A Bastia le autoscuole manifestano contro la riforma della patente di guida

Questo lunedì mattina, le scuole guida corse hanno manifestato contro la relazione Dumas che mira a ridurre il prezzo della patente di guida. I professionisti denunciano, loro, una liberalizzazione dell’apprendistato della guida. Una delegazione è stata ricevuta dalla prefettura dell’Alta Corsica.

Questo lunedì mattina, il suono dei clacson non finisce. Parte del parcheggio Furiani, una ventina di auto delle scuole guida. A bordo, i professionisti dell’apprendimento alla guida sono arrabbiati. Denunciano il rapporto Dumas che, secondo loro, liberalizza il sistema di apprendimento della guida, minacciando le scuole guida locali e 4-5.000 posti di lavoro in tutta la Francia. Una delegazione di professionisti è stata ricevuta alla fine della mattinata dal capo dello staff del prefetto dell’Alta Corsica.

Il rapporto Dumas al Primo Ministro pochi giorni fa non è ancora stato esaminato dal governo ma è già preoccupante per le 53 scuole guida della Corsica. Secondo i professionisti del settore, faciliterà il mercato delle piattaforme online, il permesso di stabilire franchising sull’isola e ridurre il legame tra il conducente dell’apprendista e la scuola guida, secondo Martine Guadagnini, presidentessa regionale del Conseil National des Professions de l’Automobile (CNPA) sezione pôle éducation routière ha detto:

Accreditamento nazionale significa meno controlli, meno interlocutori. (…) Ho fiducia nella popolazione locale e quando non sono felici vengono a trovarci. Quando non sono contenti ci sarà solo un “punto com”  e non ci saranno più interlocutori, più niente.”

Secondo i professionisti, da gennaio in Corsica, il calo delle iscrizioni è già stato confermato dal presidente regionale dell’NFPC.

 

Fonte: France 3 Corse Via Stella