A Lozzi, la Corsica si è riunita per dare l’ultimo saluto a Edmond Simeoni

Questo lunedì, 17 dicembre, i funerali di Edmond Simeoni si sono svolti a Lozzi. Il padre fondatore del nazionalismo corso morto venerdì 14 dicembre all’età di 84 anni.

Sulla sede della collettività territoriale ad Ajaccio, le bandiere sono state messe a mezz’asta. Sono circondati da un nastro di stoffa nero. In tutta la Corsica, bandiere, candele sono state viste sulle finestre da venerdì. A Bastia, centinaia di persone sono andate a dare un ultimo omaggio a Edmond Simeoni e hanno offerto le loro condoglianze alla sua famiglia nella chiesa di San Rocco.

Circa 1.500 persone sono arrivate da tutta la Corsica. Attivisti e persone comuni si riuniscono sul piazzale della chiesa di San Giacomo di Lozzi, il paese originario della famiglia Simeoni.

È in questo paese del Niolo che si sono tenuti i funerali di Edmond Simeoni. Il padre fondatore del nazionalismo corso è morto venerdì all’età di 84 anni.

L’uomo di pace

La cerimonia è iniziata con una canzone “A paghjella di l’impiccati” eseguita dal gruppo A Filetta. Fu proprio Edmond Simeoni a scegliere questa canzone con un significato politico.

Dopo la canzone sugli impiccati del Niolo, quella dei suoi pastori, con un’altra canzone del gruppo: “A Muntagnera”. Edmond Simeoni aveva chiesto un funerale religioso, è il vescovo di Ajaccio Olivier de Germay che ha detto la messa e reso omaggio all’uomo di pace.

I figli di Edmond Simeoni, Marc e Gilles, hanno fatto un discorso più personale. Edmond Simeoni aveva scelto la cremazione che si svolgerà nell’intimità familiare.

Personalità

Tra le persone comuni c’erano anche alcune personalità politiche che hanno voluto paretecipare. Il presidente dell’Assemblea della Corsica, Jean-Guy Talamoni è venuto per un ultimo saluto. Tra la folla, c’è il prefetto della Corsica Josiane Chevalier con Gérard Gavory, prefetto dell’Alta Corsica.

Gli attivisti di lunga data come Pierre Poggioli o il deputato Jean-Félix Acquaviva che accompagnano la famiglia del defunto. Sono presenti anche i consiglieri territoriali di destra Camille de Rocca Serra e Jean-Martin Mondoloni.

Il deputato Michel Castellani accoglie Jean Lassalle, deputato e candidato alle elezioni presidenziali per le quali l’impegno di Edmond Simeoni supera la Corsica. “Ha permesso di attraversare, in questo mondo già globalizzato, dove tutto era contro di noi, una delle avventure più belle della nostra era”, dice.

Altre personalità presenti: il sindaco di Bonifacio Jean-Charles Orsucci, il deputato Paul-André Colombani, il presidente di Adec Jean-Christophe Angelini, il sindaco di Peri Xavier Lacombe, i consiglieri esecutivi Jean Biancucci, Lionel Mortini e Vanina Borromei, il sindaco di Bastia Pierre Savelli e molte figure del mondo culturale insulare.

Affluenza

Le persone attese erano tante che è stato predisposto un dispositivo di sicurezza per facilitare l’accesso alla chiesa di San Giacomo di Lozzi. La strada è bloccata nel paese di Calacuccia dove è stato allestito un sistema di navette per raggiungere Lozzi.

Più di 80 volontari hanno assicurato la sicurezza e l’accoglienza delle persone che vengono a partecipare ai funerali di Edmond Simeoni. “Abbiamo risposto alla chiamata del partito Femu a Corsica che ci ha chiesto se potevamo essere presenti per aiutare i comuni e la famiglia di Edmond affinché tutto andasse perfettamente e che abbia l’omaggio che merita” ha detto uno dei volontari.

 

Fonte: France 3 Corse Via Stella