima quindi circa 3.800 il numero di abitazioni in costruzione. Una cifra che si oppone alle 2.417 unità abitative in costruzione identificate dagli editori del PLU. O un differenziale di 1.383 abitazioni.

Inoltre, se U Levante non prestasse particolare attenzione alla questione dell’edilizia popolare, uno dei suoi portavoce ha respirato di sorpresa: “Di queste 3.800 abitazioni autorizzate e non ancora consegnate, almeno mille dovrebbero, secondo le quote stabilite dal regolamento del PLU del 2013, logicamente, rientrano nel campo dell’edilizia popolare … “Ciò implica che le stime del municipio che necessita della creazione di alloggi sociali dovrebbero, in linea di principio, essere riviste al cadere.

Fondamentalmente, U Levante, che desidera ricordare il suo carattere apolitico, accusa il PLU di Ajaccio di sopravvalutare le esigenze della città in termini di abitazioni. E prevedere una suddivisione in zone ingombrante e ingiustificata di terreni urbanizzabili a scapito delle aree agricole e naturali. “La gente ha bisogno di un alloggio. Quindi cosa facciamo?” Ribatte, esasperato, Nicole Ottavy. “Le terre che sono nelle linee guida per lo sviluppo pubblico non saranno urbanizzate fino a quando tutte le altre terre non saranno state consumate. La legge ci impone in ogni caso di addensarci il più possibile nei denti cavi. E se queste aree non sono necessarie per essere consumati entro nove anni, passeranno in una zona naturale o agricola “, assicura il funzionario eletto, che spera di mettere a tacere la paura di un’urbanizzazione eccessiva.

Fonte: Corse Matin