85 ettari distrutti da un incendio a Venaco

Il 17 agosto si è sviluppato un violento incendio a Venaco nel Cortenese (Alta Corsica), che nonostante i molti mezzi mobilitati ha distrutto ben 85 ettari di macchia mediterranea, pini e di foresta.

Verso le 15 l’incendio si è sviluppato presso la piscina di Venaco in località Ajeluzzico alle falde della Punta di Capezzolo (2.106 m) che sovrasta il centro abitato; dopo che è partito l’allarme è intervenuto il Servizio Dipartimentale di Incendio e Soccorso (SDIS) dell’Alta Corsica da Furiani con due aerei antincendio Tracker a cui si sono aggiunti tre Canadair provenienti dal continente parte del SDIS delle Alpi Marittime di Villeneuve Loubet. Contemporanemente hanno raggiunto Venaco quasi cento Vigili del Fuoco divisi in tre gruppi d’intervento, ma nonostante tutto l’incendio è continuato all’interno della pineta.

Nonostante la grandezza della zona coinvolta dall’incendio non ha minacciato nessuna abitazione, l’incendio ha distrutto tutta la zona boschiva nei pressi della RN 193 e sono intervenuti i Vigili del Fuoco dalla Balagna e anche alcuni elicotteri. In serata si è aggiunto un altro gruppo d’intervento dello SDIS dell’Alta Corsica ma i risultati sono stati vani.

Alle 20 risultavano presenti in zona 124 Vigili del Fuoco e militari della Sécurité civile (Protezione Civile) per tentare di estinguere il grave incendio e gli aerei mobilitati erano due Tracker, cinque Canadair, un Dash a cui si è aggiunto un elicottero antincendio e l’aereo di ricognizione Horus, un Cessna 208.

Finora quindi l’incendio di Venaco risulta il più grande che ha colpito finora l’isola in questa calda estate.

L’incendio ha causato anche una caduta di tronchi sulla linea ferroviaria tra Vivario e Corte e sono stati sostiuiti da un autobus. Il giorno dopo una squadra dei Chemins de fer de la Corse (CFC) è intervenuta a liberare i binari e la linea è stata completamente riaperta lo stesso pomeriggio.

Ecco un filmato amatoriale dell’incendio:

———
Fonte: Corse Net Infos e Alta Frequenza